Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
12 Marzo 2002

Bissau (Guinea) - Concluso il primo corso di aggiornamento per gli infermieri dell'ospedale R.Follereau- Comunità di Sant'Egidio

 
versione stampabile

Concluso a Bissau il primo corso di aggiornamento e riqualificazione professionale per 30 infermieri. Il ministro della Salute è intervenuto alla cerimonia di consegna degli attestati.


Foto di gruppo 
alla fine del corso

Quattro medici (due uomini e due donne) venuti dall’Italia, 30 infermieri guineani, il sogno - e l’impegno - di realizzare dei servizi medici e sanitari che raggiungano tanti, in uno dei paesi più poveri del mondo: questi gli "ingredienti" del primo corso di aggiornamento e riqualificazione professionale, che si è tenuto a Bissau, la settimana scorsa, per 30 infermieri.
"Avevamo pensato a questo corso come un momento di qualificazione professionale per gli infermieri dell’ospedale R. Follereau - Comunità di Sant’Egidio - spiega Fabio Riccardi, uno dei 4 medici italiani che seguono il progetto - ma, quando se ne è avuta notizia, sono arrivate molte richieste,  anche di infermieri che lavorano in altre strutture sanitarie del paese. Li abbiamo accolti con piacere, anche perché questo sottolinea l’utilità del nostro intervento e ci dà la possibilità di estenderne l’efficacia..

Qual era l’obiettivo di questo corso?

Gli infermieri guineani hanno tutti una preparazione di base buona. Ma negli anni, e soprattutto nelle situazioni di emergenza in cui - anche a causa della guerra civile - si sono trovati a lavorare, aggiornarsi è quasi impossibile e, a volta si finisce anche con il dimenticare nozioni importanti. 


Il corso infermieri

Per questo, dopo anni di lavoro, è importante fermarsi a riconsiderare alcune materie come la medicina preventiva, riappropriarsi di elementi di scienza della nutrizione, di pediatria, di dermatologia.
Nel Nord del mondo questo è normale, direi una routine. In Africa no, con conseguenze gravi. Per questo, abbiamo voluto inaugurare questa serie di corsi di aggiornamento. 

Quali sono i compiti di questi infermieri in un periodo in cui l’ospedale, prima distrutto dalla guerra civile, è in fase di ricostruzione?

Il loro lavoro è stato ed è fondamentale. Grazie a loro, le attività dell’ospedale non si sono fermate, nonostante i locali fossero stati bombardati e devastati.

Gli infermieri attualmente lavorano negli ambulatori, che si trovano in una struttura adiacente a quella dell’ospedale. 

Questi hanno garantito la continuità della terapia per i malati di TBC che erano ricoverati, ed una intensa attività di visite, controlli e terapie soprattutto per i bambini malnutriti.
Sono ancora gli ambulatori che hanno individuato e segnalato i casi di bambini che avevano bisogno di interventi urgenti, alcuni dei quali sono stati operati in Italia, come è il caso di Malam Manè, da poco rientrato dall'Italia, dove è stato operato. 


Malam Manè, operato a Padova e da poco tornato in Guinea

C’è un aspetto che emerge come prioritario, dall’esperienza di questo corso?

Mi pare che vada data importanza all’aspetto nutrizionale.Tante malattie infatti sono legate alla malnutrizione, soprattutto nel caso dei bambini. Conoscere il valore delle proteine, imparare a riconoscere i sintomi della malnutrizione e quindi a trattare il bambino malnutrito, sono questioni "di base". Un altro aspetto importante è legato alla trasmissione delle malattie: per esempio, era del tutto sottovalutata l’importanza dell’acqua come veicolo di contagio delle infezioni. 

 
Il ministro della Salute alla cerimonia di consegna dei diplomi


 LEGGI ANCHE
• NEWS
13 Luglio 2009

"LIBERARE I PRIGIONIERI IN AFRICA" Una campagna di solidarietà con i detenuti africani nelle carceri italiane

IT | ES | DE | FR | PT
16 Luglio 2015
MAPUTO, MOZAMBICO

Il presidente di Sant'Egidio inaugura a Maputo il programma Dream 2.0 per un approccio globale alla salute in Africa

IT | EN | DE | FR | PT
12 Luglio 2015
KAMPALA, UGANDA

Promozione della donna e degli anziani in Africa: il convegno dei rappresentanti di #SantEgidioinAfrica. FOTOGALLERY

IT | FR | PT
20 Settembre 2017
MYANMAR (BIRMANIA)

Aiutiamo i profughi rohingya rifugiati in Bangladesh

IT | EN | ES | DE | FR
15 Settembre 2017
LIVORNO, ITALIA

Alluvione a Livorno: la Comunità, insieme ai nuovi europei, in aiuto delle persone colpite

3 Agosto 2017
BANGUI, REPUBBLICA CENTRAFRICANA

Missione umanitaria di Sant'Egidio a Bangui in Centrafrica. Un passo per l'implementazione dell'accordo di pace

IT | ES | FR
tutte le news
• STAMPA
29 Settembre 2011
Main.de

Würzburg-Hilfe kommt in Kenia an

3 Aprile 2014
Famiglia Cristiana

Africa: La lezione del Ruanda a 20 anni dall'eccidio

22 Giugno 2013
Luxemburger Wort

Für die Armen und im Gebet

22 Maggio 2013
Avvenire

«Così lotto nel mio Sinai contro la tratta»

21 Maggio 2013
Avvenire

«Così lotto nel mio Sinai contro la tratta»

29 Aprile 2013
Il Secolo XIX

In Africa una campagna per salvare madri e figli

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

''Entente de Sant'Egidio'': Accordo politico per la pace nella Repubblica Centrafricana

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti
• LIBRI
tutti i libri

FOTO

1432 visite

1423 visite

1330 visite

1636 visite

1464 visite
tutta i media correlati