Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
11 Febbraio 2002

Matola (Mozambico) - L’ultimo saluto a Luis, paziente dell’assistenza domiciliare della Comunità

 
versione stampabile

“Tra noi africani e voi europei siamo una sola famiglia”. Luis aveva solo 44 anni. E’ stato uno dei primi pazienti del programma di lotta all’AIDS. La Comunità lo accompagnato negli ultimi mesi di vita.

Luis aveva 44 anni ed era malato di Aids. L’avevamo conosciuto a Novembre a Matola. Era un militare “ dislocato” e viveva di stenti con una pensione di circa 30.000 lire al mese, in una poverissima casa di Matola Rio, con una famiglia di circa 10 persone. 

Era malato da molto tempo e dopo un ricovero nell’ospedale di Machava era stato dimesso in condizioni molto critiche. Andavamo tutti i giorni a casa sua per curarlo, assicurandogli gli alimenti e il trasporto in ospedale per le visite di controllo.

In queste ultime due settimane la sua situazione si era ulteriormente aggravata. Era arrivato a pesare circa 25 kg. Abbiamo intensificato il nostro intervento, garantendogli una reidratazione intensiva, terapie mediche mirate, un’aggiunta di alimenti idonei e visite mediche ed infermieristiche quotidiane. 

Mercoledì, viste le sue aggravate condizioni, abbiamo deciso di portarlo in ospedale. La macchina del servizio domiciliare è diventata un’ambulanza. Lo abbiamo portato in ospedale con una barella, con l’aiuto dei ragazzi del servizio, e grazie alla fattiva collaborazione dei medici dell’ospedale, è stato subito ricoverato. In ospedale Luis ha ricevuto per due giorni un idoneo trattamento medico e due volte al giorno i ragazzi del servizio domiciliare gli hanno assicurato pasti caldi e cure igieniche particolari. 

Venerdì mattina, proprio durante la visita medica, Luis è spirato.
La famiglia, non potendo assolutamente permettersi un funerale, si era rassegnata a lasciare che Luis venisse portato nella cosiddetta “valle comune“, senza bara, dove vengono gettati i corpi degli indigenti. 

Abbiamo allora deciso di sostenerli nel loro ultimo desiderio e abbiamo organizzato un funerale per il nostro amico, assicurandogli il trasporto e la bara. 
La mattina dopo, con loro grande sorpresa, i familiari sono stati accompagnati dalla nostra macchina in ospedale, per seguire il corteo. 
Noi ed i ragazzi del servizio domiciliare seguivamo dietro con l’altra macchina, come una nuova ritrovata famiglia.

Al cimitero, davanti alla buca dove è stato poi deposto, ci siamo riuniti a pregare ascoltando un salmo ed il Vangelo. Poi mentre veniva cantato un canto tradizionale, abbiamo deposto ciascuno un fiore, lanciando una manciata di terra.
Al termine della piccola cerimonia, il figlio maggiore ha preso la parola, e dopo averci ringraziato ha aggiunto: ”Oggi qui abbiamo visto che tra voi europei e noi africani non c’è differenza. Oggi siamo tutti una famiglia“.

Gianni Guidotti


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Dicembre 2016

A Natale aiuta una madre a far nascere un bambino sano: regala un'adozione a distanza!

IT | ES
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
16 Novembre 2016
BEIRA, MOZAMBICO

Il Giubileo della Misericordia nella periferia africana: la preghiera di Sant'Egidio con gli anziani di Nhangau

IT | ES | DE | PT
11 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Aids, il Premio Feltrinelli al programma DREAM ''per un'impresa eccezionale di alto valore morale e umanitario''

10 Novembre 2016

Aids, il Premio Antonio Feltrinelli dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM

IT | FR | PT
13 Ottobre 2016
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Una delegazione di Sant'Egidio incontra il Presidente della Repubblica Centrafricana Touadéra

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU | HU
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

4 Ottobre 2016
Notizie Italia News

In Mozambico il popolo ha sete di pace e non vuole tornare indietro - Intervista a don Angelo Romano

8 Settembre 2016
Avvenire

Malawi. Al confine 4mila i profughi dal Mozambico

18 Luglio 2016
OnuItalia

Il centro DREAM di Blantyre (Malawi) dedicato al responsabile Elard. A Durban Ban apre AIDS2016

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

The Goal of a DREAM

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Marc Spautz

Discorso di Marc Spautz, ministro della Cooperazione del Lussemburgo

Impagliazzo Marco

Marco Impagliazzo: Afrique: terre d’opportunités

Andrea Riccardi

Saluto di Andrea Riccardi in ricordo di Ana Maria Muhai

Rossella Rizzi

Un sogno per l'Africa

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag

Un domani per i miei bambini





PIEMME
tutti i libri

FOTO

264 visite

251 visite

178 visite

237 visite

159 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri