Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
9 Aprile 2000

Mozambico - continuano gli aiuti. Relazione di Piero Bestaggini

 
versione stampabile

MAGOANINE

 

La comunità di Maputo è ancora in prima linea nel cercare di aiutare la popolazione colpita dalle piogge e dalle alluvioni. Non senza difficoltà, è riuscita ad effettuare la distribuzione di circa 6 tonnellate di aiuti alimentari a 220 famiglie nel campo profughi di Magoanine, nell'estrema periferia nord di Maputo, dove è stata stipata la maggior parte delle famiglie dei quartieri più colpiti (Bairro Ferroviario e Polana Caniço). A questo campo quasi nessuno giunge per effettuare distribuzioni di alimenti sia per la difficoltà di percorrere la strada sabbiosa di tre Km che congiunge il campo alla strada asfaltata, sia per la difficoltà di organizzare un sistema di distribuzione. E' stata una delle rare volte, ci diceva la gente, in cui a Magoanine un pacco di alimenti (circa 25 Kg per famiglia) è giunto direttamente nelle mani di chi ne necessitava.

Abbiamo effettuato le distribuzioni nella parte più estrema del campo dove vive la gente che non ha ancora ricevuto il pezzo di terra che lo Stato dà per ricostruire una abitazione. Qui si vive fino a dieci famiglie nella stessa tenda o baracchetta.

La comunità distribuisce anche circa 60 pasti caldi agli anziani che vivono per strada nel quartiere della Baixa a Maputo; con l'alluvione i prezzi dei generi alimentari sono cresciuti notevolmente e chi era già povero ora non è più in grado di acquistare nulla.


Nel campo profughi di Magoanine durante le distribuzioni di cibo

 

Il campo profughi di Magoanine
Il campo profughi di Magoanine

 

MANHIÇA

 

L'aiuto a padre Joaquim, parroco di Manhiça e Calanga, continua: grazie ai canotti a motore forniti dalla Presidenza della Repubblica portoghese è possibile effettuare più collegamenti con la zona isolata di Calanga dove vivono più di 10.000 persone e dove fino ad oggi giungeva solo una barca al giorno con 500 kg al massimo di aiuti alimentari.

Abbiamo rifornito p. Joaquim di altre 5 tonnellate di alimenti particolarmente pregiati (noccioline e fagioli che costituiscono la principale fonte di grassi e proteine dell'alimentazione locale).


in alto p. Joaquim con 
Sandro Mancinelli; 

a sinistra la strada che congiungeva Manhiça con Calanga

 

POLANA CANIÇO

La comunità fa distribuzioni settimanali di alimenti a circa 60 famiglie che hanno perso la casa al Polana Caniço, ma che continuano a vivere sui bordi delle voragini che si sono aperte nel quartiere per lo sprofondamento delle falde freatiche. Queste voragini diventano ben presto anche discariche a cielo aperto dove molti bambini giocano. La nostra "scuoletta" è rimasta in piedi e presto verrà ristrutturata.

L'apertura della falda freatica mette a rischio l'acqua che approvvigiona il Polana, e infatti gran parte delle infezioni intestinali che si riscontrano in questo periodo a Maputo (fra cui i casi di colera) provengono da questo quartiere.


La terra è franata al Polana Caniço 
dopo le alluvioni

 

CHIBUTO E XAI-XAI

 

Nella provincia di Gaza lo straripamento del Limpopo ha fatto scomparire l'intera città di Xai-Xai. Il Limpopo si può oltrepassare attualmente solo con l'aereo che giunge a Chibuto dove c'è p. Firmino (dei Padri portoghesi della Boa Nova).

Abbiamo acquistato strumenti di lavoro e sementi per uno dei villaggi allagati nella zona, composto di circa 250 famiglie (750 zappe, 250 pale, 250 machete e 10 t. di sementi) e dato un contributo per l'acquisto di benzina per i generatori (manca la luce che proveniva dalla centrale di Chokwe, disattivata per motivi di sicurezza). Aiuteremo con alimenti anche il campo di Chibuto (con più di 8000 persone) dove le donne sono riuscite a creare una discreta organizzazione.

Xai-Xai soffre particolarmente per l'isolamento (manca carburante e con esso anche luce e acqua). L'accesso alla città è isolato dall'acqua e dal blocco della polizia che cerca di prevenire lo sciacallaggio. Tutta la parte importante della città dal punto di vista amministrativo, culturale e religioso è sommersa. In cattedrale l'acqua ha raggiunto i due metri di altezza, ma, racconta il vescovo, non ha travolto il Santissimo.

Abbiamo potuto anche incontrare alcuni membri della comunità di Xai Xai, che sono tutti salvi e si adoperano nell'aiuto alla popolazione più colpita. Manderemo camion di aiuti alimentari anche alla Diocesi.


p. Firmino nel campo di Chibuto


Xai Xai l'accesso alla città: questa era la zona del mercato e del quartiere del Caniço


Aurora Cateco Sousa con Eduardo, Judite e altri della Comunità di Xai Xai in occasione della visita.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
11 Settembre 2016

Giubileo della Misericordia con più di 500 bambini di Pemba, in Mozambico

IT | ES | DE | FR | PT
30 Agosto 2016

La lezione dei profughi mozambicani di Luwani ai Giovani per la Pace: la speranza è più forte del male

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
29 Agosto 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio a Nairobi per parlare di pace, sviluppo e diritto alle cure per tutti

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
23 Agosto 2016
MAPUTO, MOZAMBICO

I bambini di Matola alla scoperta della città con gli amici di Barcellona e di Livorno

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
17 Agosto 2016

Passi avanti nella mediazione per la fine degli scontri armati in Mozambico. Nel Paese c'è sete di pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU | HU
tutte le news
• STAMPA
20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo

Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»

19 Settembre 2016
Notizie Italia News

Vivere insieme tra religioni diverse: la speranza viene dal cuore dell’Africa

8 Settembre 2016
Avvenire

Malawi. Al confine 4mila i profughi dal Mozambico

6 Settembre 2016
Roma sette

In un libro la vita delle Saveriane italiane uccise in Burundi

6 Agosto 2016
Avvenire

Costa D'Avorio. Gentiloni da Sant'Egidio «Un lavoro prezioso»

2 Agosto 2016
kath.ch

«Wer willkommen geheissen wird, radikalisiert sich kaum»

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

140 visite

149 visite

150 visite

153 visite

148 visite
tutta i media correlati