Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
16 Settembre 2014 | OSWIECIM, POLONIA

IV Incontro Internazionale "Per un mondo senza violenza"

Giovani dall'Europa centro - orientale ad Auschwitz con Sant'Egidio per dire no a violenza e guerra

Dal 18 al 20 settembre, mobilitazione di pace di un migliaio di giovani nel luogo simbolo dell'orrore della guerra, dell'antisemitismo e del razzismo. Con loro testimoni della Shoah e del Porrajmos. Più di 300 provengono da Russia e Ucraina

 
versione stampabile

Dal 18 al 20 settembre 2014 si svolgerà ad Auschwitz-Cracovia la Quarta Edizione dell’Incontro Internazionale “Giovani europei per un mondo senza violenza”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio. All’incontro parteciperanno 1.000 giovani provenienti da Cechia, Georgia, Italia, Polonia, Romania, Russia, Slovacchia, Ucraina, Ungheria.

La Comunità di Sant’Egidio (www.santegidio.org ), associazione internazionale diffusa in settantacinque paesi del mondo con più di 60.000 aderenti, è radicata da più di venti anni nei paesi dell’Europa centro-orientale, in modo particolare nel mondo giovanile, con attività di solidarietà nei confronti della fasce più deboli della popolazione (senza dimora, anziani soli, bambini in istituto, Rom) e iniziative di carattere culturale e civile volte a favorire la formazione di una cultura della solidarietà, della convivenza e del dialogo.

Nel 2008, 2010 e 2012 si sono svolte le precedenti edizioni, cui hanno partecipato migliaia di giovani dell’Europa centro-orientale. La memoria dell’orrore della seconda guerra mondiale, dell’abisso della Shoà e del Porrajmos (lo sterminio di Rom e Sinti), è stata un riferimento decisivo per contrastare le manifestazioni di antisemitismo, antigitanismo, xenofobia e razzismo ancora diffuse nelle società europee. È  un’urgenza avvertita a livello non solo europeo, ma globale. Sant’Egidio conduce da un quindicennio un’attiva opera di sensibilizzazione e formazione di giovani dell’Europa centro-orientale con l’organizzazione di convegni, di cicli di seminari e lezioni nelle scuole e nelle università, manifestazioni pubbliche, sui temi dell’antisemitismo, dell’antigitanismo, della discriminazione razziale per promuovere una cultura del convivere tra diversi, sfida decisiva per il futuro delle società a livello europeo e globale.

L’incontro di quest’anno è segnato dall’urgenza della pace in un mondo che è costellato da fuochi di guerra, anche in Europa con il conflitto nelle regioni orientali dell’Ucraina. Esso si svolge a cento anni dall’inizio della prima guerra mondiale, quando milioni di giovani europei si mobilitarono per andare a combattere. Il convenire dei giovani europei ad Auschwitz è una mobilitazione per la pace. L’evento è in continuità con l’Incontro Internazionale di Preghiera per la Pace promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, che si è appena concluso ad Antwerpen con la partecipazione di più di 300 leader religiosi, rappresentanti politici, uomini di cultura e umanisti e di migliaia di giovani da tutto il mondo. I giovani convocati da Sant’Egidio cercheranno nella memoria della seconda guerra mondiale, della Shoà e del Porrajmos, le ragioni per un futuro di pace in un’Europa ferita dalla guerra. Tra loro anche giovani provenienti dall’Ucraina e dalla Russia uniti dal comune desiderio e dalla comune ricerca della pace.

 L’incontro di Auschwitz-Cracovia è il risultato di un ampio lavoro di preparazione nelle scuole e nelle Università dei paesi coinvolti nel corso dell’anno scolastico/accademico 2013/2014. Attraverso cicli di lezioni, seminari di approfondimento, incontri con testimoni, proiezioni di filmati sono stati raggiunti circa 30.000 giovani (dei quali 6.000 in Ucraina), nelle scuole superiori e nelle principali Università di numerose città, tra le quali Bratislava, Brno, Bucarest, Budapest, Chmelnickij, Gyor, Ivanofrankivsk, Krasnojarsk, Lviv, Kiev, Mosca, Pecs, Praga, Roma, San Pietroburgo, Satu Mare, Stettino, Varsavia.

