change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
4 Gennaio 2003

Tirana: Cerimonia per i 10 anni di amicizia tra la Comunità di Sant'Egidio e l'Albania

 
versione stampabile

Una giornata per ricordare insieme e guardare al futuro
Tirana - Palazzo dei Congressi

Erano più di un migliaio accorsi al Palazzo dei Congressi di Tirana alla solenne celebrazione dei 10 anni di presenza della Comunità di Sant'Egidio in Albania, sigillati dal prestigioso premio "Madre Teresa di Calcutta" consegnato dal Presidente della Repubblica Alfred Moisiu nelle mani di mons. Vincenzo Paglia, vescovo di Terni e fin dalle origini assistente spirituale dell'associazione cattolica romana.

Erano presenti, tra gli altri, mons. Angelo Massafra, vescovo di Scutari e presidente della Conferenza episcopale albanese, il Metropolita di Tirana e di tutta l'Albania Anastas Janullatos e il ministro degli Esteri Ilir Meta.

L'amicizia di Sant'Egidio con l'Albania cominciò quando il fondatore Andrea Riccardi nel lontano 1988 vi si recò per la prima volta per motivi accademici (allora era docente all'Università di Bari). Erano, ancora per poco, gli anni bui del durissimo regime staliniano che aveva ridotto il Paese ad un isolamento fuori dalla storia e fuori dal tempo, in una sorta di medioevo delle libertà e dei diritti, nonché della vita politica ed economica.

Nel 1990 mons. Paglia, che aveva ricevuto un incarico confidenziale da Giovanni Paolo II per concordare la ripresa della libertà di religione, si incontro in gran segreto, di notte, con l'allora leader comunista Ramiz Alia. Si stabilivano così i primi contatti informali tra il Paese delle Aquile e la Comunità, la cui presenza in pianta stabile in Albania ha inizio in verità l'anno seguente grazie ad una scoperta…lungimirante: si restò colpiti dal fatto che la gran parte della popolazione locale era priva di occhiali per la correzione della vista. Nacque così un progetto che coinvolse oculisti, ottici e ditte italiane specializzate in una serie di missioni a carattere volontario per la preparazione di occhiali su misura. Una quarantina di sanitari e alcune fra le maggiori imprese del settore inviarono in donazione un imponente flusso di montature ottiche.

Con questo primo intervento si venne via via in contatto con bambini e adulti affetti da gravi patologie non curabili nel Paese per mancanza di ospedali adeguatamente attrezzati. Per loro la Comunità ha cercato in Italia strutture sanitarie disposte ad offrire gratuitamente le cure necessarie, sostenendo le spese per il vitto e l'alloggio. Molti fecero ritorno a casa guariti, altri poterono continuare a curarsi con un sistema di sorveglianza e di sostegno ancora in atto.

Nel 1996 ebbe inizio l'impegno all'assistenza a bambini leucemici, talassemici e malati di tumore nell'Ospedale Universitario di Tirana, con l'acquisto di farmaci, il sostegno alle spese per alcuni esami clinici e alle famiglie dei piccoli pazienti, per permettere loro di poter stare accanto ai propri figli.

Furono in seguito promossi progetti di supporto al sistema scolastico, che il lungo isolamento politico aveva deteriorato a livelli difficilmente immaginabili. Mancavano arredi, libri, cancelleria. Gli edifici erano fatiscenti, i salari degli insegnanti particolarmente bassi, con conseguente perdita di prestigio della loro figura professionale. Risultato: caduta a picco del tasso di scolarizzazione su tutto il territorio nazionale. Dal 1993 Sant'Egidio cominciò allora a rifornire le scuole più povere del Paese di materiale didattico.

Venne poi la guerra del Kosovo, che significò l'arrivo in Albania di 500 mila profughi i cui bambini smisero di studiare. La Comunità curò per questo l'organizzazione di attività scolastiche apposta per loro, prodromi delle attuali "scuole della pace", che ogni estate vedono coinvolti centinaia di esponenti della Comunità in uno sforzo di scolarizzazione di tanti bambini che durante l'anno per varie motivazioni non hanno possibilità di apprendimento.

L'impegno di Sant'Egidio si è moltiplicato in molte altre iniziative: centri di riabilitazione neuro-motoria per disabili, corsi di formazione del personale sanitario locale, interventi locali al sistema idrico, programmi di riabilitazione di bambini poliomielitici, sostegno su più fronti ai profughi kosovari, progetti di adozione a distanza.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
3 Agosto 2009

Estate di solidarietà in Albania: le attività dell'ambulatorio di fisioterapia di Lezha

IT | FR | PT | NL | ID
29 Novembre 2017

In partenza una nuova missione di Sant'Egidio nei campi dei rohingya in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL | ID | PL
17 Luglio 2015
BERLINO, GERMANIA

No more walls: giovani europei a Berlino per un'Europa senza muri

IT | EN | ES | DE | FR | PT
7 Novembre 2017
BANGLADESH

I primi aiuti di Sant'Egidio per i profughi rohingya arrivano nei campi in Bangladesh

IT | ES | DE | FR | CA | NL | RU
20 Settembre 2017
MYANMAR (BIRMANIA)

Aiutiamo i profughi rohingya rifugiati in Bangladesh

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
15 Settembre 2017
LIVORNO, ITALIA

Alluvione a Livorno: la Comunità, insieme ai nuovi europei, in aiuto delle persone colpite

tutte le news
• STAMPA
13 Novembre 2015
Sette: Magazine del Corriere della Sera

L'Europa non sarà islamica. Ma cambierà

3 Ottobre 2015
el Periódico

El dilema de Europa

18 Settembre 2014
Avvenire

Polonia. Sant'Egidio con i giovani europei ad Auschwitz-Cracovia per il no alle guerre

1 Dicembre 2013
SIR

Niente pacchi viveri per i nostri poveri nei primi mesi del 2014

8 Novembre 2013
La Repubblica - Ed. Genova

Pacco viveri, quattromila in coda raccolta alimenti in ogni quartiere

31 Ottobre 2013
L'Amico Del Popolo

2013, ultimo anno per gli aiuti alimentari europei

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Libia: L'accordo umanitario per il Fezzan firmato a Sant'Egidio il 16 giugno 2016

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

tutti i documenti
• LIBRI

Martiri d'Albania (1945-1990)





La Scuola
tutti i libri

FOTO

404 visite

382 visite

506 visite

327 visite

523 visite
tutta i media correlati