Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
13 Aprile 2012 | BEIRA, MOZAMBICO

Una preghiera per porre fine alla pratica dei linciaggi

A Beira più di 500 persone chiedono pace e riconciliazione per la città

 
versione stampabile

La chiesa gremita da più di 500 personeSi è svolta ieri a Beira, nella parrocchia del quartiere di Munhava, una Preghiera per la Pace e la Riconciliazione – per porre fine ai linciaggi e ad ogni tipo di violenza, alla presenza del Vescovo (Amministratore Apostolico della città), Mons. João Carlos Nunes, e di circa 500 perone.

Nella città di Beira i linciaggi sono, purtroppo, molto frequenti: è sufficiente che si cominci a gridare “al ladro, al ladro!” indicando qualcuno, perché questi venga preso dalla popolazione, legato avvolto in copertoni e bruciato. La gente intorno, spesso bambini e giovani, nel frattempo grida: “brucialo, brucialo!”. Molte volte si usa questo sistema per vendicarsi di qualcuno e molti di quelli vengono bruciati non hanno commesso alcun furto.

La lettura dell'appello di pace e riconciliazione promosso dalla Comunità di Sant'EgidioL’ultimo linciaggio è avvenuto il primo aprile, domenica delle Palme. Miguel, un giovane di circa 30 anni, senza aver commesso alcun crimine, è stato indicato come ladro e subito circondato dalla folla. Ha tentato di barattare la sua salvezza offrendo il cellulare e quei pochi spiccioli che aveva in tasca, ma inutilmente.

È stato picchiato fino a perdere i sensi e poi trasportato in un luogo del quartiere, dove “normalemnte” i supposti ladri vengono eseguiti, dove è stato bruciato.

La Comunità di Sant’Egidio di Beira è rimasta scioccata da questo barbaro evento, proprio all’inizio della Settimana Santa, e non ha potuto fare a meno di reagire, accostandolo alla Passione di Gesú, prima condannando il linciaggio con un comunicato stampa, poi con la convocazione di una preghiera pubblica.

Vengono bruciate nel bracere le richieste di perdono per le complicità con gli atti di violenzaDurante la preghiera, forti sono state le parole di condanna verso gli atti di violenza e i linciaggi. Il Vescovo, Mons. João Carlos, dopo aver ringraziato la Comunità di Sant’Egidio per aver convocato la preghiera, nell’omelia ha chiaramente affermato che chi assiste ad un linciaggio, anche senza far niente, commette peccato e non è degno di accostarsi all’eucaristia. Per questo ha chiesto ai presenti di scrivere su un foglietto una richiesta di perdono per le occasioni in cui si è stati complici o indifferenti di fronte ai linciaggi o alla violenza.

Ognuno ha poi gettato in un braciere la propria richiesta, bruciandola in segno di purificazione. Il Vescovo ha poi ricordato le parole di Mons. Romero, quando dall’altare chiedeva che smettessero le violenze e le morti, per dire che quel basta va ripetuto per fermare i linciaggi. Anche la Comunità, nel suo intervento, ha ricordato il Basta! di Gesú durante il suo arresto, per fermare le spade, per dire basta alla violenza dei linciaggi. La Comunità ha, poi, paragonato il luogo del Un momento di commozione durante l'abbraccio di pacequartiere di Munhava, dove già 4 persone sono state linciate e bruciate, ad un nuovo Golgota e ha proposto di piantare in quel luogo una croce, per ricordare coloro che lì sono morti e per evitare che altri vi siano linciati e bruciati. Al termine della preghiera è stato firmato un appello che chiede la fine della pratica barbara dei linciaggi.

Gli abitanti del quartiere che hanno partecipato alla preghiera, hanno ringraziato la Comunità, perché finalmente Munhava non sarà più citata solo per i linciaggi, ma anche per un evento bello e significativo come la Preghiera per la pace e la riconciliazione che si era appena svolta.

 

 

Anche il Vescovo Nunes firma l'appello di pace


 LEGGI ANCHE
• NEWS
11 Settembre 2016

Giubileo della Misericordia con più di 500 bambini di Pemba, in Mozambico

IT | ES | DE | FR | PT
30 Agosto 2016

La lezione dei profughi mozambicani di Luwani ai Giovani per la Pace: la speranza è più forte del male

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
23 Agosto 2016
MAPUTO, MOZAMBICO

I bambini di Matola alla scoperta della città con gli amici di Barcellona e di Livorno

IT | ES | DE | FR | PT | CA | RU
20 Agosto 2016
BUCAREST, ROMANIA

La dolcezza dell'amicizia tra giovani e anziani a Bucarest

IT | FR | RU | HU
17 Agosto 2016

Passi avanti nella mediazione per la fine degli scontri armati in Mozambico. Nel Paese c'è sete di pace

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU | HU
15 Agosto 2016

Mediterraneo, un mare di ponti: tre giorni di incontri tra giovani italiani e nuovi europei in Puglia

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
9 Settembre 2016
La Nazione

«Soltanto la cultura ci salverà»: la speranza di Andrea Riccardi

8 Settembre 2016
Avvenire

Malawi. Al confine 4mila i profughi dal Mozambico

3 Settembre 2016
La Repubblica - Ed. Genova

In campo anche i liceali volontari a Sant'Egidio

4 Agosto 2016
Corriere di Novara

Emergenza caldo: oltre 3.000 anziani monitorati dalla Comunità di Sant'Egidio

19 Luglio 2016
Il Mattino di Padova

Gli anziani possono morire di solitudine

17 Luglio 2016
Avvenire

Nei Quartieri Spagnoli da nipoti con gli anziani

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Corso di Alta Formazione professionale per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

Alcune storie raccolte al telefono della Comunità di Sant’Egidio - 2014

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme

Le città vogliono vivere





Giuliano Ladolfi Editore
tutti i libri

FOTO

153 visite

148 visite
tutta i media correlati