Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
25 Febbraio 2013 | MOZAMBICO

140.000 sfollati in Mozambico per l'alluvione "che non fa notizia"

Cibo e vestiario alle popolazioni colpite dall'alluvione

 
versione stampabile

In Italia pochissimi lo sanno, ma il Mozambico è stato colpito nelle ultime settimane dal Ciclone Eline e da piogge torrenziali che hanno causato diverse vittime e costretto all’evacuazione migliaia di persone. La situazione è più difficile nelle regioni attraversate dai grandi fiumi del Mozambico centrale e meridionale. In particolare il fiume Limpopo, che scorre dal Sud Africa, ha straripato dopo diversi giorni di forti piogge, allagando la provincia di Gaza, devastando particolarmente la città di Chokwe. Oltre 140.000 persone sono già state sfollate dalle loro case e si conta un numero ancora imprecisato di morti e dispersi.

Il 20 febbraio sono partiti con un carico di aiuti, da Maputo, alcuni attivisti del programma Dream con un gruppo di ragazzi molto giovani, per distribuire direttamente gli aiuti alle popolazioni più colpite. Il carico, di dimensioni notevoli, era frutto della solidarietà promossa dai giovnai della Comunità: cibo e vestiario sono stati da loro raccolti, sia a Maputo che a Beira, nei mercati, davanti ai centri commerciali, tra lavoratori e studenti, tra i pazienti e i parenti, tutti hanno dato qualcosa.

La missione si è diretta a Chokwe, a 225 chilometri a nord di Maputo. Qui hanno trovato alcune zone sotto a un metro e mezzo d’acqua, case ed edifici crollati e molti luoghi senza energia elettrica. Intere famiglie sono state costrette a cercare rifugio sui tetti delle proprie case allagate o sugli alberi.

Dopo diverse ore di viaggio finalmente sono arrivati all’Ospedale del Carmelo e al Centro Dream che si trova nella struttura, unica unità sanitaria ancora funzionante. Normalmente accoglie 400 pazienti al giorno, ma in questo periodo di emergenza arrivano a circa 1000, con malaria, diarrea e malattie correlate alle precarie condizioni igieniche e alimentari. Il cibo consegnato è stato accolto come una “manna”: donne in gravidanza, pazienti in cura antiretrovirale e i bambini sono stati i primi beneficiari.

La missione è continuata e dopo Chokwe, nonostante la rete stradale gravemente danneggiata, il camion ha percorso 34 Km ed è arrivato fino al campo profughi di Chihaquelane che ospita circa 40.000 persone sfollate da Chokwe.

Il campo - assolutamente non attrezzato - accoglie gli sfollati sotto tende improvvisate o sotto gli alberi.

Qui gli aiuti sono stati consegnati ad alcune famiglie con bambini e a molti anziani soli. La distribuzione è stata anche l’occasione di una prima visita a tanti che hanno perso tutto e si sentono abbandonati. Molti hanno ringraziato la Comunità di Sant’Egidio, perché non si è dimenticata di loro.

Tornando a Maputo tanti i pensieri, i sentimenti e la ferita di tanto dolore, ma anche la consolazione che nessuno è tanto povero da non poter aiutare chi è più povero di lui.

 

 

Rassegna stampa (Dal sito di Unimondo)

Mozambico: dopo l’alluvione serve la ricostruzione

....Il quartiere di case di canne dove la Comunità di Sant'Egidio di Maputo faceva la scuola ai ragazzi di strada, 40 mila persone, più della metà sotto i 18 anni, non c’è più. Tutte le scuole e gli edifici pubblici contengono sfollati. Per questo la Comunità di Sant'Egidio ha avviato un piano di aiuti di emergenza che distribuirà direttamente con la sua rete di volontari presente in 38 punti del paese. Nessuno stipendiato. Mille persone che già vivono nel paese. Ma occorre l'aiuto di tutti e un intervento strutturato non può essere fatto senza una grande raccolta di fondi nazionale. “È una grande occasione. Far vivere il Mozambico è far vivere l'Africa e far vivere l'Africa è far vivere meglio anche l’Europa, senza la paura di assedi dal Sud del mondo. Il Mozambico poi è anche un po’ di casa, da noi. In nessun altro paese, forse neppure nei Balcani, l'Italia è stata così decisiva, con i caschi blu nell'accompagnare la transizione dalla guerra alla pace” ha concluso la Comunità .


 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
2 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

A Maputo si firma un accordo di collaborazione tra il programma DREAM e l’ambasciata giapponese per la salute delle donne

IT | FR
3 Febbraio 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Lettera da Goma, in Congo: Siamo diventati i portavoce degli anziani abbandonati nella periferia della città

IT | EN | ES | DE | FR
2 Febbraio 2017
DOUALA, CAMERUN

Un tendone per rendere più umane le condizioni di vita nel carcere di New Bell a Douala, Cameroun

IT | ES | DE | PT
23 Gennaio 2017

Riscaldiamo l'inverno delle persone senza dimora: sono nostri amici, continuiamo ad aiutarli

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
28 Marzo 2017
La Civiltà Cattolica

La corruzione che uccide

18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

27 Febbraio 2017
Vatican Insider

Usa, la solidarietà tra musulmani ed ebrei che parla al mondo

8 Febbraio 2017
AdnKronos

Il Paese della Sera, più di 1,5 milioni di lettori per la solidarietà che viaggia in treno

26 Gennaio 2017
Vatican Insider

“Giornata della Memoria”, Sant’Egidio: no all’indifferenza per non essere complici di nuovi razzismi

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

151 visite

150 visite

159 visite

162 visite

164 visite
tutta i media correlati