change language
usted está en: home - ecumenis...diálogo - encuentr...r la paz - roma 201...go y paz cómo contactarnosnewsletterlink

Ayuda a la Comunidad

  

Ayudemos a los refugiados rohinyás que han huido a Bangladés

La Comunidad de Sant'Egidio pone en marcha una campaña de recogida de fondos para enviar ayuda a los campos de refugiados de Bangladés en colaboración con la Iglesia local

Caminos de Paz: textos. vídeos y noticias del encuentro internacional de oración por la paz de Münster


 
versión para imprimir
1 Octubre 2013 19:00 | Plaza del Campidoglio

Discorso di Andrea Riccardi alla cerimonia conclusiva in Piazza del Campidoglio



Andrea Riccardi


Historiador, Fundador de la Comunidad de Sant'Egidio

Illustri Rappresentanti delle Chiese cristiane e delle Religioni mondiali,
Signor Sindaco,
Cari amici,

Domenico Quirico ha testimoniato l'orrore del terrorismo religioso: si tortura l'uomo a immagine di Dio e poi si va a pregare Dio. Il terrorismo religioso rappresenta un dramma del nostro tempo: è la perversione di quello che è più prezioso: il nome di Dio. Perché avviene questa perversione?
Forse l'autoreferenzialità di mondi, a contatto con la globalizzazione, è impazzita. E' divenuta prima disprezzo per l'altro, poi odio, infine terrore e guerra all'uomo. Questo impone una nuova responsabilità delle religioni - tutte! - di liberarsi dalle chiusure autoreferenziali e di educare alla vita con l'altro con amore in pace. Mai senza l'altro! Lo ha detto ieri ai leader religiosi papa Francesco con molta forza: "Ciascuno di noi è chiamato ad essere un artigiano di pace, unendo e non dividendo, estinguendo l'odio e non conservandolo, aprendo le vie del dialogo e non innalzando nuovi muri".
La situazione attuale del mondo globalizzato impone una nuova responsabilità. Quella di opporre dolcemente e fermamente al terrorismo religioso e alle seduzioni della violenza la pace delle religioni. La nostra immagine insieme questa sera dal Campidoglio è un messaggio di pace che va lontano più di quanto possiamo credere. Non un accostamento superficiale, perché ci uniscono la preghiera e il dialogo dei giorni trascorsi a Roma. Veniamo dalla preghiera in luoghi diversi, ma vicino, accanto all'altro.
C'è necessità - come sognava Giovanni Paolo II - di un più grande movimento di pace, in un tempo in cui tanti, troppi disertano le frontiere della pace, ripiegati sulla cronaca, lontani e impassibili, perché chiusi nel proprio particolare. Non è un compito delle religioni, che portano nel loro cuore il messaggio della pace? Un grande movimento di pace...
La pace non è una ricetta predicata, ma una dimensione che parte da sé. Lo insegnano le religioni. Un grande spirituale russo, Serafino di Sarov, insegnava: "Acquista lo spirito di pace in te e migliaia attorno a te troveranno la salvezza". Forse, proprio per la carenza di uno spirito di pace in noi stessi, è cresciuto un mondo di indifferenza. Non si cambia il mondo, se non si cambia se stessi. E' la via delle religioni! 
Cari amici,
queste non sono parole al vento. Vengono così considerate in una società dove - come ha detto papa Francesco - "l'egoismo è aumentato e l'amore per gli altri è diminuito". Lo vediamo nel teatro triste della politica, che ha perso troppo un rapporto verace con le fonti dell'umanesimo spirituale e laico. Lo vediamo nell'incapacità di far fronte alle sfide della vita quotidiana, perdendosi nel teatro, mentre quelle terribili del mondo vengono trascurate, perché non c'è spazio per loro. Siamo miserevolmente abbarbicati alla cronaca, alle sue sorprese che non sorprendono. Non lo dico con disprezzo, ma con dolore. Nessuno è superiore alla miseria della vita quotidiana, ma non possiamo restarne prigionieri. Ma non siamo pessimisti. Tutt'altro. Il pessimismo e la rassegnazione sono spesso cedimento alla miseria o al male. Ci vuole una rivolta dello spirito!
Nella rapidità delle comunicazioni o nei contatti sfuggevoli, abbiamo perso la grande dimensione dell'ascolto e dell'incontro: quella a cui le religioni richiamano con il valore del silenzio. L'ascolto genera quella partecipazione alla realtà dell'altro che è la compassione. L'ascolto lega all'altro e alle sue ragioni profonde. La compassione riconnette il tessuto umano lacerato. L'ascolto non è passività. Dal dialogo e dall'ascolto di questi giorni, emerge forte la volontà di una rivolta della speranza.
Una rivolta che non accusa nessuno, ma non è sottomissione a uno spirito pubblico impoverito, come emerge in tanti paesi del mondo, che stanno perdendo la speranza. Ma la speranza non è perduta: la si ritrova nel fondo del pozzo dello spirito, di una vita vissuta con la pace nel cuore.
Il dolore per gli altri, per il proprio paese, per le sofferenze del mondo, è fecondo: ne nasce una domanda, una preghiera, l'esigenza di agire, la speranza. Soffrire con gli altri è generatore di speranza e di voglia di futuro. Abbiamo ascoltato Alganesh Fessaha, che ci parlava del dramma dei rifugiati eritrei: un mondo deserto di umanità nel Sinai si può popolare di solidarietà. Sull'albero della compassione nasce la speranza e la voglia di cambiare.
Una rivolta dello spirito è un lavoro paziente che i credenti possono compiere ogni giorno, perché rinasca la speranza.


