Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
12 Novembre 2012

Il saluto di Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio a papa BenedettoXVI

 
versione stampabile

Beatissimo Padre,

oggi la nostra gioia è grandissima per la Sua presenza in mezzo a noi. Sentiamo la grazia di ricevere la Sua visita, dopo che ha pregato con noi nella basilica di San Bartolomeo dedicata ai nuovi martiri, dopo che ha pranzato con i poveri per Natale, dopo che ha incoraggiato in Cameroun il Programma Dream per la lotta all’AIDS.

Questo popolo di ogni età è felice di accoglierLa in questa casa-famiglia della Comunità di Sant’Egidio per gli anziani. Questo è un luogo di speranza.

Nelle strade di Roma -e di tante città europee- incontriamo sempre più anziani tristi e rassegnati. Troppi sono dimenticati: impoveriti dalla malattia, dalla solitudine, dalla fragilità, dall’esclusione. La benedizione di una lunga vita si trasforma in tristezza. E’ un destino inevitabile? –ci chiediamo ormai da tanti anni.

In questa e nelle altre quattordici case della Comunità a Roma, gli anziani ritrovano la speranza. Qui si realizza la parola del Salmo 71, definito “la preghiera di un vecchio”:

“Io invece continuo a sperare, moltiplicherò le tue lodi” (14).

Chi continua a sperare, malgrado le difficoltà della salute, prega per sé e per gli altri. Oggi, la Sua visita, Padre Santo, sostiene gli anziani e tutti noi nella speranza.

Questo luogo è nato per chi non può più vivere a casa propria, per la poca autonomia, la perdita di alloggio, i conflitti familiari, la povertà. Per ridurre il numero dei ricoveri in mega-strutture, abbiamo attuato esperienze di cohousing, convivenze di anziani, condomini protetti, case famiglia. E poi, con la visita regolare di molti di noi, sosteniamo migliaia di anziani negli istituti e soli a casa.

Gli anziani continuano a sperare, sostenuti dai giovani e dagli adulti, fattisi loro compagni. La speranza rinasce quando si ricrea un clima familiare: giovani e anziani insieme uniti, come fossero una famiglia (nonni, figli, nipoti).

Qui e nei tanti luoghi di Roma dove la Comunità visita gli anziani, si realizza quell’unione meravigliosa, semplice ma essenziale, tra amore del Vangelo e amore per i poveri. Abbiamo compreso che questo è il cuore della nostra vita. Dall’ascolto del Vangelo sgorga un grande amore per tutti e soprattutto per i poveri. Abbiamo capito che la fede smuove intelligenze, esistenze, e anche politiche, per costruire un mondo più accogliente. Lo abbiamo vissuto in questi anni, e con gioia lo comunichiamo a chi incontriamo.

Questa casa é frutto di un sogno, maturato alla scuola della commozione di Gesù per le folle stanche e malate. Lei ci ha sempre aiutato, in questi anni con la Sua parola, a comprendere come la fede sia origine di ogni profondo cambiamento della vita e della storia. Ci esorta a vivere sempre la commozione di Gesù. Questa commozione ci rende migliori, umani, perché è fonte di vero umanesimo. Il profeta Gioele afferma:

“Io effonderò il mio spirito sopra ogni uomo e diverranno profeti i vostri figli e le vostre figlie; i vostri anziani faranno sogni, e i vostri giovani avranno visioni”. (Gl 3, 1-3)

Grazie allo Spirito che è amore, gli anziani sognano. Sì, Padre Santo, gli anziani sognano quando sono amati e accompagnati ogni giorno. Grazie allo Spirito, i giovani hanno visioni di vita: non temono più la debolezza degli anziani, che diviene anzi occasione di scambio di amore. E gli anziani sono maestri di affetto e umanità, vedendo in chi li aiuta quasi un angelo.

Padre Santo, con la Sua fede e la Sua predicazione, ci incoraggia a realizzare la parola del profeta: gli anziani sognano e sperano e i giovani hanno visioni. Proprio all’inizio dell’Anno della fede, la benedizione della Sua visita ci rende più forti nella fede e più gioiosi nella speranza.

Quando dalla Sua finestra benedice la Città e il mondo, vede il colle del Gianicolo dove oggi siamo. Si ricordi di questo piccolo popolo che le vuole bene.

Grazie


 LEGGI ANCHE
• NEWS
21 Novembre 2011

Papa Benedetto XVI in Benin. L'incontro con i bambini e la liturgia

IT | EN | PT
1 Luglio 2011

La GMG di Madrid 2011 e la Comunità di Sant'Egidio

13 Giugno 2011

I Rom d'Europa in udienza dal Papa

27 Dicembre 2009

Visita di Papa Benedetto XVI alla mensa per i poveri della Comunità di Sant'Egidio

19 Novembre 2012
ROMA, ITALIA

La visita di papa Benedetto XVI alla casa "Viva gli anziani" della Comunità di Sant'Egidio

IT | EN | ES | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
13 Novembre 2012
Nasz Dziennik

Ojciec Święty: Niech żyją starsi!

13 Novembre 2012
La Repubblica

Il Papa a S.Egidio: tutelare gli anziani

13 Novembre 2012
Giornale di Brescia

Il Papa: «Aiutate gli anziani a rimanere nelle loro case»

13 Novembre 2012
Asianews (en)

Pope: Societies are judged by how they treat the elderly, who are an asset for young people

13 Novembre 2012
La Discussione

Gli anziani sono una risorsa

13 Novembre 2012
Valores religiosos

"Es hermoso ser anciano", exclamó Benedicto XVI

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Scheda del programma Viva gli Anziani (Giugno 2017)

Comunità di Sant'Egidio

Progetto ''Una città per gli anziani, una città per tutti''

Alcuni dati: il numero di anziani soli in Italia

Alcuni dati: popolazione anziana nel mondo

I dati del programma Viva gli Anziani!

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

L'abbraccio di Gerusalemme





Paoline
tutti i libri

FOTO

686 visite
tutta i media correlati