Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
12 Novembre 2012

Il saluto di Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio a papa BenedettoXVI

 
versione stampabile

Beatissimo Padre,

oggi la nostra gioia è grandissima per la Sua presenza in mezzo a noi. Sentiamo la grazia di ricevere la Sua visita, dopo che ha pregato con noi nella basilica di San Bartolomeo dedicata ai nuovi martiri, dopo che ha pranzato con i poveri per Natale, dopo che ha incoraggiato in Cameroun il Programma Dream per la lotta all’AIDS.

Questo popolo di ogni età è felice di accoglierLa in questa casa-famiglia della Comunità di Sant’Egidio per gli anziani. Questo è un luogo di speranza.

Nelle strade di Roma -e di tante città europee- incontriamo sempre più anziani tristi e rassegnati. Troppi sono dimenticati: impoveriti dalla malattia, dalla solitudine, dalla fragilità, dall’esclusione. La benedizione di una lunga vita si trasforma in tristezza. E’ un destino inevitabile? –ci chiediamo ormai da tanti anni.

In questa e nelle altre quattordici case della Comunità a Roma, gli anziani ritrovano la speranza. Qui si realizza la parola del Salmo 71, definito “la preghiera di un vecchio”:

“Io invece continuo a sperare, moltiplicherò le tue lodi” (14).

Chi continua a sperare, malgrado le difficoltà della salute, prega per sé e per gli altri. Oggi, la Sua visita, Padre Santo, sostiene gli anziani e tutti noi nella speranza.

Questo luogo è nato per chi non può più vivere a casa propria, per la poca autonomia, la perdita di alloggio, i conflitti familiari, la povertà. Per ridurre il numero dei ricoveri in mega-strutture, abbiamo attuato esperienze di cohousing, convivenze di anziani, condomini protetti, case famiglia. E poi, con la visita regolare di molti di noi, sosteniamo migliaia di anziani negli istituti e soli a casa.

Gli anziani continuano a sperare, sostenuti dai giovani e dagli adulti, fattisi loro compagni. La speranza rinasce quando si ricrea un clima familiare: giovani e anziani insieme uniti, come fossero una famiglia (nonni, figli, nipoti).

Qui e nei tanti luoghi di Roma dove la Comunità visita gli anziani, si realizza quell’unione meravigliosa, semplice ma essenziale, tra amore del Vangelo e amore per i poveri. Abbiamo compreso che questo è il cuore della nostra vita. Dall’ascolto del Vangelo sgorga un grande amore per tutti e soprattutto per i poveri. Abbiamo capito che la fede smuove intelligenze, esistenze, e anche politiche, per costruire un mondo più accogliente. Lo abbiamo vissuto in questi anni, e con gioia lo comunichiamo a chi incontriamo.

Questa casa é frutto di un sogno, maturato alla scuola della commozione di Gesù per le folle stanche e malate. Lei ci ha sempre aiutato, in questi anni con la Sua parola, a comprendere come la fede sia origine di ogni profondo cambiamento della vita e della storia. Ci esorta a vivere sempre la commozione di Gesù. Questa commozione ci rende migliori, umani, perché è fonte di vero umanesimo. Il profeta Gioele afferma:

“Io effonderò il mio spirito sopra ogni uomo e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie; i vostri anziani faranno sogni, e i vostri giovani avranno visioni”. (Gl 3, 1-3)

Grazie allo Spirito che è amore, gli anziani sognano. Sì, Padre Santo, gli anziani sognano quando sono amati e accompagnati ogni giorno. Grazie allo Spirito, i giovani hanno visioni di vita: non temono più la debolezza degli anziani, che diviene anzi occasione di scambio di amore. E gli anziani sono maestri di affetto e umanità, vedendo in chi li aiuta quasi un angelo.

Padre Santo, con la Sua fede e la Sua predicazione, ci incoraggia a realizzare la parola del profeta: gli anziani sognano e sperano e i giovani hanno visioni. Proprio all’inizio dell’Anno della fede, la benedizione della Sua visita ci rende più forti nella fede e più gioiosi nella speranza.

Quando dalla Sua finestra benedice la Città e il mondo, vede il colle del Gianicolo dove oggi siamo. Si ricordi di questo piccolo popolo che le vuole bene.

Grazie


 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Novembre 2011

Papa Benedetto XVI in Benin. L'incontro con i bambini e la liturgia

IT | EN | PT
1 Luglio 2011

La GMG di Madrid 2011 e la Comunità di Sant'Egidio

13 Giugno 2011

I Rom d'Europa in udienza dal Papa

27 Dicembre 2009

Visita di Papa Benedetto XVI alla mensa per i poveri della Comunità di Sant'Egidio

19 Novembre 2012
ROMA, ITALIA

La visita di papa Benedetto XVI alla casa "Viva gli anziani" della Comunità di Sant'Egidio

IT | EN | ES | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
13 Novembre 2012
Nasz Dziennik

Mądrość sędziwego wieku

13 Novembre 2012
Il Tempo

Il Papa Incontra gli anziani e dona speranza

13 Novembre 2012
quotidiano_net

Il Papa: «Sono un anziano tra gli anziani»

13 Novembre 2012
Avvenire

Il saluto: esco di qui ringiovanito e rafforzato

13 Novembre 2012
L'Osservatore Romano

Come un libro aperto sulla vita

13 Novembre 2012
Nasz Dziennik

Ojciec Święty: Niech żyją starsi!

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Ottobre 2017 | FIRENZE, ITALIA

Anziani, Festa di Sant'Abramo

13 Ottobre 2017 | FIRENZE, ITALIA

Convegno ''La forza degli anni'', da Firenze gli anziani parlano al mondo

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Scheda del programma Viva gli Anziani (Giugno 2017)

Comunità di Sant'Egidio

Progetto ''Una città per gli anziani, una città per tutti''

Alcuni dati: il numero di anziani soli in Italia

Alcuni dati: popolazione anziana nel mondo

I dati del programma Viva gli Anziani!

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

L'abbraccio di Gerusalemme





Paoline
tutti i libri

FOTO

675 visite

661 visite
tutta i media correlati