Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
8 Marzo 2013 | GENOVA, ITALIA

Anche Genova ricorda i poveri senza dimora

Memoria di Modesta, Pietro, la piccola Maria, Babu, e tanti altri sono morti per strada

 
versione stampabile

Anche a Genova – dopo diverse città in tutta Europa – si è celebrata una liturgia eucaristica in ricordo delle persone senza dimora morte a causa della durezza della vita per strada.
A trent’anni dalla morte di Modesta Valenti, che si è spenta a Roma senza soccorsi, e a vent’anni dalla scomparsa di Pietro Magliocco – una delle prime persone conosciute da Sant’Egidio durante il servizio serale a chi vive per strada a Genova – nella basilica dell’Annunziata si sono raccolte alcune centinaia di persone per fare memoria delle 131 donne e uomini senza dimora morti in città negli ultimi due decenni a causa del freddo, della malattia, della violenza, di un fuoco acceso per mitigare i rigori dell’inverno e trasformatosi in una trappola micidiale.

La messa è stata concelebrata da monsignor Marino Poggi – vicario diocesano alla carità e direttore della Caritas genovese – da padre Francesco Cambiaso – gesuita, presidente della Fondazione e dell’Associazione San Marcellino – dallo storico “amico dei barboni genovesi”, don Antonio Lovato e da don Jorge Lopez, della Comunità di Sant’Egidio. In chiesa tanti senza dimora – italiani, stranieri, anche non cattolici – e molti volontari delle associazioni coinvolte nel sostegno a chi vive per strada.
La lista dei nomi ricordati dall’altare inizia con Pietro Magliocco, una delle prime persone conosciute da Sant’Egidio durante il servizio serale a chi vive per strada. Pietro dormiva nella stazione di Sampierdarena: da vari giorni malato di polmonite, moriva la notte stessa del suo ricovero in ospedale. Era l’11 febbraio 1993. Aveva 57 anni.

I clochard sono vestiti con grande dignità, posano i sacchetti con le loro cose sul fondo della basilica, pregano e si commuovono mentre si mettono in fila. Poi ciascuno si avvicina all’altare e accende una candela ponendola in un grande braciere, sotto la splendida icona con il Volto Santo di Gesù. Si ricorda Babu, morto sotto il Carlo Felice nel dicembre 2008, ma anche la piccola Marina, neonata rom uccisa dal freddo nel 1997, sul greto del Bisagno, dove viveva e il giovane Brusli – 14 anni – che ha preso fuoco con la roulotte della sua famiglia nel 2002. Il penultimo nome è quello di Tino, croato, trovato morto un mese fa nella zona della Foce, probabilmente a causa della violenza.

La sua amica Paola Romagnoli lo ricorda commossa e spiega come sia difficile comprendere la vita per strada con le etichette e le semplificazioni: «forse ci saranno anche persone che scelgono questa vita – chiarisce – ma più spesso è la vita che sceglie per te. Basta una decisione sbagliata o un po’ di sfortuna che in poco tempo ti ritrovi solo e senza aiuto. E la strada non perdona; per questo tanti di noi devono tirare fuori il carattere e, a volte, un pizzico di cattiveria: sennò è impossibile sopravvivere».

A Genova, a fronte di qualche centinaio di senza dimora ospitati da strutture pubbliche o private, molte decine di persone stanno trascorrendo l’inverno all’aperto, in ricoveri di fortuna. A questi bisogna aggiungere anche decine di rom romeni, tra cui anche alcuni anziani che scelgono di vivere in baracche per poter inviare tutti i soldi raccolti mendicando ai figli e nipoti rimasti in patria. Don Jorge Lopez, sacerdote salvadoregno della Comunità di Sant’Egidio, ricorda nella sua predica la durezza della vita: «Dio conosce le sofferenze – spiega, citando la lettura dell’Esodo, con il colloquio tra Dio e Mosè – prova compassione per la miseria del suo popolo e per la durezza della vita in terra straniera. Oggi comprendiamo meglio che non siamo soli e che il Signore è l’amico degli uomini, soprattutto di quelli che hanno più bisogno del suo conforto».

Guarda la fotogallery >


 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Gennaio 2017

Riscaldiamo l'inverno delle persone senza dimora: sono nostri amici, continuiamo ad aiutarli

18 Gennaio 2017
KIEV, UCRAINA

A Kiev la cena itinerante di Sant'Egidio a -11°C: pasti caldi e coperte per salvare la vita dei senzatetto

IT | DE | FR
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più

IT | HU
16 Gennaio 2017

In questi giorni di tanto freddo penso e vi invito a pensare a tutte le persone che vivono per la strada

IT | EN | DE | FR | PT
14 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una chiesa diventa casa per i più poveri: san Calisto aperta da Sant'Egidio per l'emergenza freddo

IT | ES | DE | RU
12 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una notte al seguito di un gruppo di Sant'Egidio tra i senzatetto di Roma

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
23 Gennaio 2017
Gazzetta di Parma

Servono coperte e giacche per i senzatetto

19 Gennaio 2017
ANSA

Coperte per senzatetto raccolte a Genova

16 Gennaio 2017
Avvenire

Roma. Emergenza freddo: per i senzatetto chiese aperte, auto e coperte

14 Gennaio 2017
L'Osservatore Romano

Per l'emergenza freddo. Senzatetto a San Calisto

13 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma

Roma, il Vaticano apre le porte della chiesa di San Calisto ai clochard

13 Gennaio 2017
Vatican Insider

Una chiesa del Vaticano aperta per far dormire i senzatetto

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Preghiera per Elard Alumando

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Predicazione di Mons. Vincenzo Paglia alla veglia di preghiera per la pace e in memoria delle vittime degli attacchi terroristici a Parigi

tutti i documenti
• LIBRI

La parola di Dio ogni giorno 2017





San Paolo

Das Wort Gottes jeden Tag 2016/2017





Echter Verlag
tutti i libri