Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Ottobre 2013 | N'DJAMENA, CIAD

Sant'Egidio accanto ai bambini di strada in Ciad

Cibo e amicizia sono la risposta della Comunità a questo dramma africano. Un racconto da N'Djamena

 
versione stampabile

Il Ciad (Répubblique du Tchad) è uno di quei paesi a cavallo fra il deserto e il verde degli altipiani dell’Africa Centrale. Il suo territorio, da sempre crocevia di mondi diversi, ha il suo fascino ma è anche teatro del dramma della siccità e della guerra.  
A N’Djamena, la capitale, le tante lingue nazionali, l’arabo, il francese, si mescolano fra loro come i colori dei suoi abitanti (circa un milione, ma le cifre sono approssimative, i servizi anagrafici non aiutano). Cresce disordinatamente: lungo le grandi arterie stradali si alternano i quartieri cristiani e musulmani, e poi tanti poveri, vittime della fame e della violenza diffuse.

Dal gennaio 2013, la Comunità di Sant'Egidio ha cominciato a prendersi cura dei bambini di strada che vivono intorno al mercato di Dembé, una zona periferica della capitale. Durante la notte si rifugiano nella boscaglia per sottrarsi ai pericoli della strada e al mattino escono fuori e si sparpagliano nella città.

Raccontano gli amici di Sant'Egidio a N'Djamena: "La prima tappa del loro girovagare è il mercato. Li incontriamo lì, da diversi anni. Sono fra i primi invitati al pranzo di Natale e alle grandi feste con la Comunità.

Ma ora quest’amicizia si arricchisce di un appuntamento settimanale, il sabato: dobbiamo andare a cercarli nella boscaglia la mattina presto, fra le 6 e le 7, prima che partano per disperdersi nelle strade della città. Portiamo da mangiare un piatto di riso con salsa al pomodoro, pasta, una bevanda calda (tè o latte), e quando ci riusciamo anche patate, carne macinata e succhi di frutta". 

E così, un po’ per volta, la regolarità degli incontri ha conquistato questi bambini ed adolescenti induriti dalla vita di strada: la fedeltà apre il cuore al desiderio di confidare le proprie storie e alla gratitudine per l’affetto e la protezione degli amici più grandi (talora solo di qualche anno, diversi liceali aiutano in questo servizio per strada).

Alcuni sono orfani, altri si sono allontanati  da casa per difficoltà familiari, ma anche per povertà alla ricerca di qualcosa da mangiare. Spesso sono vittime di  pregiudizi e superstizioni o di questioni di interesse interne alle famiglie.

Ce ne sono che semplicemente si perdono perché le abitazioni sono molto precarie e può succedere che la famiglia si trasferisca improvvisamente in un altro quartiere.

Si fermano ai crocicchi, sul ciglio della strada, a volte non hanno neanche la forza di andare a cercare del cibo. Anche una piccola malattia, una caduta, può divenire una tragedia: con la polvere e il caldo, senza acqua per lavarsi, le ferite si infettano subito.
Avrebbero bisogno di cure e protezione, come tutti i bambini, e invece la gente passa oltre, talora li insulta e li aggredisce anche senza motivo, solo perché sono sporchi. Devono difendersi e nascondersi: di notte il buio della foresta è più rassicurante della strada.
Ma da quest’anno il sabato mattina uscire fuori fa meno paura, ci sono degli amici che aspettano, che proteggono e rasserenano la vita, affettuosamente.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
8 Febbraio 2017
BUKAVU, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Giornata contro la tratta: la storia Moise e Samuel, dalla condizione di "invisibili" a un diploma professionale

IT | ES | DE | FR | PT | RU
3 Febbraio 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Lettera da Goma, in Congo: Siamo diventati i portavoce degli anziani abbandonati nella periferia della città

IT | EN | ES | DE | FR
2 Febbraio 2017
DOUALA, CAMERUN

Un tendone per rendere più umane le condizioni di vita nel carcere di New Bell a Douala, Cameroun

IT | ES | DE | PT
11 Gennaio 2017

Africa, Marco Impagliazzo: ''L'eccellenza della medicina italiana per lo sviluppo della sanità africana''

IT | FR
9 Gennaio 2017

La Guida ''Dove mangiare, dormire e lavarsi 2017'' in una APP! Disponibile nel Play Store per Android

4 Gennaio 2017

Temperature in calo, un appello alla solidarietà. In tutta Italia raccolte di coperte e sacchi a pelo per i senza dimora

tutte le news
• STAMPA
24 Gennaio 2017
Radio Vaticana

Istat, aumentano i senza lavoro nelle periferie di Roma e Milano

21 Dicembre 2016
SIR

Solidarietà: Comunità S. Egidio, domani a Roma la guida “Dove mangiare, dormire, lavarsi”

7 Dicembre 2016
Il Secolo XIX

Spettro povertà, l'aiuto riparta dalle periferie

1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

1 Dicembre 2016
Il Piccolo

«Chi chiede l'elemosina è vittima di pregiudizi»

22 Novembre 2016
Giornale di Sicilia

«In difficoltà soprattutto gli anziani che per anni hanno aiutato figli e nipoti»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
11 Gennaio 2017

Sant'Egidio: al via la collaborazione con la Fondazione Arpa per la formazione e lo sviluppo di sistemi sanitari avanzati

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

La Comunità di Sant'Egidio e i poveri in Liguria - report 2015

Sintesi, Rapporti, Numeri e dati sulle persone senza dimora a Roma nel 2015

Le persone senza dimora a Roma

La povertà in Italia

Alcune storie raccolte al telefono della Comunità di Sant’Egidio - 2014

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

847 visite

1019 visite

864 visite

1000 visite
tutta i media correlati