Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Ottobre 2014 | KIEV, UCRAINA

Kiev: dalla marcia in memoria delle vittime dell'eccidio nazista di Babij Jar un messaggio di pace per l'Ucraina

Il ricordo di migliaia di cittadini ebrei e rom uccisi nei pressi della capitale ucraina.

 
versione stampabile

Domenica 28 settembre la Comunità di Sant’Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace hanno organizzato una marcia in memoria delle vittime di Babij Jar, il luogo dove i nazisti fucilarono decine di migliaia di ebrei insieme agli abitanti di alcuni campi Rom. Già da tempo la marcia si svolge nel centro cittadino, nel quartiere dove prima vivevano gli ebrei e da dove andarono alla morte. Circa 250 persone da Kiev hanno partecipato alla marcia in occasione dell’anniversario dell’eccidio: studenti delle scuole superiori e universitari, famiglie con bambini e persone anziane. Per molti giovani la partecipazione alla marcia è stata la prima manifestazione dell’impegno a costruire un mondo di pace, dopo essere ritornati dal IV Congresso Internazionale “Giovani d’Europa per un mondo senza violenza”, che ha avuto luogo a settembre a Cracovia-Auschwitz.

All'incontro che ha concluso la marcia della memoria sono intervenuti rappresentanti dell’amministrazione cittadina, delle comunità ebraica e di quella Rom, una “Giusta di Babij Jar” e rappresentanti della Comunità di Sant’Egidio. Tutti hanno affermato che la memoria di Babij Jar deve aiutare l’Ucraina a lavorare oggi per la pace e la fine della guerra. Questa memoria fa ricordare a quale male può condurre la guerra e aiuta ad essere vigilanti contro l’odio e la violenza. La memoria delle tragedie del passato permette di non ripeterle nel futuro, e aiuta a costruire una società pacifica, umana e solidale.

“La guerra è lì dove c’è odio. La guerra è lì dove c’è indifferenza. La guerra è lì dove si giustifica la violenza. In ciascuno di noi c’è un piccolissimo seme della guerra. Ognuno di noi può diventare vittima della propaganda, cioè odiare. La memoria è ciò che ci può salvare. Ricordare le tragedie del passato è necessario. Ricordarle è compito di ciascuno, perché esse avvennero grazie alla debolezza e all’indifferenza di gente comune, come noi”, ha scritto Maria, studentessa universitaria, nei suoi pensieri sulla memoria della Shoah.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
19 Ottobre 2015
ROMA, ITALIA

Memoria della deportazione degli ebrei del 16 ottobre 1943: a Roma la marcia di un popolo che non dimentica

IT | RU
25 Gennaio 2017

Verso la Giornata della Memoria della Shoah #pernondimenticare

IT | PT
15 Maggio 2017
PÉCS, UNGHERIA

In Ungheria una marcia per non dimenticare la deportazione degli ebrei di Pécs

IT | ES | DE | HU
25 Gennaio 2017
MILANO, ITALIA

Binario 21 della Stazione di Milano: il 29 gennaio Sant'Egidio e Comunità Ebraica celebrano la #Giornatadellamemoria

25 Gennaio 2017
LIVORNO, ITALIA

Marcia della memoria della deportazione degli ebrei di Livorno

14 Ottobre 2015

Roma ricorda la deportazione degli ebrei: guarda il video!

tutte le news
• STAMPA
11 Novembre 2015
El digital D Barcelona

Unes dues-centes persones recorden la Nit dels vidres trencats

31 Gennaio 2014
Corriere della Sera - Ed. Milano

«Ho visto il Male e vi dico di credere nella speranza»

12 Settembre 2017
Corriere della Sera

L’appello della reduce nella clinica dell’orrore nazista: «Il razzismo non è finito, è nelle case»

29 Agosto 2017
Periodista Digital

"Soñar es legítimo, ejerzamos este derecho: ¡luchemos contra el miedo!"

2 Febbraio 2017
Famiglia Cristiana

Andrea Ricardi: La memoria di Auschwitz. Un monito per l'Europa

30 Gennaio 2017
Corriere della Sera - Ed. Milano

In 5 mila al Memoriale della Shoah «Qui l’abisso della Storia»

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
21 Settembre 2017 | OSWIECIM, POLONIA

Quinta edizione del convegno internazionale 'Giovani Europei per un mondo senza violenza'

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla veglia di preghiera "Morire di Speranza"

Per un mondo senza razzismo – per un mondo senza violenza

Lettera Giovani Per La Pace di Catania all’Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina

tutti i documenti
• LIBRI

Milano, 30 gennaio 1944





Guerini e Associati
tutti i libri

FOTO

1630 visite

1458 visite

1467 visite

1485 visite

1432 visite
tutta i media correlati