Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
25 Febbraio 2013 | MOZAMBICO

140.000 sfollati in Mozambico per l'alluvione "che non fa notizia"

Cibo e vestiario alle popolazioni colpite dall'alluvione

 
versione stampabile

In Italia pochissimi lo sanno, ma il Mozambico è stato colpito nelle ultime settimane dal Ciclone Eline e da piogge torrenziali che hanno causato diverse vittime e costretto all’evacuazione migliaia di persone. La situazione è più difficile nelle regioni attraversate dai grandi fiumi del Mozambico centrale e meridionale. In particolare il fiume Limpopo, che scorre dal Sud Africa, ha straripato dopo diversi giorni di forti piogge, allagando la provincia di Gaza, devastando particolarmente la città di Chokwe. Oltre 140.000 persone sono già state sfollate dalle loro case e si conta un numero ancora imprecisato di morti e dispersi.

Il 20 febbraio sono partiti con un carico di aiuti, da Maputo, alcuni attivisti del programma Dream con un gruppo di ragazzi molto giovani, per distribuire direttamente gli aiuti alle popolazioni più colpite. Il carico, di dimensioni notevoli, era frutto della solidarietà promossa dai giovnai della Comunità: cibo e vestiario sono stati da loro raccolti, sia a Maputo che a Beira, nei mercati, davanti ai centri commerciali, tra lavoratori e studenti, tra i pazienti e i parenti, tutti hanno dato qualcosa.

La missione si è diretta a Chokwe, a 225 chilometri a nord di Maputo. Qui hanno trovato alcune zone sotto a un metro e mezzo d’acqua, case ed edifici crollati e molti luoghi senza energia elettrica. Intere famiglie sono state costrette a cercare rifugio sui tetti delle proprie case allagate o sugli alberi.

Dopo diverse ore di viaggio finalmente sono arrivati all’Ospedale del Carmelo e al Centro Dream che si trova nella struttura, unica unità sanitaria ancora funzionante. Normalmente accoglie 400 pazienti al giorno, ma in questo periodo di emergenza arrivano a circa 1000, con malaria, diarrea e malattie correlate alle precarie condizioni igieniche e alimentari. Il cibo consegnato è stato accolto come una “manna”: donne in gravidanza, pazienti in cura antiretrovirale e i bambini sono stati i primi beneficiari.

La missione è continuata e dopo Chokwe, nonostante la rete stradale gravemente danneggiata, il camion ha percorso 34 Km ed è arrivato fino al campo profughi di Chihaquelane che ospita circa 40.000 persone sfollate da Chokwe.

Il campo - assolutamente non attrezzato - accoglie gli sfollati sotto tende improvvisate o sotto gli alberi.

Qui gli aiuti sono stati consegnati ad alcune famiglie con bambini e a molti anziani soli. La distribuzione è stata anche l’occasione di una prima visita a tanti che hanno perso tutto e si sentono abbandonati. Molti hanno ringraziato la Comunità di Sant’Egidio, perché non si è dimenticata di loro.

Tornando a Maputo tanti i pensieri, i sentimenti e la ferita di tanto dolore, ma anche la consolazione che nessuno è tanto povero da non poter aiutare chi è più povero di lui.

 

 

Rassegna stampa (Dal sito di Unimondo)

Mozambico: dopo l’alluvione serve la ricostruzione

....Il quartiere di case di canne dove la Comunità di Sant'Egidio di Maputo faceva la scuola ai ragazzi di strada, 40 mila persone, più della metà sotto i 18 anni, non c’è più. Tutte le scuole e gli edifici pubblici contengono sfollati. Per questo la Comunità di Sant'Egidio ha avviato un piano di aiuti di emergenza che distribuirà direttamente con la sua rete di volontari presente in 38 punti del paese. Nessuno stipendiato. Mille persone che già vivono nel paese. Ma occorre l'aiuto di tutti e un intervento strutturato non può essere fatto senza una grande raccolta di fondi nazionale. “È una grande occasione. Far vivere il Mozambico è far vivere l'Africa e far vivere l'Africa è far vivere meglio anche l’Europa, senza la paura di assedi dal Sud del mondo. Il Mozambico poi è anche un po’ di casa, da noi. In nessun altro paese, forse neppure nei Balcani, l'Italia è stata così decisiva, con i caschi blu nell'accompagnare la transizione dalla guerra alla pace” ha concluso la Comunità .


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Dicembre 2016
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra c'è una tavola apparecchiata per i poveri, si chiama ''Our Cup of Tea''. Il video della BBC

IT | EN | DE | FR | PT | HU
1 Dicembre 2016

1 dicembre, Giornata Mondiale contro l'AIDS 2016. Per il futuro dell'Africa

IT | DE | FR | HU
23 Novembre 2016
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Floribert, giovane martire della corruzione: aperta ufficialmente la causa di beatificazione dal vescovo a Goma

IT | ES | DE | FR | PT | HU
21 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Pace in Centrafrica: i leader religiosi di Bangui a Sant'Egidio rilanciano la piattaforma per la riconciliazione

IT | ES | DE | FR | PT | CA
19 Novembre 2016
ROMA, ITALIA

Centrafrica: incontro lunedì a Sant’Egidio. Dissociare le religioni dalla guerra e lanciare un modello di riconciliazione

IT | ES | FR | PT | CA
18 Novembre 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Costa d'Avorio, il pellegrinaggio dei bambini delle bidonvilles di Abidjan al termine del Giubileo

IT | ES | DE
tutte le news
• STAMPA
1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

7 Ottobre 2016
ASCA

Comunità di Sant'Egidio: nessuno è vaccinato contro la povertà

4 Ottobre 2016
Notizie Italia News

In Mozambico il popolo ha sete di pace e non vuole tornare indietro - Intervista a don Angelo Romano

29 Settembre 2016
Giornale di Sicilia

Emiliano Abramo:«I matrimoni multietnici sono ormai una realtà»

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

I Numeri del programma "Viva gli Anziani"

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

Gli aiuti umanitari in Siria e Libano

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

155 visite

156 visite

158 visite

152 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri