Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Settembre 2012

MÆLEN KVARME, VESCOVO DI OSLO: «A UN ANNO DALLA STRAGE NON SOLO DOLORE, MA UNA NUOVA SOLIDARIETÀ. LA NORVEGIA DEVE IMPARARE A VIVERE INSIEME»

 
versione stampabile

A Sarajevo, città ferita dall’odio, la memoria del «peggior atto di violenza in Norvegia dalla Seconda guerra mondiale». Durante l’Incontro internazionale “VIVERE INSIEME E’ IL FUTURO” organizzato nella città bosniaca dalla Comunità di Sant’Egidio, nel Panel “Educare a vivere insieme per la pace”, Ole Christian Mælen Kvarme, vescovo luterano di Oslo, ricorda la strage dell’isola di Utøya del luglio 2011, ma soprattutto la risposta della popolazione norvegese, in primo luogo dei giovani: «durante il nostro lutto c'era un profondo senso di solidarietà ritrovata, una dimostrazione di massa per affermare che la nostra risposta non deve essere l'odio, ma la carità e la solidarietà». Per questo, in una società in cui la violenza sembra crescere di continuo – in Europa, in America Latina, nel mondo – la risposta deve passare attraverso l’educazione. «Per costruire una società pacifica ed educare i bambini e gli adulti alla pace – ha proseguito Kvarme –, abbiamo bisogno di un sistema giudiziario equo e umano e abbiamo bisogno di comunità limpide, con un dibattito aperto. Ma questo non è sufficiente: i giovani che sono scesi per le strade di Oslo con i fiori e le candele hanno espresso una domanda precisa: non odio, ma amore, non inimicizia, ma imparare a vivere insieme». Oslo, città del Nobel per la pace, un anno dopo quei fatti terribili, si scuote: «quello dell’anno scorso – spiega ancora il vescovo – è stato un attacco alla convivenza di persone di diverse culture e religioni. Oggi vogliamo ricordare il dolore di quei giorni, ma anche le mani tese e la nostra esperienza di unità. Dobbiamo ripartire dall’educazione alla pace».


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Giugno 2015

Papa Francesco a Sarajevo, la città da ricominciare

8 Maggio 2015
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Studenti toscani a Sarajevo con Sant'Egidio per ricordare la guerra nei Balcani.

IT | EN | FR
7 Maggio 2015
FIRENZE, ITALIA

150 studenti toscani a Sarajevo

28 Maggio 2014
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

A 100 anni dalla I° Guerra Mondiale, a Sarajevo, giovani cristani e musulmani si incontrano

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
10 Maggio 2013
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

A Sarajevo, è cittadino chi lavora per la pace

IT | ES | DE | FR | CA
6 Maggio 2013
SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Cittadinanza onoraria di Sarajevo a Alberto Quattrucci della Comunità di Sant'Egidio

IT | DE | NL
tutte le news
• STAMPA
6 Giugno 2015
Avvenire

La città da ricominciare

29 Maggio 2015
Avvenire

Un sogno multiculturale che vive ancora

16 Novembre 2012
Criterio

Encuentro de paz en Sarajevo: convivir es el futuro

20 Ottobre 2012
Il Giorno

SARAJEVO LA SCOMPARSA DEI CATTOLICI

26 Settembre 2012
Tertio

Samenleven is de toekomst

23 Settembre 2012
Famiglia Cristiana

La forza della preghiera per un mondo riconciliato.

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Maggio 2014 | SARAJEVO, BOSNIA ED ERZEGOVINA

Giovani cristani e musulmani si incontrano 100 anni dopo la 1° Guerra Mondiale

11 Settembre 2012

Incontri di preghiera in luoghi diversi

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Homi Dhalla

Le minoranze in India

Roger Etchegaray

Intervento di Roger Etchegaray - Cerimonia finale

Jean-Arnold de Clermont

Contributo di Jean-Arnold de Clermont

Valentin Inzko

Sarajevo 20 anni dopo: da scontro ad incontro?

Vincenzo Paglia

MEDITAZIONE dell'Arcivescovo Vincenzo Paglia

Kirill

Contributo di Kirill

tutti i documenti
• LIBRI

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

720 visite

661 visite

735 visite

651 visite

749 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri