Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
29 Maggio 2014 | LIVORNO, ITALIA

Europa, Mediterraneo e immigrati. Se ne è parlato a "Medì, le città vogliono vivere"

Rappresentanti del mondo della cultura e delle religioni alla due giorni del Meeting Internazionale delle città del Mediterraneo

 
versione stampabile

Europa, Mediterraneo e immigrati. "Sento la vergogna di come la questione dei rifugiati del sud del mondo è gestita in questi mesi". Andrea Riccardi, fondatore della Comunità di Sant'Egidio, interviene in apertura del primo convegno internazionale 'Medì. Le città vogliono vivere', in corso a Livorno oggi e domani su iniziativa di Sant'Egidio. Per ottenere lo statuto di rifugiato, fuggendo da contesti di guerra, "devi prima superare la prova del deserto, poi quella del mare. Se riesci a non morire durante il viaggio e arrivi a Lampedusa allora puoi richiedere questo status. L'Italia deve pretendere in sede europea una corresponsabilità: i rifugiati devono poter presentare le domande nei Paesi in cui arrivano". La convenzione di Dublino "è da rivedere". Anche di fronte a questi problemi, che possono diventare opportunità, le città del Mediterraneo rinnovano il loro essere plurali nella globalizzazione, ora che più della metà della popolazione mondiale vive nelle città: "La città è la più grande espressione umana di volere vivere e di vivere con gli altri - ha osservato Riccardi - Le città possono contare ma si debbono dare una vocazione. Non si sta in una città senza un'idea larga, senza un'idea del mondo". Altrimenti esse diventano periferiche. Il problema diventa drammatico nelle megalopoli, che a differenza delle città europee in generale e mediterranee in particolare, non hanno le piazze, luoghi di incontro. Si deve creare un punto di vista mediterraneo delle città da portare in Europa e nel mondo arabo. E' un modello plurale verificato nella loro storia. Sul tema 'La città, protagonista del Mediterraneo', hanno preso parte lo scrittore Nedim Gursel, di Istanbul; Jaume Castro, della Comunità di Sant’Egidio, di Barcellona; l'architetto Jeremie Hoffmann, di Tel Aviv.          

Mercoledì 28 maggio, alle 9.30, presso la Sala Convegni del Lem, focus sulle città arabe, con Mohammed Jouili, Direttore dell'Osservatorio Nazionale sui giovani, di Tunisi; Antoine Courban, dell'Università Saint Joseph, di Beirut; l'attivista egiziana Nagwan El Ashwal, di Alessandri. Segue una tavola rotonda su “Quale futuro? 'Città muro', 'città porto'”, con Marco Rossi, per il Centro per il dialogo Religioso ed Ecumenico di Napoli; Vasilios Koulousas, dell'Università 'Aristotele' di Salonicco; Rèmi Caucanas per l'Istituto del Mediterraneo Le Mistral di Marsiglia ed Emanuele Rossi, della Scuola Superiore Sant’Anna, per Livorno. Nel pomeriggio del 28 maggio, annivesario dei bombardamenti che durante la seconda guerra mondiale colpirono Livorno, via alla Giornata per la Pace promossa da Sant'Egidio, in collaborazione con Provincia e Comune di Livorno, la Diocesi, Istituto Storico della Resistenza e della Società contemporanea. Appuntamento alle 17 in piazza del Comune. Quasi con un passaggio di testimone, dal 28 pomeriggio al 29, il convegno 'Cosmopolitismo tra conflitti e mediazioni. Livorno e porto franco negli studi più recenti', organizzato dall'Archivio di Stato di Livorno nella Sala Ferretti della Fortezza vecchia. L'Archivio dedica alle città ospiti di Medì la mostra documentaria “Le città e il Mediterraneo: la convivenza e la storia”.
Da Medì l’invito dello scrittore turco Nedim Gursel a non lasciare Istanbul fuori dalle frontiere europee: “L’Ue  non rinunci al suo patrimonio storico e artistico”. Se non so verificasse l’integrazione "sarebbe un fatto triste nel quadro di un'Europa invecchiata. Purtroppo l'integrazione della Turchia, anche alla luce delle ultime elezioni, non sembra essere all'ordine del giorno. È un processo difficile, certo, ma ringrazio l'Italia che ha sempre sostenuto l'adesione del mio Paese alla Ue".
Per Vasilios Koukousas, docente di Storia ecclesiastica all’Università Aristotele di Salonicco, nella crisi c’è l’opportunità di ripensarsi: “Noi non siamo né orientali, né occidentali. Siamo Mediterranei. Ci siamo ossessionati dietro l’idea di una prosperità falsa e ora la gente non sa cosa le riserva il presente e il domani. Non si può vivere disciplinati solo dagli istituti di credito. Stiamo riscoprendo la famiglia e la solidarietà”. Ci vuole una visione di vita che vada oltre il consumo, altrimenti si pensa solo a emigrare. La Chiesa pratica l’aiuto ai poveri, la tenerezza, in ogni parrocchia c’è una mensa, ma non basta e bisogna accogliere di più, uscire dai palazzi. La convergenza tra le genti del porto fa nascere processi virtuosi. Il porto di Salonicco presenta utili da tre anni.
Remi Caucanas, dell’Istituto del Mediterraneo Le Mistral, parla della sua città, Marsiglia, “dove si ritrova tutta l’Europa del Sud: porta d’Oriente in Europa e rifugio dei perseguitati, ha messo in campo un modello, ‘Marsiglia-speranza’, nel quale si incontrano i diversi leader religiosi. In una città che conta circa un milione di abitanti, le religioni svolgono tra l’altro un ruolo importante di riferimento e identificazione sociale, soprattutto per le minoranze.  E’ attivo dal 1991, durante la Prima guerra del Golfo. Ieri le vittime del razzismo erano gli italiani, oggi sono i nuovi venuti”. A Marsiglia si calcolano circa 200 mila musulmani, 80 mila ebrei, 15 mila buddisti, 10 mila ortodossi (greci e russi). Vi è una forte presenza libanese, di caldei provenienti dall’Iraq e di copti dall’Egitto. Diversificata, dunque, e consistente la presenza cristiana: vi è qui anche una grossa comunità armena.