 Il programma del IV Incontro Internazionale prevede l’intervento di alcuni testimoni dei genocidi perpetrati dai nazisti contro la popolazione ebraica e contro Rom e Sinti durante la Seconda guerra mondiale, i quali parleranno ai giovani in due assemblee a Cracovia giovedì 18 settembre:

- Rita Prigmore, donna sinti di Würzburg (Germania), vittima degli esperimenti medici nazisti;

- Mordechai Peled, ebreo di origine romena, sopravvissuto al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau.

 Venerdì 19 settembre, dopo avere visitato il museo del campo di Auschwitz, i giovani compiranno una cerimonia nel campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau, dove dopo una marcia silenziosa deporranno ghirlande di fiori al monumento memoriale delle vittime del campo e proclameranno nelle varie lingue l’appello per un mondo senza violenza.

______________

Nel corso dell’Incontro Internazionale saranno inviati comunicati stampa.

Una troupe televisiva preparerà reportage (solo immagini) per notiziari televisivi che potranno essere inviati alle emittenti interessate via Internet, accompagnati da comunicati esplicativi. I canali televisivi interessati a ricevere le clips devono comunicare:

a)      il formato e la compressione preferiti - la troupe userà “Full HD”;

b)     l’indirizzo del server a cui mandare il video;

c)      un indirizzo e-mail e/o un telefono a cui notificare l’invio del materiale.

OGGETTI ASSOCIATI
 

 LEGGI ANCHE
• NEWS
30 Novembre 2016
KOSTELEC, REPUBBLICA CECA

Ecco i giovani di Praga che rifiutano la propaganda xenofoba: ''vogliamo essere amici dei rifugiati''

IT | DE | FR | RU
15 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona Sant'Egidio e la Comunità Ebraica fanno memoria della ''Notte dei Cristalli''

IT | ES | CA
8 Novembre 2016
FIRENZE, ITALIA

La memoria dissipa il maltempo. Marcia silenziosa a Firenze per ricordare la deportazione degli Ebrei

IT | HU
15 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

Memoria della deportazione degli ebrei romani del 16 ottobre 1943: una radice di umanità contro l'indifferenza

IT | ES | DE | FR | PT | RU
14 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

Marcia in memoria della deportazione degli ebrei romani

IT | PT
8 Ottobre 2016
NAPOLI, ITALIA

Spaccanapoli: dopo l'aggressione a un ragazzo, i giovani invitano il quartiere a pregare per la fine della violenza

tutte le news
• STAMPA
24 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Servizio civile. Scuola di cittadini

17 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Trump presidente, ma papa Francesco....

10 Novembre 2016
Famiglia Cristiana

Andrea Riccardi: Integrare è un dovere, la prudenza è una virtù

9 Novembre 2016
Corriere della Sera

Andrea Riccardi: Il Papa e l’accoglienza, prudenza, non paura

26 Ottobre 2016
L'Eco di Bergamo

Se la politica ha perso il senso del tragico

24 Ottobre 2016
FarodiRoma

Corridoi umanitari: monito all’Europa. Gentiloni accoglie i profughi siriani a Fiumicino

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
12 Novembre 2016 | BARCELLONA, SPAGNA

Marcia in memoria della deportazione degli ebrei

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• NO PENA DI MORTE
2 Luglio 2014

Sant'Egidio nella "task force" per la lotta alla pena di morte istituita dal governo italiano per il semestre europeo

vai a no pena di morte
• DOCUMENTI

Non muri ma ponti: il messaggio di Andrea Riccardi al 4° congresso di 'Insieme per l'Europa'

Marco Impagliazzo: Il sogno di un'Europa che promuova la società del vivere insieme e la pace

Walter Kasper

Laudatio per il prof. Andrea Riccardi in occasione del conferimento del Premio Umanesimo 2016 a Berlino

Saluto del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie, Kirill, al prof. Andrea Riccardi in occasione dell’udienza del 31 ottobre 2014

Intervento di Francesca, adolescente romana, durante la visita di Papa Francesco alla Comunità di Sant'Egidio

tutti i documenti
• LIBRI

Milano, 30 gennaio 1944





Guerini e Associati

Trialoog





Lannoo Uitgeverij N.V
tutti i libri

FOTO

1026 visite

931 visite

1034 visite

901 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri