change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Gennaio 2014 | NAPOLI, ITALIA

Una preghiera per celebrare la "Giornata del migrante"

 
versione stampabile

Domenica 19 gennaio a Napoli, nella Chiesa di San Pietro Martire, si è celebrata la giornata del migrante, indetta cento anni fa da Pio X soprattutto per ricordare le traversie degli italiani all’estero, e divenuta negli ultimi anni un’occasione per fare memoria e pregare per i tanti profughi e migranti che non sempre trovano l’accoglienza sperata. Ben prima dell’inizio della celebrazione la Chiesa della Comunità era già piena di indiani, cingalesi, filippini, ucraini, russi, kirghisi, peruviani, salvadoregni, ghanesi, nigeriani e decine di altri italiani di adozione nati, però, in altre parti del mondo. Tra gli asiatici, tanti indossavano coloratissimi sari e sarong, per ricordare il Paese lasciato, dove spesso vivono ancora i parenti più cari.

Don Gino Battaglia, nel richiamare il titolo della giornata “Migranti e rifugiati: verso un mondo migliore” ha ricordato a tutti i convenuti la dottrina della destinazione universale dei beni della Chiesa, secondo la quale la Terra è stata data da Dio agli uomini e nessuno ha il diritto di appropriarsene in via esclusiva, né tantomeno di impedire a chi è nel bisogno di goderne i frutti.  Parole, quelle di don Gino Battaglia, che fanno eco al messaggio del Papa Francesco che ha iniziato il suo pontificato proprio recandosi a Lampedusa. Nello spiegare il significato di “mondo migliore” Papa Francesco afferma “Questa espressione non allude a realtà irraggiungibili … orienta piuttosto alla ricerca di uno sviluppo autentico e integrale, a operare perché vi siano condizioni di vita dignitose per tutti, perché trovino giuste risposte le esigenze delle persone e delle famiglie, perché sia rispettata, custodita e coltivata la creazione che Dio ci ha donato”.

Durante la Liturgia è stata portata in processione, in un clima di grande partecipazione e commozione, una croce costruita con due schegge di legno delle imbarcazioni naufragate a Lampedusa. La croce è stata solennemente deposta sull’altare delle croci, accanto alle altre provenienti dai luoghi di maggiore sofferenza del pianeta, per ricordare a ciascuno il dovere di pregare e impegnarsi perché il mondo migliore verso il quale sono incamminati migranti e rifugiati sia ogni giorno più vicino.


Dopo la liturgia i partecipanti, oltre 350 persone, si sono ritrovati per pranzare e fare festa insieme. C’erano anche varie associazioni provenienti da ogni parte della Campania. Tanti coloro che hanno voluto contribuire alla festa con poesie, canti e balli.  Significativa la presenza del Movimento Viva gli Anziani, del Movimento Gli Amici e dei Giovani per la pace che hanno testimoniato la loro gratitudine e il loro affetto per gli immigrati. Antonietta (87 anni) nel saluto rivolto ai presenti ha detto: “Siete i nostri figli, siamo un’unica grande famiglia. Noi vi vogliamo molto bene”.
La realizzazione dell’iniziativa è stata possibile grazie all’aiuto di tanti, tra cui il Ristorante Le Arcate e la Banca di credito cooperativo di Napoli.

 

 
   

 LEGGI ANCHE
• NEWS
10 Maggio 2014
NAPOLI, ITALIA

Da minoranza emarginata a "nuovi europei": al convegno su Jerry Masslo le proposte di Sant'Egidio sull'immigrazione

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA
12 Dicembre 2017
NAPOLI, ITALIA

Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e Campania 2018: presentata la nuova edizione della guida per i poveri

3 Ottobre 2017

#3ottobre - Giornata Nazionale in memoria delle vittime dell'immigrazione a 4 anni dalla strage di Lampedusa

IT | DE
9 Agosto 2016
NAPOLI, ITALIA

Estate in Campania fa rima con solidarietà: la proposta di Sant'Egidio che fa bene a chi aiuta e chi è aiutato

15 Gennaio 2018

Papa Francesco traccia la differenza tra immigrazione e invasione: il commento di Andrea Riccardi sul Corriere della Sera

5 Dicembre 2017
NAPOLI, ITALIA

A Napoli nella liturgia della prima domenica di Avvento il conferimento della Cresima ai disabili

tutte le news
• STAMPA
17 Dicembre 2015
Radio France International

Sant'Egidio crée des corridors humanitaires avec le Maroc et le Liban

14 Settembre 2015
Il Mattino

Migranti, la solidarietà di Napoli non sarà di facciata

11 Gennaio 2018
La Repubblica - Ed. Napoli

Ragazzi violenti servono nuovi modelli

2 Gennaio 2018
Corriere del Mezzogiorno

Napoli, il cardinale Sepe sfida i ragazzi delle baby-gang: «Il futuro è solo morire o il carcere»

27 Dicembre 2017
Corriere del Mezzogiorno

Chi apparecchia la tavola della fraternità

26 Dicembre 2017
Il Mattino

Dieci pranzi e 1.200 poveri a tavola: il Natale di solidarietà della Comunità di Sant'Egidio a Napoli

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
3 Dicembre 2017 | NAPOLI, ITALIA

Liturgia eucaristica di inizio dell'Avvento dedicata ai disabili

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI
Comunità di Sant'Egidio

Cinque proposte sull’immigrazione

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Dove Napoli 2015

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

697 visite

244 visite

678 visite

251 visite

697 visite
tutta i media correlati