EVENTOS CONECTADOS
en el mundo

PROGRAMMA
PDF

RETRANSMISIONES VÍDEO
Programa

NOTICIAS RELACIONADAS
23 Octubre 2013

La valentía de la esperanza: tres vídeos


Desde Costa de Marfil hasta Roma, las imágenes de los encuentros de este año entre hombres y religiones se han transmitido por televisión
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Octubre 2013
SAN ANTONIO, ESTADOS UNIDOS

The Courage to Hope. El espíritu de Asís en Texas


Líderes religiosos y estudiantes han participado en el encuentro de San Antonio que ha seguido el encuentro de Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Octubre 2013
ABIDJAN, COSTA DE MARFIL

También en África, "La valentía de la esperanza"


Encuentro con las religiones en Abiyán en conexión con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
1 Octubre 2013

Mensaje del Papa Francisco a los participantes del Encuentro Internacional por la Paz "La valentía de la esperanza"

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
1 Octubre 2013
Deslegitimar el terrorismo religioso

El intelectual indio Kulkarni: El terrorismo religioso divide in primis las religiones de las que nace.

IT | EN | ES | DE | PT | CA | ID
1 Octubre 2013
Deslegitimar el terrorismo religioso

El teólogo católico Armand Puig: "El terrorismo en nombre de Dios es un ataque a cada creyente"

IT | EN | ES | PT | CA | ID
todas las noticias relacionadas

NOTICIAS DESTACADAS
18 Octubre 2017

Un mes después del Encuentro de las religiones en Münster, los Caminos de Paz han pasado por 4 continentes


En la foto, acto realizado en Blantyre (Malawi). Mira las fotos y los vídeos de los otros actos
IT | ES | DE | FR
17 Octubre 2017 | LOME, TOGO

Telemedicina para los niños de la calle y los ancianos en Togo: ciencia y solidaridad se alían

IT | ES | FR
17 Octubre 2017 | LÍBANO

Encuentro entre Marco Impagliazzo y el primer ministro del Líbano, Saad Hariri

IT | ES | DE | FR

PRENSA RELACIONADA
6 Septiembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Noviembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Octubre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Octubre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Octubre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
todo relacionado con la prensa