Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
7 Aprile 2014

Ruanda, a 20 anni dall'eccidio. Costruiamo una cultura del vivere insieme perché non si ripeta nulla di simile

Un articolo di Andrea Riccardi su Famiglia Cristiana

 
versione stampabile

Sono passati vent'anni dal genocidio in Ruanda. Proprio il 6 aprile 1994 venne abbattuto l'aereo del presidente Habyarimana da parte degli estremisti hutu. Era l'inizio del massacro durato sino alla metà di luglio dello stesso anno. Cento terribili giorni: più di un milione di vittime, in larga parte tutsi, su una popolazione di poco superiore a sette milioni. Fu il genocidio dei tutsi. Li si voleva sradicare e distruggere.
In quei giorni la Radio Mille Collines e altre stazioni private martellavano la popolazione con messaggi di morte e istruzioni agli Interahamwe, le squadre assassine. Bisognava uccidere! Fare presto! Le truppe ruandesi appoggiarono quel massacro sistematico. Fu un'ubriacatura collettiva di odio assassino.
Gli hutu, vissuti normalmente in buoni rapporti con le famiglie tutsi, all'improvviso si scagliavano contro i vicini di etnia diversa e li uccidevano. I bambini hutu e tutsi avevano giocato insieme fino a quel momento. Poi si aprì un abisso. Persone normali si trasformarono in assassini, spronati da una propaganda folle. La convinzione tra gli hutu era che si doveva eliminare i tutsi per non essere eliminati da parte loro. Era una convinzione insensata, pagata con la vita di centinaia di migliaia di persone e con cento giorni di terrore.

Una fede smentita dai fatti. Questo genocidio è avvenuto nel cuore dell'Africa, in un Paese molto cattolico (lo è circa l'80 per cento dei cittadini). Intanto a Roma si stava tenendo il Sinodo dei vescovi africani sull'evangelizzazione: quel genocidio è stato una vera smentita del cattolicesimo del Paese. Giovanni Paolo II denunciò, implorò, ma invano. Hutu e tutsi sono cattolici. E non differiscono in niente, nemmeno nella lingua. Un hutu (assassino) ha raccontato: «Una volta abbiamo scovato un gruppo di tutsi tra i papiri. Aspettavano i colpi di machete pregando... li sfottevamo sulla bontà del Signore, scherzavamo sul paradiso che li attendeva».

Ho visitato il Kigali Memorial Centre: ho visto le bare degli uccisi assieme alle immagini di tanti orrori. Si leggono i nomi dei bambini tutsi assassinati, con notizie sui loro giochi e i loro gusti. Sono sopravvissuti 400.000 orfani. Intere famiglie sono state distrutte. La vittoria di Kagame ha fermato il genocidio e avviato il Paese alla stabilità. Si percepiscono ancora le gravi ferite.
Il 6 aprile non è solo un giorno di memoria ufficiale, ma un profondo lutto nazionale, dietro cui si percepisce la domanda: può accadere di nuovo? La storia è talvolta piena di amare sorprese. Bisogna prevenirle, costruendo una vera società del vivere insieme. Non solo in Ruanda, ma ovunque.

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
20 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Concluso a Roma il convegno dei rappresentanti delle Comunità di Sant'Egidio dell'Africa e dell'America Latina

IT | EN | ES | DE | FR | CA | NL
9 Marzo 2017
MAPUTO, MOZAMBICO

Cibo e rose nel carcere femminile di Ndlavela in Mozambico, dove la povertà è fatta anche di abbandono

IT | ES | DE | PT
3 Febbraio 2017
GOMA, REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO

Lettera da Goma, in Congo: Siamo diventati i portavoce degli anziani abbandonati nella periferia della città

IT | EN | ES | DE | FR
2 Febbraio 2017
DOUALA, CAMERUN

Un tendone per rendere più umane le condizioni di vita nel carcere di New Bell a Douala, Cameroun

IT | ES | DE | PT
11 Gennaio 2017

Africa, Marco Impagliazzo: ''L'eccellenza della medicina italiana per lo sviluppo della sanità africana''

IT | FR
23 Dicembre 2011

Pajule (Nord Uganda) - Circa 200 bambini ottengono il certificato di nascita

IT | ES | DE | PT | CA | NL | RU
tutte le news
• STAMPA
21 Marzo 2017
Avvenire

Dal Papa il presidente Kagame, una svolta. La Chiesa in Ruanda. Purificare la memoria

18 Marzo 2017
Radio Vaticana

Telemedicina: nuova frontiera per la cooperazione in Africa

17 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Le politiche sulle migrazioni devono partire dai giovani africani che usano Internet e il cellulare

1 Dicembre 2016
Zenit

Africa: 300mila sieropositivi curati da Sant’Egidio

11 Novembre 2016
Radio Vaticana

Aids in Africa: premiato progetto Dream di Sant'Egidio

10 Novembre 2016
Vatican Insider

Aids, il Premio “Antonio Feltrinelli” dell’Accademia dei Lincei al programma DREAM di S.Egidio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
11 Gennaio 2017

Sant'Egidio: al via la collaborazione con la Fondazione Arpa per la formazione e lo sviluppo di sistemi sanitari avanzati

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
31 Ottobre 2014

Inaugurata a Bukavu la campagna "Città per la vita"

12 Ottobre 2014
All Africa

Africa: How the Death Penalty Is Slowly Weakening Its Grip On Africa

20 Settembre 2014

Ciad: il nuovo codice penale prevede l'abolizione della pena di morte

20 Settembre 2014
AFP

In Ciad rischio criminalizzazione gay, ma abolizione pena morte

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Burkina Faso - La Paix est l'avenir: Rencontre des religions pour la paix

Comunicato stampa contro i linciaggi in Mali

The Goal of a DREAM

Dichiarazione dell'Unione Africana sul Patto Repubblicano firmato a Bangui

Jean Asselborn

Discours du Vice-Premier ministre, ministre des Affaires étrangères Grand-Duché de Luxembourg Jean ASSELBORN

Marc Spautz

Discorso di Marc Spautz, ministro della Cooperazione del Lussemburgo

tutti i documenti
• LIBRI

Eine Zukunft für meine Kinder





Echter Verlag
tutti i libri

FOTO

1316 visite

1299 visite

1221 visite

1518 visite

1355 visite
tutta i media correlati