Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
14 Agosto 2014

Ad Augusta integrazione fa rima con accoglienza: nuovi europei con i minori non accompagnati. E' #estatedisolidarietà

Sono migliaia i bambini e i ragazzi arrivati, sepsso soli, sulle nsotre coste fuggendo dai paesi in guerra. Genti di Pace li ha incontrati: un'amicizia "senza frontiere"

 
versione stampabile

La scorsa settimana un gruppo di Genti di Pace di Roma e di giovani per la pace di Catania hanno visitato i minori nel Centro di accoglienza di Augusta in Sicilia. I ripetuti sbarchi sull'isola, le storie di questi viaggi difficili e pericolosi e le notizie delle vittime dei viaggi della speranza hanno mosso i "nuovi europei" di  Genti di Pace, che da vari anni sono immigrati in Europa, a spendere le vacanze nel segno della solidarietà.

Nel 2014 in Italia sono arrivati via mare più di 9.000 minori. In parte sono bambini siriani in fuga con le loro famiglie, ma la maggioranza (circa 7000) sono arrivati soli, senza nessun familiare (sono i minori "non accompagnati") da Eritrea, Somalia, Mali, Nigeria, Egitto, Bangladesh, Ghana e Gambia.
I minori rappresentano oltre il 10% dei profughi che sbarcano in Italia. La gran parte ha tra i 14 e i 18 anni ma ce ne sono anche di 11-13 anni.

Augusta, vicino Siracusa, è uno dei porti dove le navi della marina militare italiana impegnate nell’operazione Mare Nostrum portano migliaia di migranti soccorsi nelle loro imbarcazioni di fortuna nel Mar Mediterraneo. Dalla zona di soccorso nel porto miliare i profughi vengono poi distribuiti nei vari centri di accoglienza diffusi in tutta Italia. Invece i
minori non accompagnati rimangono nel primo Comune di accoglienza. Per questo ad Augusta, in una scuola non più funzionante è stato realizzato un centro di “primissima accoglienza” per i minori non accompagnati. Attualmente ce ne sono un centinaio, dai 13 ai 18 anni.
Dovrebbero rimanere lì per alcuni giorni,  ma molti sono lì da 3/4 mesi, in attesa del riconoscimento della minor età e di altre pratiche burocratiche. Molti di loro, senza attendere la fine di questa trafila, si allontano dal centro per raggiungere i parenti in altre città italiane o europee e ottenere lì più rapidamente il tanto desiderato permesso di soggiorno. Ma nonsono pochi quelliche, senza punti di riferimento, restano per la strada, o vengonosfruttati da organizzazioni illegali. Per questo Sant'Egidio, insieme ad altre associazioni, ha chiesto al governo di curare l’accoglienza dei minori non accompagnati assicurando condizioni dignitose di ospitalità e facilitando le procedure relative ai documenti e favorendo il loro inserimento nella società italiana.

Nel centro di Augusta la vita di questi ragazzi è piuttosto vuota, a parte l'utilissima scuola di italiano organizzata dai giovani della parrocchia.
Tutti desiderano raggiugnere i familiari, in Italia o in Europa, ma non sanno come fare. L'incontro personale rende evidente la sofferenza provocata da una legislazione che non facilita i ricongiungimenti familiari.

C’era attesa per la “festa senza frontiere”, che ha fatto. tornare il sorriso anche sul volto dei ragazzi più tristi. C'erano i Giovani della Pace di Catania e Genti di Pace di Roma, a  testimoniare che è possibile ed è bello vivere in pace tra persone di culture e religioni diverse e che “tutti possiamo impegnarci per la pace”. Per tutti in regalo un borsone e il braccialetto di Genti di Pace.

"E’ stata una giornata veramente felice, come non ne avevo da mesi" – ha detto Mahmoud; e Felix "in questo luogo oggi c’è una luce speciale”. Hanno partecipato alla festa anche giovani e cittadini di Augusta che in tanti modi cercano di essere amici e vicini a questi ragazzi, la “festa senza frontiere” ha fatto vivere l’amicizia e la famiglia della Comunità che non ha limiti e non finisce.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
21 Ottobre 2016

Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza

9 Ottobre 2016
BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino

IT | ES | DE | FR
19 Settembre 2016
ASSISI, ITALIA

Non c’è futuro senza memoria: il Rabbino Lau, testimone della Shoah, incontra i giovani

IT | EN | ES | FR | NL
30 Agosto 2016

La lezione dei profughi mozambicani di Luwani ai Giovani per la Pace: la speranza è più forte del male

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | RU
25 Agosto 2016
VILLA LITERNO, ITALIA

Memoria di Jerry Masslo, nell'anniversario della sua uccisione, nel 1989

tutte le news
• STAMPA
22 Novembre 2016
Corriere della Sera

La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio

21 Ottobre 2016
L'huffington Post

Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza

18 Ottobre 2016
Avvenire

Nei «Games4Peace» vince l'integrazione

17 Ottobre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova

Studenti e migranti in campo per l'integrazione, In 160 alla sfida sportiva tra calcio e pallavolo

13 Ottobre 2016
Il Quotidiano del Sud

La Comunità di Sant'Egidio incontra gli studenti

10 Ottobre 2016
Il Quotidiano del Sud

Il sogno di aiutare il prossimo

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

Appello di Genti di Pace contro la pena di morte e la violenza

tutti i documenti
• LIBRI

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

1257 visite

1457 visite

1307 visite

1346 visite

1366 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri