Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
28 Agosto 2014 | VILLA LITERNO, ITALIA

Genti di Pace, amici di ieri e di oggi, nuovi europei, hanno ricordato Jerry Masslo a 25 anni dalla sua scomparsa

La memoria davanti alla tomba del giovane sudafricano ucciso 25 anni fa.

 
versione stampabile

In tanti hanno partecipato a Villa Literno al ricordo commosso di Jerry Masllo, giovane sudafricano ucciso 25 anni fa da alcuni giovani del luogo durante un tentativo di rapina. Una giornata di preghiera e di riflessione che è cominciata presso la sua tomba, dove si sono raccolti gli amici del movimento Genti di Pace venuti da Napoli e Roma, i Giovani per la Pace, molti nuovi europei, l’assessore del Comune di Villa Literno Nicola Griffo, esponenti di associazioni e del mondo sindacale. L’assessore Griffo ha ringraziato i promotori dell’iniziativa e in particolare la Comunità di Sant’Egidio che “si mette al servizio di tutti quelli che sono in difficoltà”.

I partecipanti hanno formato un corteo silenzioso che ha raggiuto la chiesa di Santa Maria Assunta in Cielo (dove fu celebrato il funerale di Jerry) per un momento di preghiera animato dalla Comunità. Qui è stato ricordato che San Tammaro, patrono della città, era originario dell’Africa, a sottolineare il legame tra la città casertana e la vicenda di Jerry. Un gruppo di ghanesi ha eseguito un canto che ha concluso la preghiera.

Nella Sala Splendore nei pressi del Municipio si è svolta poi una tavola rotonda, a cui hanno preso parte personalità e associazioni impegnate nell’ambito dell’integrazione. Daniela Pompei della Comunità di Sant'Egidio ha ricordato la storia di Jerry Masslo, un rifugiato, figlio di contadini e lavoratore, ospitato presso la Tenda di Abramo, la casa di accoglienza della Comunità, era gioviale e sorridente, amava suonare la chitarra e con questa sua passione  riusciva a tenere viva l’attenzione di tutti. La sua morte scosse le coscienze. Dopo pochi mesi fu emanata la “legge Martelli” con cui si eliminò la clausola geografica: da quel momento in Italia si poté chiedere asilo provenendo da qualsiasi Paese del mondo. Allo stesso tempo si regolarizzarono i lavoratori stranieri presenti. Nel settembre dello stesso anno a Napoli la Comunità di Sant'Egidio inaugurava la Scuola di lingua e cultura italiana.

Durante il dibattito è stato osservato un minuto di silenzio in memoria dei migranti che hanno perso la vita durante i viaggi della speranza. nella delegazione di Genti di Pace era presente anche Taddeus, un ragazzo etiope sopravvissuto a un naufragio lo scorso 3 ottobre, quando nel canale di Sicilia morirono 366 immigrati.
Molto toccante è stata anche la testimonianza di Nasser Hiddouri, imam di San Marcellino, un paese non molto distante da Villa Literno, che ha raccontato di essere stato accolto dal parroco del paese che gli ha messo a disposizione una sala per la preghiera: è l'esperienza di essere accolto “dal cuore grande di cristiani che ci hanno ospitato con il sorriso”.

“Oggi – ha concluso Daniela Pompei – Villa Literno è cambiata, è diventata meticcia, il 10% di cittadini sono non italiani, e da qui si intravede il percorso di integrazione che è nato a partire dalla morte di Jerry”.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
6 Dicembre 2016
GINEVRA, SVIZZERA

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni

IT | ES | DE | FR | PT
21 Ottobre 2016

Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza

25 Agosto 2016
VILLA LITERNO, ITALIA

Memoria di Jerry Masslo, nell'anniversario della sua uccisione, nel 1989

10 Agosto 2016
VENTIMIGLIA, ITALIA

Accoglienza è ... insegnare il francese ai migranti alla frontiera di Ventimiglia. Lo fanno i Giovani per la Pace di Genova

IT | FR | HU
9 Agosto 2016
NAPOLI, ITALIA

Estate in Campania fa rima con solidarietà: la proposta di Sant'Egidio che fa bene a chi aiuta e chi è aiutato

5 Agosto 2016
BUDAPEST, UNGHERIA

Il ricordo del Porrajimos, lo sterminio dei rom, a Budapest in Ungheria

IT | ES | DE | FR | PT | RU
tutte le news
• STAMPA
22 Novembre 2016
Corriere della Sera

La casa di pace che accoglie tutti: l'utopia (possibile) di Sant'Egidio

21 Ottobre 2016
L'huffington Post

Immigrazione: diminuiscono gli arrivi per lavoro (che non c'è), crescono integrazione e cittadinanza

12 Luglio 2016
Il Gazzettino - ed. Padova

'Vogliamo ricordare Emmanuel': la lettera dei Giovani per la Pace

8 Luglio 2016
Avvenire

Reazioni. Il cardinale Menichelli: «Un'offesa al genere umano»

7 Luglio 2016
L'huffington Post

Non si predichi più l'odio contro i migranti

15 Marzo 2016
Avvenire

L`enfasi dello schiaffo ad Angela Merkel e la realtà: fate bene i conti, i tedeschi sono accoglienti

tutta la rassegna stampa
• NO PENA DI MORTE
29 Settembre 2014
ANSA

Obama contro le discriminazioni razziali in America. Anche pena di morte applicata su base razziale

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla preghiera "Morire di Speranza". Lampedusa 3 ottobre 2014

Omelia di S.E. Card. Vegliò durante la preghiera "Morire di speranza"

Nomi e storie delle persone ricordate durante la preghiera "Morire di speranza". Roma 22 giugno 2014

Le vittime dei viaggi della speranza - grafici

Le vittime dei viaggi della speranza da gennaio 2013 a giugno 2014

Appello di Genti di Pace contro la pena di morte e la violenza

tutti i documenti
• LIBRI

Al filo de Holocausto





Ediciones Invisibles

Il grande viaggio





Leonardo International
tutti i libri

FOTO

1155 visite

1127 visite

1099 visite

1168 visite

1135 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri