change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
5 Febbraio 2014

L’incontro tra i giovani e gli anziani, tra osservanza e profezia. Non vediamole come due realtà contrapposte!

 
versione stampabile

L’incontro tra i giovani e gli anziani, tra osservanza e profezia. Non vediamole come due realtà contrapposte! Lasciamo piuttosto che lo Spirito Santo le animi entrambe, e il segno di questo è la gioia: la gioia di osservare, di camminare in una regola di vita; e la gioia di essere guidati dallo Spirito, mai rigidi, mai chiusi, sempre aperti alla voce di Dio che parla, che apre, che conduce, che ci invita ad andar vero l’orizzonte.
Fa bene agli anziani comunicare la saggezza ai giovani; e fa bene ai giovani raccogliere questo patrimonio di esperienza e di saggezza, e portarlo avanti, non per custodirlo in un museo. No, no, no! Per portarlo avanti con le sfide che la vita ci pone, ci dà. Portarlo avanti per il bene delle rispettive famiglie religiose e di tutta la Chiesa.
La grazia di questo mistero, il mistero dell’incontro, ci illumini e ci conforti nel nostro cammino.

 

Dal discorso per la  XVIII Giornata Mondiale della Vita Consacrata