Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

Riccardi Andrea: la rassegna stampa

change language
sei in: home - news contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  
10 Ottobre 2014 | KIEV, UCRAINA

Kiev: dalla marcia in memoria delle vittime dell'eccidio nazista di Babij Jar un messaggio di pace per l'Ucraina

Il ricordo di migliaia di cittadini ebrei e rom uccisi nei pressi della capitale ucraina.

 
versione stampabile

Domenica 28 settembre la Comunità di Sant’Egidio e il movimento dei Giovani per la Pace hanno organizzato una marcia in memoria delle vittime di Babij Jar, il luogo dove i nazisti fucilarono decine di migliaia di ebrei insieme agli abitanti di alcuni campi Rom. Già da tempo la marcia si svolge nel centro cittadino, nel quartiere dove prima vivevano gli ebrei e da dove andarono alla morte. Circa 250 persone da Kiev hanno partecipato alla marcia in occasione dell’anniversario dell’eccidio: studenti delle scuole superiori e universitari, famiglie con bambini e persone anziane. Per molti giovani la partecipazione alla marcia è stata la prima manifestazione dell’impegno a costruire un mondo di pace, dopo essere ritornati dal IV Congresso Internazionale “Giovani d’Europa per un mondo senza violenza”, che ha avuto luogo a settembre a Cracovia-Auschwitz.

All'incontro che ha concluso la marcia della memoria sono intervenuti rappresentanti dell’amministrazione cittadina, delle comunità ebraica e di quella Rom, una “Giusta di Babij Jar” e rappresentanti della Comunità di Sant’Egidio. Tutti hanno affermato che la memoria di Babij Jar deve aiutare l’Ucraina a lavorare oggi per la pace e la fine della guerra. Questa memoria fa ricordare a quale male può condurre la guerra e aiuta ad essere vigilanti contro l’odio e la violenza. La memoria delle tragedie del passato permette di non ripeterle nel futuro, e aiuta a costruire una società pacifica, umana e solidale.

“La guerra è lì dove c’è odio. La guerra è lì dove c’è indifferenza. La guerra è lì dove si giustifica la violenza. In ciascuno di noi c’è un piccolissimo seme della guerra. Ognuno di noi può diventare vittima della propaganda, cioè odiare. La memoria è ciò che ci può salvare. Ricordare le tragedie del passato è necessario. Ricordarle è compito di ciascuno, perché esse avvennero grazie alla debolezza e all’indifferenza di gente comune, come noi”, ha scritto Maria, studentessa universitaria, nei suoi pensieri sulla memoria della Shoah.


 LEGGI ANCHE
• NEWS
15 Novembre 2016
BARCELLONA, SPAGNA

A Barcellona Sant'Egidio e la Comunità Ebraica fanno memoria della ''Notte dei Cristalli''

IT | ES | CA
8 Novembre 2016
FIRENZE, ITALIA

La memoria dissipa il maltempo. Marcia silenziosa a Firenze per ricordare la deportazione degli Ebrei

IT | HU
15 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

Memoria della deportazione degli ebrei romani del 16 ottobre 1943: una radice di umanità contro l'indifferenza

IT | ES | DE | FR | PT | RU
14 Ottobre 2016
ROMA, ITALIA

Marcia in memoria della deportazione degli ebrei romani

IT | PT
9 Ottobre 2016
BERLINO, GERMANIA

No More Walls - 10 anni di Scuola della Pace a Berlino

IT | ES | DE | FR
19 Settembre 2016
ASSISI, ITALIA

Non c’è futuro senza memoria: il Rabbino Lau, testimone della Shoah, incontra i giovani

IT | EN | ES | FR | NL
tutte le news
• STAMPA
18 Ottobre 2016
Avvenire

Nei «Games4Peace» vince l'integrazione

17 Ottobre 2016
Il Gazzettino - ed. Padova

Studenti e migranti in campo per l'integrazione, In 160 alla sfida sportiva tra calcio e pallavolo

17 Ottobre 2016
Roma sette

La deportazione degli ebrei: il pellegrinaggio della memoria

15 Ottobre 2016
Il Messaggero

Roma, marcia silenziosa in memoria della deportazione degli ebrei, al corteo anche Raggi e Zingaretti

14 Ottobre 2016
Vatican Insider

Deportazione degli ebrei di Roma, una marcia per ricordare perchè “Non c’è futuro senza memoria”

13 Ottobre 2016
Il Quotidiano del Sud

La Comunità di Sant'Egidio incontra gli studenti

tutta la rassegna stampa
• DOCUMENTI

Omelia di S.E. Card. Antonio Maria Vegliò alla veglia di preghiera "Morire di Speranza"

Per un mondo senza razzismo – per un mondo senza violenza

Lettera Giovani Per La Pace di Catania all’Arcivescovo di Catania, Mons. Salvatore Gristina

tutti i documenti
• LIBRI

Milano, 30 gennaio 1944





Guerini e Associati

Al filo de Holocausto





Ediciones Invisibles
tutti i libri

FOTO

1366 visite

1322 visite

1333 visite

1257 visite

1175 visite
tutta i media correlati