Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
12 Marzo 2013 | WÜRZBURG, GERMANIA

Da 15 anni il ricordo delle persone morte sulla strada

Anche in Germania c'è bisogno di lottare contro l'oblio dei poveri e dare luce per più calore e umanità

 
versione stampabile

Davanti all’altare della Marienkapelle sulla piazza del mercato ci sono due candelabri. Mentre si leggono i nomi le persone si avvicinano accendendo una candela dopo l’altra. Alcune centinaia di amici della comunità di Sant’Egidio si sono riuniti: giovani e anziani, persone con un volto da una vita difficile e molti dei loro amici. Tutti hanno accolto l’invito della comunità a venire alla preghiera ecumenica per ricordare i cari defunti. 

Nella società ricca tedesca sta avvenendo un dramma nascosto, cioè la morte di tante persone sole e povere. Chi si ricorda di me, quando sto male? Chi verrà a visitare la mia tomba? Queste domande tormentano non poche persone. Una risposta che spesso si da, è la decisione di una sepoltura anonima. Attualmente il 5% delle sepolture è anonimo, nelle grandi città p.e. a Berlino, Monaco o Amburgo si arriva anche ai 50%. 

La comunità di Sant’Egidio vuole rispondere con una cultura della vita e con l’amicizia, per strappare queste persone dalla dimenticanza. Ogni uomo è un nome, una storia piena di sogni e speranze, ma spesso anche pieno di dolore e affanno. Da 15 anni la comunità invita a fare memoria di queste persone. Il 6 gennaio 1998 morì Fritz Werner Marschner solo alla stazione dei pullman; era famoso col nome “Wurzelsepp”, perché suonava la fisarmonica sulla piazza del mercato di Würzburg. In questi casi il comune organizza una sepoltura economica in una tomba di massa fuori città senza un nome. Quando gli amici della comunità seppero della sua morte, insieme ad altre organizzazione raccolsero dei soldi, perché Fritz Werner potesse avere una sepoltura degna sul cimitero centrale della città in una tomba che adesso contiene lo spazio per altre persone povere in situazioni simili. La comunità organizza i funerali sia cattolici che evangelici per persone che non hanno nessuno. 

Questa memoria ormai ha una storia lunga, iniziò a Roma 30 anni fa, quando morì Modesta Valenti il 31 gennaio 1983 alla stazione Termini con 71 anni senza essere assistita. L’ambulanza si rifiutò ad accoglierla, perché era sporca. 

 

La lista dei nomi che sono state lette nella Marienkapelle era lunga, più di 300 nomi di amici, parenti delle persone raccolte. Per Dio ogni uomo ha un valore, che ricco o povero, famoso o dimenticato – questo messaggio vuole dare la memoria. Questa preghiera è una consolazione per tutti, perché anche il proprio nome sarà ricordato, quando non sono più. In quest’incontro si vede una nuova famiglia che dona sostegno e sicurezza sopratutto nella sofferenza e nella solitudine, perché nessuno muoia più solo. Dopo la preghiera ecumenica gli amici venivano nella casa della comunità per un pranzo. Così l’amicizia resta viva come anche durante l’anno, quando gli amici si vedono nella mensa della comunità, un luogo di incontro con un pranzo caldo ma sopratutto con il calore dell’amicizia.


 


 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Gennaio 2017

Riscaldiamo l'inverno delle persone senza dimora: sono nostri amici, continuiamo ad aiutarli

IT | FR
18 Gennaio 2017
KIEV, UCRAINA

A Kiev la cena itinerante di Sant'Egidio a -11°C: pasti caldi e coperte per salvare la vita dei senzatetto

IT | DE | FR
17 Gennaio 2017

A Roma si aprono nuovi spazi per l'accoglienza ai senza dimora. Ma è urgente fare di più

IT | HU
16 Gennaio 2017

In questi giorni di tanto freddo penso e vi invito a pensare a tutte le persone che vivono per la strada

IT | EN | DE | FR | PT
14 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una chiesa diventa casa per i più poveri: san Calisto aperta da Sant'Egidio per l'emergenza freddo

IT | ES | DE | RU
12 Gennaio 2017
ROMA, ITALIA

Una notte al seguito di un gruppo di Sant'Egidio tra i senzatetto di Roma

IT | FR
tutte le news
• STAMPA
23 Gennaio 2017
Gazzetta di Parma

Servono coperte e giacche per i senzatetto

22 Gennaio 2017
El Pais (Spagna)

Papa Francisco: “El peligro en tiempos de crisis es buscar un salvador que nos devuelva la identidad y nos defienda con muros”

19 Gennaio 2017
ANSA

Coperte per senzatetto raccolte a Genova

16 Gennaio 2017
Avvenire

Roma. Emergenza freddo: per i senzatetto chiese aperte, auto e coperte

14 Gennaio 2017
L'Osservatore Romano

Per l'emergenza freddo. Senzatetto a San Calisto

13 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Roma

Roma, il Vaticano apre le porte della chiesa di San Calisto ai clochard

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
18 Gennaio 2017 | LIVORNO, ITALIA

Pietre d'inciampo: a Livorno la marcia della memoria della Shoah

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Dove Napoli 2015

Comunità di Sant'Egidio: Brochure Viva gli Anziani

Analisi dei risultati e dei costi del programma "Viva gli Anziani"

tutti i documenti
• LIBRI

Milano, 30 gennaio 1944





Guerini e Associati

La Chiesa dei poveri





Francesco Mondadori
tutti i libri