Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
21 Gennaio 2014 | NAPOLI, ITALIA

Una preghiera per celebrare la "Giornata del migrante"

 
versione stampabile

Domenica 19 gennaio a Napoli, nella Chiesa di San Pietro Martire, si è celebrata la giornata del migrante, indetta cento anni fa da Pio X soprattutto per ricordare le traversie degli italiani all’estero, e divenuta negli ultimi anni un’occasione per fare memoria e pregare per i tanti profughi e migranti che non sempre trovano l’accoglienza sperata. Ben prima dell’inizio della celebrazione la Chiesa della Comunità era già piena di indiani, cingalesi, filippini, ucraini, russi, kirghisi, peruviani, salvadoregni, ghanesi, nigeriani e decine di altri italiani di adozione nati, però, in altre parti del mondo. Tra gli asiatici, tanti indossavano coloratissimi sari e sarong, per ricordare il Paese lasciato, dove spesso vivono ancora i parenti più cari.

Don Gino Battaglia, nel richiamare il titolo della giornata “Migranti e rifugiati: verso un mondo migliore” ha ricordato a tutti i convenuti la dottrina della destinazione universale dei beni della Chiesa, secondo la quale la Terra è stata data da Dio agli uomini e nessuno ha il diritto di appropriarsene in via esclusiva, né tantomeno di impedire a chi è nel bisogno di goderne i frutti.  Parole, quelle di don Gino Battaglia, che fanno eco al messaggio del Papa Francesco che ha iniziato il suo pontificato proprio recandosi a Lampedusa. Nello spiegare il significato di “mondo migliore” Papa Francesco afferma “Questa espressione non allude a realtà irraggiungibili … orienta piuttosto alla ricerca di uno sviluppo autentico e integrale, a operare perché vi siano condizioni di vita dignitose per tutti, perché trovino giuste risposte le esigenze delle persone e delle famiglie, perché sia rispettata, custodita e coltivata la creazione che Dio ci ha donato”.

Durante la Liturgia è stata portata in processione, in un clima di grande partecipazione e commozione, una croce costruita con due schegge di legno delle imbarcazioni naufragate a Lampedusa. La croce è stata solennemente deposta sull’altare delle croci, accanto alle altre provenienti dai luoghi di maggiore sofferenza del pianeta, per ricordare a ciascuno il dovere di pregare e impegnarsi perché il mondo migliore verso il quale sono incamminati migranti e rifugiati sia ogni giorno più vicino.


Dopo la liturgia i partecipanti, oltre 350 persone, si sono ritrovati per pranzare e fare festa insieme. C’erano anche varie associazioni provenienti da ogni parte della Campania. Tanti coloro che hanno voluto contribuire alla festa con poesie, canti e balli.  Significativa la presenza del Movimento Viva gli Anziani, del Movimento Gli Amici e dei Giovani per la pace che hanno testimoniato la loro gratitudine e il loro affetto per gli immigrati. Antonietta (87 anni) nel saluto rivolto ai presenti ha detto: “Siete i nostri figli, siamo un’unica grande famiglia. Noi vi vogliamo molto bene”.
La realizzazione dell’iniziativa è stata possibile grazie all’aiuto di tanti, tra cui il Ristorante Le Arcate e la Banca di credito cooperativo di Napoli.

 

 
   

 LEGGI ANCHE
• NEWS
27 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

I corridoi umanitari, volto umano dell'Italia che salva. Tanti i bambini arrivati oggi dalla Siria

IT | DE | PT | RU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

La preghiera di Papa Francesco per i martiri del nostro tempo. Le immagini della visita

IT | EN | ES | DE | FR | PT | HU
22 Aprile 2017
ROMA, ITALIA

Il Papa con profughi: un sopravvissuto di Lampedusa gli dona una cartolina con i volti delle vittime dei naufragi

IT | ES | FR | PT | NL
6 Aprile 2017
NAPOLI, ITALIA

A Torino, Napoli e Berlino le preghiere in memoria dei martiri del nostro tempo

5 Aprile 2017
NAPOLI, ITALIA

Girando per le vie del centro storico di Napoli, entriamo in una casa speciale: ci accolgono gli anziani

4 Aprile 2017
UNGHERIA

Al confine... e oltre. Un racconto dai campi profughi tra Serbia e Ungheria.

IT | ES | DE | NL | HU
tutte le news
• STAMPA
28 Marzo 2017
Corriere del Mezzogiorno

Giù le Vele a Scampia, su Nagorà dibattito tra urbanisti e intellettuali

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

26 Febbraio 2017
Il Mattino

Sant'Egidio: 270 clochard morti in Campania negli ultimi anni

3 Febbraio 2017
Huffington Post

Marco Impagliazzo: Il ponte di Francesco, il muro di Donald

26 Gennaio 2017
Corriere del Mezzogiorno

La grande rete della solidarietà. A Napoli attive 60 associazioni

22 Gennaio 2017
Avvenire - Ed. Lazio Sette

«L'integrazione, interesse di tutti»

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

La guida "Dove mangiare, dormire, lavarsi a Napoli e in Campania" 2016

Dove Napoli 2015

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

655 visite

223 visite

681 visite

231 visite

662 visite
tutta i media correlati