Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
28 Novembre 2011 | ROMA, ITALIA

Cities for Life - 29 e 30 novembre 2011 - Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia a Roma, Città per la Vita, città contro la pena di morte e cerimonia conclusiva al Colosseo (Roma)

 
versione stampabile

Comunità di Sant'Egidio

Giornata Internazionale CITIES FOR LIFE
Città per la Vita, Città contro la Pena di morte

Più di 20 Ministri della Giustizia a Roma per un Summit

per l’abolizione della Pena di Morte

In tutto il mondo, più di 1400 città, di 87paesi

in una grande mobilitazione per fermare la pena di morte

A Roma due grandi appuntamenti il 29 e il 30 novembre

 


La Giornata Internazionale di Cities for Life sarà inaugurata a Roma, il 29 novembre, dal  VI Congresso internazionale dei Ministri della Giustizia: “Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale No Justice Without Life , organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio.

Insieme al Ministro della Giustizia italiano Paola Severino interverranno i rappresentanti dell’Unione Europea,  e Ministri della Giustizia di numerosi paesi (Francia, Benin, Burkina Faso, Capo Verde, Repubblica Centrafricana, Costa d’Avorio, Eritrea, Gabon, Guinea, Lesotho, Mali, Niger, Rwanda, Tanzania, Cambogia, Ecuador, Honduras, Norvegia, Kenya, Sudafrica, Sud Sudan, El Salvador ) e rilevanti personalità di governo di Mongolia, Filippine, Guinea Bissau, Mozambico, Burundi, insieme ad una delegazione di deputati e senatori dell’Illinois –ultimo stato USA ad avere abolito la pena capitale.

Per sviluppare nuove strategie e visioni comuni Sant’Egidio organizza ogni anno, dal 2004, una Conferenza Internazionale dei Ministri della Giustizia, di giuristi e membri delle Corti Supreme, da paesi che hanno abolito la pena capitale e da paesi mantenitori. Le Conferenze Internazionali rappresentano il laboratorio di un metodo di lavoro che continua a tutti i livelli, dalla società civile, al dialogo con le leadership e i rappresentanti politici, durante l’anno, in tutti i paesi che intervengono. Il Congresso di Roma è giunto alla sua sesta edizione.

Il 30 novembre gli ospiti saranno ricevuti dal Presidente del Senato Renato Schifani


I frutti negli ultimi anni della Giornata Internazionale contro la pena di morte:

Meno della metà dei paesi mantenitori ha eseguito condanne a morte e in meno di un terzo di questi paesi si sono eseguite condanne a morte ogni anno nell'ultimo quadriennio.
Hanno abolito la pena di morte per tutti i reati: Bhutan, Grecia, Samoa, Senegal e Turchia (Nel 2004). Liberia  e Messico (2005). Filippine (2006). Albania, Isole Cook, Kyrgyzstan e Ruanda e Kazakstan, che ha abolito per i reati ordinar (2007). Uzbekistan e Argentina (2008). Burundi e Togo (2009).

Nel 2010: Gabon, è divenuto il 16° Paese abolizionista dell'Unione africana.

Negli ultimi 10 anni, 31 paesi hanno abolito la pena di morte nella legge o nella prassi.

In un anno (2009-2010) il numero complessivo delle esecuzioni è calato di un terzo. Negli Stati Uniti d'America nel 2010 sono state emesse un terzo di sentenze che si registravano a metà degli anni Novanta.

Nel gennaio 2010 il Presidente della Mongolia ha annunciato una moratoria sulle esecuzioni in vista dell'abolizione della pena di morte.

Nel 2011, l'Illinois è diventato il 16° stato degli Usa ad aver abolito la pena capitale.
Undici Paesi hanno emesso sentenze capitali ma hanno continuato a non eseguire condanne a morte: Afghanistan, Brunei Darussalam, Corea del Sud, India, Indonesia, Laos, Maldive, Myanmar, Pakistan, Sri Lanka e Thailandia.

