change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
26 Maggio 2014

Quando cristiani di diverse confessioni si trovano a soffrire insieme, si realizza un ecumenismo della sofferenza

, si realizza l’ecumenismo del sangue

 
versione stampabile

Non dimentichiamo, nella nostra preghiera, tanti altri uomini e donne che, in diverse parti del pianeta, soffrono a motivo della guerra, della povertà, della fame; così come i molti cristiani perseguitati per la loro fede nel Signore Risorto. Quando cristiani di diverse confessioni si trovano a soffrire insieme, gli uni accanto agli altri, e a prestarsi gli uni gli altri aiuto con carità fraterna, si realizza un ecumenismo della sofferenza, si realizza l’ecumenismo del sangue, che possiede una particolare efficacia non solo per i contesti in cui esso ha luogo, ma, in virtù della comunione dei santi, anche per tutta la Chiesa. Quelli che per odio alla fede uccidono, perseguitano i cristiani, non domandano loro se sono ortodossi o se sono cattolici: sono cristiani. Il sangue cristiano è lo stesso.

Dal discorso al Santo Sepolcro 25 maggio 2014

LEGGI TUTTO