Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
7 Agosto 2014 | BUDAPEST, UNGHERIA

Il ricordo del Porrajmos si fa invocazione ecumenica perchè abbia fine l'antigitanismo

Superstiti dell'olocausto dei rom, insieme a cristiani di diverse denominazioni, uniti nella preghiera e nell'impegno perchè la memoria sia argine alle derive dell'intolleranza.

 
versione stampabile
Domenica 3 agosto la Comunità di Sant'Egidio di Budapest ha celebrato con una preghiera ecumenica la memoria del Porrajmos, l’olocausto degli zingari durante la Seconda Guerra Mondiale, ricordando anche l’assassinio di una donna rom avvenuto 5 anni fa a Kisléta, in Ungheria.
La preghiera è stata presieduta dal vescovo ausiliare di Budapest-Esztergom, János Székely, responsabile del pastorale degli zingari.
 
Nella notte tra il 2 e il 3 agosto 2009, Mária Balogh fu uccisa nella sua casa a Kisléta mentre dormiva. Sua figlia di 13 anni rimase gravemente ferita. E' l’ultimo di una serie di attentati in Ungheria che in anni recenti hanno portato alla morte di 6 persone, tutte di etnia rom.
Nella stessa notte ma 70 anni fa, nel 1944, nel campo di Auschwitz-Birkenau furono uccise quasi 3000 persone tra rom e sinti.
Accanto al vescovo erano presenti anche Zoltán Balog, pastore della Chiesa riformata, (attualmente ministro delle risorse umane nel governo ungherese), László Deák, pastore lutheran, Aaron Stevens, pastore della Chiesa presbiteriana scozzese in Ungheria e P. Szabolcs Sajgó, gesuita.
Molte le autorità presenti, tra cui László Sólyom, ex-presidente dell’Ungheria, il segretario di stato degli affari sociali, Károly Czibere, il vice-sindaco di Budapest, Tamás Szentes.
Alla preghiera hanno partecipato anche alcuni familiari delle vittime del 2009. 

Un momento toccante è stata la lettura di uno scritto di Éva Fahidi, donna ebrea testimone ad Auschwitz-Birkenau dell’annientamento del lager degli zingari: "Da quella notte mi tormenta il pensiero, com’è doloroso sapere che tra alcuni minuti moriamo. E una tortura ancor più grande sapere che tuo figlio viene ucciso davanti ai tuoi occhi. Il lager degli zingari era pieno di bambini”.
 
Péter Szőke, responsabile della comunità in Ungheria, nel saluto ai presenti ha sottolineato come, di fronte alla domanda „Dove era l’uomo a Auschwitz-Birkenau, a Kisléta e negli altri luoghi dei delitti?”, l’uomo di fede non e mai impotente, ha sempre nelle mani l’arma della preghiera, l’arma più potente di tutte le armi.

Il vescovo Székely ha parlato di tante storie vergognose quando nel 1944-45 furono uccisi gli zingari in modo disumano. Loro, nella loro sofferenza sono diventati simili a Cristo. "Preghiamo per loro che diventino simili a Cristo anche nella resurrezione" ha detto e ha chiesto perdono per i peccati commessi da cristiani contro ebrei e rom.
Durante le preghiere il pastore presbiteriano Stevens ha chiesto la pace per Siria, la Terra Santa, Iraq, Ucraina e per i cristiani perseguitati.

Dopo la lettura delle storie delle vittime degli assassini avvenuti nel 2008-2009, i numerosi fedeli presenti hanno acceso le candele in memoria delle vittime.
OGGETTI ASSOCIATI
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
24 Febbraio 2017
BUDAPEST, UNGHERIA

Appello di Sant'Egidio al Parlamento ungherese: si fermi l'iter di una legge lesiva dei diritti di migranti e minori

IT | ES | DE | FR
24 Gennaio 2017
TOMPA, UNGHERIA

'Mi sono svegliato e un filo di ghiaccio copriva il cappotto': rifugiati al confine tra Serbia e Ungheria

IT | EN | ES | DE | FR | PT | RU | HU
12 Dicembre 2016
TOMPA, UNGHERIA

I regali di Sant'Egidio ai bambini profughi che aspettano il Natale al confine tra la Serbia e l'Ungheria

IT | ES | DE | FR | PT | HU
3 Novembre 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Spirito di Assisi in Ungheria: cristiani, ebrei e musulmani si incontrano a tavola con i poveri di Budapest

IT | ES | DE | FR | RU
26 Ottobre 2016
NAPOLI, ITALIA

L'ambulatorio medico di Sant'Egidio per i rom e le persone senza dimora di Napoli compie 10 anni

IT | FR
5 Ottobre 2016

5 ottobre, World Teacher's day: Tutti a scuola... della pace!

IT | EN | ES | DE | PT | RU | ID | HU
tutte le news
• STAMPA
21 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana

Se sei disabile non puoi diventare italiana: la storia di Cristina

17 Febbraio 2017
Sette: Magazine del Corriere della Sera

L'Ungheria sta chiudendo dietro a un muro il proprio futuro

24 Gennaio 2017
Huffington Post

Dopo diciotto anni e nove tentativi Cristina è riuscita finalmente a diventare italiana

13 Luglio 2016
RomaSette.it

Il cardinale Vallini tra i rom di Castel Romano: «Basta pregiudizi»

29 Maggio 2016
Avvenire - Ed. Milano

Dal campo alla casa, la nuova vita della famiglia rom

11 Aprile 2016
La Provincia di Frosinone

Giornata dei rom: ce li racconta un sacerdote

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Appello al Parlamento ungherese sui profughi e i minori richiedenti asilo

Intervento di Branislav Savic durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

Lettera ai consiglieri comunali di Budapest in difesa dei senza fissa dimora

CAMPI ROM RISCATTO CERCASI , Avvenire 2 agosto 2013

Per un mondo senza razzismo – per un mondo senza violenza

Testimonianza di Suor Atanazia Holubova. Udienza con il Santo Padre, 11 giugno 2011

tutti i documenti
• LIBRI

Al filo de Holocausto





Ediciones Invisibles

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

106 visite

103 visite

98 visite

109 visite

113 visite
tutta i media correlati