 

Dalla moratoria all'abolizione della pena capitale
No Justice Without Life

VI Congresso Internazionale  dei Ministri della Giustizia

Palazzo Altieri – Piazza del Gesù 50

Roma, 29 novembre, ore 9.30

La Giornata Internazionale delle “Città per la Vita, Città contro la Pena di morte “- che si celebra ogni 30 Novembre, in ricordo dell’anniversario della prima abolizione della pena capitale ad opera di uno stato europeo, il Granducato di Toscana, avvenuta nell’anno 1786 – rappresenta una straordinaria iniziativa che nel corso degli anni ha riunito numerose amministrazioni locali e società civili, per offrire e promuovere universalmente questa battaglia tanto decisiva per l’umanità intera.

 

L’edizione di quest’anno, 2011, ha avuto l’adesione di oltre 1.400 città, ( 500 in Italia) di cui 66 capitali, in 87 paesi di ogni continente. Rappresenta la più grande mobilitazione internazionale finora realizzata per fermare nel mondo tutte le esecuzioni capitali.

In occasione di questa decima edizione di Cities for Life, le città coinvolte daranno vita a iniziative culturali e di sensibilizzazione dell’opinione pubblica sostenute e organizzate in sinergia con la Comunità di Sant’Egidio e associazioni ad essa collegate, in Italia e in altri Paesi.

Saranno presenti in Italia, in questi giorni, importanti testimoni, ex condannati a morte e parenti delle vittime di questa battaglia.

ANTHONY GRAVES -  Fu rilasciato il 27 ottobre 2010, dopo aver trascorso 16 anni nel braccio della morte. Era stato condannato nel 1994 con l’accusa di essere stato complice di un omicidio plurimo, sebbene non vi fosse alcuna prova certa che ne dimostrasse la colpevolezza. Nel 2006 la Corte di Appello ha ribaltato la sentenza del primo processo, dopo aver riconosciuto che l’accusa aveva utilizzato delle dichiarazioni false o assolutamente inattendibili. Anthony è stato il dodicesimo detenuto ad essere stato rilasciato dal braccio della morte in Texas, il 138° negli Stati Uniti dal 1973.

DAVE ATWOOD – E’ uno degli uomini più impegnati nella lotta contro la pena di morte negli Stati Uniti. Ha fondato nel 1995 la Texas Coalition to Abolish the Death Penalty (TCADP). Attualmente fa parte del consiglio direttivo dell’organizzazione. In passato è stato uno dei dirigenti della National Coalition to Abolish the Death Penalty (NCADP) e di Pax Christi USA. E’ molto attivo nella diffusione di campagne abolizioniste attraverso frequenti conferenze nelle scuole, nelle università e nelle chiese del Texas e degli altri stati federali. Visita di frequente i detenuti nei bracci della morte sin dagli anni ’90 ed ha incontrato la Comunità di Sant’Egidio per la prima volta quando alcune persone dell’associazione cattolica cominciarono a far visita a Dominique Green, un grande amico comune, che poi venne messo a morte nel 2004 e che lo stesso Dave accompagnò sino alla fine.

 GORDON STEIDL – E’ stato il 114° condannato a morte riconosciuto innocente negli  Stati Uniti (il 18° in Illinois). La sentenza giunse nel 1987 con l’accusa di aver ucciso Dyke e Karen Rhoads nel 1986. Fu liberato nel 2004, dopo aver trascorso 17 anni in carcere (di cui quasi 12 nel braccio della morte) in Illinois, dopo che nel 2000 un giudice aveva accertato che le indagini della polizia erano state  condotte in maniera assolutamente impropria.

E’ stato fondamentale il suo contributo nella campagna per abolire la pena capitale in Illinois, che proprio quest’anno è diventato il 16° stato americano a non contemplarla più nella sua legislazione.

 RAIS BHUIYAN - Nei giorni successivi all’11 settembre 2001 un uomo decise di vendicare da solo le vittime dell’attentato alle torri gemelle di New York con varie spedizioni punitive. Per questo si mise a cercare immigrati che potessero essere secondo lui mediorientali o comunque musulmani. In un agguato ferì  gravemente al volto Rais Bhuiyan, nato in Bangladesh, solo da pochi mesi negli Stati Uniti. Rais perse l’occhio, ma provvidenzialmente riuscì a sopravvivere.