Marco Rossi, del Centro per il Dialogo religioso ed ecumenico di Napoli: “Abbiamo potuto constatare che gli stranieri sono un fattore di dinamismo nelle province e una risorsa preziosa a sostegno degli anziani che saranno entro breve il 35 per cento della popolazione. Ad essa è destinato un irrisorio livello di assistenza sociale”.
Antoine Courban, docente dell’Università Saint Joseph di Beirut, rileva come il diritto aiuti le identità a stare le une accanto alle altre. Le città multireligiose possono andare incontro a questo modello, che è stato proprio di Beirut, la Beritum romana, che è pero anche laboratorio di un uomo universale arabo.
Emanuele Rossi, della Scuola Superiore Sant’Anna, vede Livorno come città che non ha ancora conciliato localismo e globalizzazione, prendendo le identità positive che la legano ad altri territori e alle altre città. La storia di Livorno è un patrimonio vero. Si tratta di “non usare la memoria per ricordare il passato, ma per costruire il futuro”.
Vittorio Ianari, della Comunità di Sant’Egidio, osserva come Medì sia una sfida a lanciare una parola di speranza per uomini e donne del Mediterraneo, le cui città possono essere alternativa al “modello monorientato” delle “città dell’oro”, le città del Nord che attraggomo tante energie e ispirano rassegnazione o concedono, tutt’al più, alle altre di essere “città d’argento”. Dunque città mediterranee non “monorientate, in cui il motivo per vivere non sia solo la speranza d’arricchirsi. Vivere, non solo sopravvivere o vivacchiare, non diventare scali periferici, ma alternativi a città che sembrano avere come modello Re Mida. Il quale, tuttavia, sperimentò che l’oro non gli dava la felicità e che morì d’angoscia. Anche questa è saggezza del Mediterraneo, “contesto in cui siamo nati, cresciuti e al quale siamo quindi legati. Non vogliamo perdere il patrimonio di storia, di cultura, di fede che ci siamo raccontati in questi giorni, le particolarità di città che hanno sperimentato la convivenza come motivo di arricchimento. La crisi economica rende ancora più urgente questo tipo di prospettiva. Le città che si chiudono si diluiscono, si sciolgono nel loro quotidiano”. La complessità è guardata con molto fastidio dalla globalizzazione così come è prevalentemente intesa. Ma è questa la caratteristica delle città mediterranee. Si tratta di investire anche sulla natura e sulle condizioni climatiche: il mare si presenta certamente più a portata dell’uomo che gli oceani.
 

