Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 
20 Aprile 2013 | MAPUTO, MOZAMBICO

Centinaia di persone a Maputo per l'ultimo saluto a Ana Maria Muhai, la prima attivista del programma DREAM.

Una donna coraggiosa, che ha speso la sua vita per vincere lo stigma nei confronti dei malati di AIDS e incoraggiare alla cura. Una sorella e un'amica a cui dobbiamo molto. Il ricordo di Andrea Riccardi

 
versione stampabile

Il 19 aprile, a Maputo, in tanti hanno dato l'ultimo saluto ad Ana Maria Muhai, la prima attivista del programma DREAM, una donna, una sorella, un'amica per tanti, non solo in Mozambico, ma anche a Roma e nel mondo intero. Da Roma e da tante città del Mozambico e dell'Africa, si sono raccolti i suoi amici, con cui, per più di dieci anni, Ana Maria ha incessantemente lavorato per incoraggiare i malati a curarsi e a ritrovare la sperazna.

Al termine del funerale è stato letto un messaggio di Andrea Riccardi LEGGI il messaggio di Andrea Riccardi

Dalla periferia del Mozambico al mondo intero: in tanti la ricordano sotto il mango del centro DREAM  di Maputo, mentre parlava, incoraggiava i malati, raccontando di se’ e comunicando speranza. Ma la sua storia ha attraversato le frontiere e la sua testimonianza ha raggiunto uomini e donne in tanti paesi del mondo. L'incontro con DREAM, infatti,  l'aveva salvata e da allora si era trasformata in un esempio straordinario, non solo a Maputo e non solo per i mozambicani. Testimone incessante, nel giugno del 2011, era intervenuta all’Assemblea delle Nazioni Unite a New York  per sostenere l’accesso universale alla cura ed era diventata una delle testimonal  più conosciute e rappresentative del programma DREAM  ed  un’ icona indiscutibile della lotta all’HIV.

Ana Maria era nata 51 anni fa in una provincia rurale del Mozambico.  Nel 2002, quando aveva incontrato il programma DREAM che muoveva i suoi primi passi nella “casina” di Machava a Maputo, era molto malata: a 41 anni pesava 28 Kg, il corpo pieno di ferite, disprezzata da tutti.  

Aveva iniziato subito il trattamento e dopo pochi mesi aveva ricominciato a star bene: le medicine e l’amicizia le avevano restituito la salute e la dignità. Raccontava divertita che i suoi vicini di casa, al vederla di nuovo camminare per strada, non potevano credere che fosse lei e la pizzicavano per accertarsi che non fosse un fantasma. Comincio’ a trascorrere il suo tempo libero al centro DREAM per incontrare i malati e convincere tutti a fare il test e a curarsi.

E’ stata la prima in Mozambico a dichiarare pubblicamente di essere HIV positiva e a mostrarsi in prima persona,  prestando il suo volto, per vincere lo stigma.

Il suo sogno era di strappare alla morte i tanti malati che avevano paura di curarsi. Chi parlava con lei sentiva il “contagio positivo” della sua forza, il suo affetto e il suo coraggio.

Diceva: “...io non ho appreso l’AIDS sui libri  o nelle associazioni ma sul mio corpo e sulla mia pelle”.  Affermava questo con voce forte e tenace mostrando la sua foto di quando era malata a chi non sapeva che esistevano gli antiretrovirali e a chi non voleva nemmeno sentir parlare di AIDS.

I mass media mozambicani l’avevano soprannominata ´´la gladiatora´´  e negli anni si erano moltiplicati gli inviti alle trasmissioni radiofoniche e televisive e le interviste ai giornali.

E’ stata il primo membro dell’associazione  I DREAM, che raccoglie uomini e donne sieropositivi che si impegnano per il diritto alla cura nei paesi africani.

Ana Maria ha viaggiato spesso all’estero per portare la sua testimonianza e sostenere e formare gli attivisti degli altri paesi, perchè dopo aver incontrato DREAM si considerava rinata: la sua vita si era trasfigurata non solo nel corpo ma anche nello spirito, aveva cominciato a vivere per gli altri, sentiva vivo un debito d’amore.