Rais non solo è riuscito a perdonare il suo attentatore, ma si è battuto fino all’ultimo – purtroppo invano - affinché non fosse ucciso per mano dello stato, e perché quel crescendo di violenza si concludesse senza versare altro sangue.


A Roma il 30 novembre alle ore 19.00 al Colosseo, si svolgerà la Cerimonia finale con l’illuminazione “speciale” del Colosseo, diventato il simbolo mondiale della Giornata Internazionale di Cities For Life.




Tutte le informazioni sulla Giornata Internazionale:
 http://nodeathpenalty.santegidio.org/index.aspx

www.santegidio.org
 

Piazza di S. Egidio 3/a – 00153 Roma - Tel 39.06585661  -  Fax 39.065883625

www.santegidio.org   Email – [email protected]


 LEGGI ANCHE
• NEWS
28 Luglio 2016

In Indonesia nuove esecuzioni. Sant’Egidio: “Moratoria della pena di morte durante il Giubileo della Misericordia”

IT | FR | PT
14 Luglio 2016
ROMA, ITALIA

Il presidente della Guinea, Alpha Condé, visita Sant'Egidio: si parla di pace, di DREAM e di abolire la pena di morte

IT | ES | DE | CA
5 Luglio 2016

Pena di morte: un passo importante verso l'abolizione in Guinea-Conakry

IT | EN | ES | DE | FR | CA
24 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA

Sant'Egidio porta la voce dell'Africa e dell'Asia al Congresso Internazionale delle Associazioni contro la pena di morte

IT | ES | FR
22 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA

Il papa al Congresso di Oslo contro la pena di morte: E' inammissibile, il comandamento 'non uccidere' ha valore assoluto

IT | DE
21 Giugno 2016
OSLO, NORVEGIA

Sant'Egidio al VI Congresso Mondiale contro la Pena di Morte

tutte le news
• STAMPA
6 Luglio 2016
Avvenire

Pena di morte. Conakry verso il bando «Grazie a Sant'Egidio per il sostegno»

24 Giugno 2016
Zenit - Ed. Tedesca

Sant'Egidio unterstützt Abschaffung der Todesstrafe in Indonesien und auf den Philippinen

22 Giugno 2016
Avvenire

Il Papa: pena di morte inammissibile, contro il piano di Dio

19 Giugno 2016
Radio Vaticana

Oslo, vigilia del Congresso contro la pena di morte

10 Giugno 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Troppe fedi non combattono la pena di morte

24 Maggio 2016
News.va

Chiesa e società civile contro le nuove esecuzioni capitali

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

25 Marzo 2015
GIAPPONE

Messaggio a 1 anno dalla liberazione di Iwao Hakamada

25 Marzo 2015
PAKISTAN

PAKISTAN: sospesa l'esecuzione di un condannato a morte minorenne

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

5 Marzo 2015
Vatican Insider

Abolizione pena di morte: nuovo appello della Santa Sede

5 Marzo 2015
Onuitalia.com il giornale italiano delle Nazioni Unite

Pena di morte: Vaticano all’ONU dice basta esecuzioni

5 Marzo 2015
Avvenire

Appello vaticano: stop alla pena di morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Mario Marazziti: rifiutare la logica della pena di morte per non cedere alla trappola del terrore

Statement by Minister J. Kamara on the death penalty in Sierra Leone

Vice President Mnangagwa: Zimbabwe's steps toward the abolition of the death penalty

Tanni Taher: the commitment of Sant'Egidio against the death penalty in Indonesia

Jean-Louis Ville: Europe is against the death penalty.

Cambodian Minister of Justice, Ang Vong Vathana: Cambodia as a model of Asian country without the death penalty

tutti i documenti
• LIBRI

Keerpunt





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

VIDEO FOTO
2:
Malawi contro la pena di morte
4:01
Cities for life: da Roma al mondo contro la pena di morte

466 visite

392 visite

441 visite

504 visite

467 visite
tutta i media correlati