OGGETTI ASSOCIATI

 LEGGI ANCHE
• NEWS
25 Marzo 2017

Ospiti del 25/03/2017

24 Marzo 2017

Oggi ricordiamo il Beato Oscar Arnulfo Romero, martire della carità, ucciso a San Salvador il 24 marzo 1980

IT | ES
24 Marzo 2017

Ospiti del 24/03/2017

23 Marzo 2017
ROMA, ITALIA

Preghiera ecumenica per l'Europa alla vigilia del 60° anniversario dei Trattati di Roma

IT | DE | FR
23 Marzo 2017

Ospiti del 23/03/2017

23 Marzo 2017

Sogno un nuovo umanesimo europeo cui servono memoria, coraggio, sana e umana utopia

IT | EN | ES | DE | FR | PT
tutte le news
• STAMPA
24 Marzo 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Per capire la nuova geografia politica bisogna scrutare l'orizzonte del Medio Oriente

20 Marzo 2017
Main-Post

Zum Gedenken an die Einsamen

12 Marzo 2017
Würzburger katholisches Sonntagsblatt

Nothilfe am Petersdom

23 Febbraio 2017
Main-Post

Abschiebung in die Ungewissheit

2 Gennaio 2017
Aachener Zeitung

Zahlreiche Kerzen symbolisieren die Brandherde auf der Erde

1 Gennaio 2017
Main-Post

Frieden ist das höchste Gut der Menschheit

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
28 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Presentazione del libro "Perseguitati"

25 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Stage di formazione su catechesi e disabilità: ''Le abilità che includono''

24 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Preghiera ecumenica per l'Europa nel 60° anniversario dei Trattati di Roma

24 Marzo 2017 | MILANO, ITALIA

Preghiera in memoria di monsignor Oscar Arnulfo Romero

12 Marzo 2017 | PESCARA, ITALIA

Liturgia a Pescara in memoria delle persone senza dimora

9 Marzo 2017 | ROMA, ITALIA

Open Day al Laboratorio d'Arte Sperimentale con disabili a Via Lablache 32

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
18 Febbraio 2016
ROMA, ITALIA

IX Congresso Internazionale dei Ministri della Giustizia per un mondo senza pena di morte, il 22 febbraio a Roma

27 Ottobre 2015
GIAPPONE

Il supplizio di Iwao, da 47 anni nel braccio della morte

20 Ottobre 2015
GIAPPONE

Giustizia e diritti umani per una società senza pena di morte - #NoJusticewithoutlife in Giappone

10 Ottobre 2015
STATI UNITI

La Comunità di Sant'Egidio lancia la prossima "Giornata Mondiale delle città per la vita"

7 Ottobre 2015
STATI UNITI

10 ottobre 2015 la World Coalition Against the Death Penalty celebra la XIII giornata mondiale contro la pena di morte

5 Ottobre 2015
GIAPPONE

Okunishi Masaru è morto a 89 dopo aver trascorso ogni giorno per 46 anni come se fosse l'ultimo

5 Ottobre 2015
EFE

Fallece un preso japonés tras pasar 43 años en el corredor de la muerte

12 Marzo 2015
AFP

Arabie: trois hommes dont un Saoudien exécutés pour trafic de drogue

12 Marzo 2015
Associated Press

Death penalty: a look at how some US states handle execution drug shortage

9 Marzo 2015
AFP

Le Pakistan repousse de facto l'exécution du meurtrier d'un critique de la loi sur le blasphème

9 Marzo 2015
Reuters

Australia to restate opposition to death penalty as executions loom in Indonesia

9 Marzo 2015
AFP

Peine de mort en Indonésie: la justice va étudier un appel des deux trafiquants australiens

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI
Scrittore, Polonia

Adam Michnik

Premio Nobel per la Pace, Argentina

Adolfo Pérez Esquivel

Arcivescovo, Pontificio Consiglio della Pastorale per i Migranti e gli Itineranti, Santa Sede

Agostino Marchetto

Grand Imam di al-Azhar dal 2010 e presidente del Muslim Council of Elders dal 2014

Ahmed Al-Tayyeb

Decano della Facolta di Sharia e Studi Islamici, Qatar

Aisha Yousef Al-Menn'ai

Segretario Generale del Consiglio delle Conferenze Episcopali Europee

Aldo Giordano

tutti i documenti
• LIBRI

Periferias





San Pablo

La forza disarmata della pace





Jaca Book
tutti i libri

VIDEO FOTO
Preghiera ecumenica e Cerimonia finale della Preghiera per la pace ad Assisi
Conferimento della Laurea honoris causa al Patriarca Bartolomeo I
Assemblea di apertura, intervento di Baleka Mbete

340 visite

357 visite

380 visite

419 visite

400 visite
tutta i media correlati