Negli ultimi mesi e’ stata colpita da un’altra grave malattia diversa da quella per cui era in trattamento, ma mai sono venute meno la speranza e la serenità.

Nelle ultime settimane e’ stata circondata dalla tenerezza e dall’ affetto dei suoi amici che si sono presi cura di lei e le sono stati accanto sempre: questo le infondeva coraggio e la consolava la consapevolezza della preghiera dei fratelli della comunita’ di Sant’Egidio in tanti paesi del mondo.

La notizia della sua morte ha profondamente addolorato molti.

La Comunità di Sant'Egidio si è raccolta intorno a lei, messaggi sono arrivati da tutto il mondo e tante comunità l’hanno ricordata.

I mass media mozambicani hanno immediatamete dato l’annuncio della sua morte, sono stati pubblicati articoli e trasmesse le interviste che aveva rilasciato in televisone nel corso degli anni.

Ai funerali erano presenti rappresentanti delle istituzioni pubbliche e della societa’ civile.
Hanno espresso la vicinanza e le condoglianze alla Comunità di Sant’Egidio e alla famiglia, il Gabinetto della Primeira Dama, il Consiglio Nazionale per la Lotta all’AIDS, il Parlamento Giovanile, il Ministero della Donna e degli Affari Sociali.

Ana Maria, figlia della Comunità di Sant’Egidio, lascia un vuoto ma anche la grande testimonianza di come una donna umile della periferia del mondo puo’ trasformarsi in una donna importante che cambia la storia e la vita di tanti con semplicità e coraggio. 

OGGETTI ASSOCIATI
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
23 Settembre 2016
ASSISI, ITALIA

Testi ed interventi della cerimonia conclusiva di Sete di Pace - Assisi 2016

IT | ES | PT
19 Settembre 2016
PERUGIA, ITALIA

Laurea honoris causa a Bartolomeo I, uomo di pace e dialogo, costruttore di ponti tra Oriente e Occidente

IT | EN | ES | DE | PT
17 Settembre 2016

Assisi 2016, dono e gesto provvidenziali. La riflessione di Andrea Riccardi su Avvenire

IT | EN | ES | DE | ID
29 Agosto 2016
NAIROBI, KENYA

Sant'Egidio a Nairobi per parlare di pace, sviluppo e diritto alle cure per tutti

IT | EN | ES | FR | PT | CA | RU | HU
29 Agosto 2016
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Con gli occhiali nuovi alla Scuola della Pace di Abidjan

IT | ES | DE | FR | PT | CA
11 Agosto 2016
CITTÀ DEL VATICANO

Papa Francesco a pranzo a Santa Marta con i profughi siriani venuti da Lesbo e ora ospiti di Sant'Egidio

IT | ES | DE | FR | PT | CA | HU
tutte le news
• STAMPA
23 Settembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Le guerre di religione sono contro le religioni

23 Settembre 2016
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Il ritorno dello "spirito di Assisi"

22 Settembre 2016
Zenit

Riccardi: “Lo Spirito di Assisi non è morto. Nel 2017 appuntamento in Germania”

20 Settembre 2016
SIR

Incontro di Assisi: Andrea Riccardi (Sant’Egidio), “niente è perduto con il dialogo. Tutto è possibile con la pace”

20 Settembre 2016
L'Eco di Bergamo

Il grido di dolore dell'Africa: «Aiuti ma anche pari dignità»

19 Settembre 2016
ASCA

Assisi, Riccardi: dialogo è intelligenza di vivere insieme

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
27 Settembre 2016

Presentazione del libro: Servitore di Dio e dell'umanità. Biografia di Benedetto XVI.

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Andrea Riccardi - Oriente e Occidente - Dialoghi di civiltà

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Medì 2016: PROGRAMMA

Medì 2016: I RELATORI

tutti i documenti
• LIBRI

Periferie





Jaca Book

L'Altro, l'Atteso





San Paolo
tutti i libri

FOTO

1289 visite

1219 visite

1150 visite

1217 visite
tutta i media correlati