change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
30 Settembre 2013 09:00 | Teatro del Collegio Urbano

Cinquant’anni dalla Pacem in Terris



Jean-Arnold de Clermont


Pastore della Chiesa protestante unita di Francia
Mentre scrivevo queste righe di introduzione al dibattito che avremo tra poco, in pieno mese d’agosto, le centinaia di migliaia di morti e le decine di Chiese bruciate in Egitto erano in prima pagina nei giornali ; avevano cacciato dalle priorità dell’informazione la guerra civile in Siria, e molti altri conflitti non meno inquietanti. Rileggevo l’enciclica Pacem in terrise la mia prima sorpresa fu di constatare che essa non contiene una sola parola sulla guerra. E’ strutturata in cinque grandi parti, oltre a una breve introduzione ; l’ordine tra gli esseri umani, i rapporti tra gli uomini e i poteri pubblici in seno ad ogni comunità politica ; i rapporti tra le comunità politiche ; i rapporti degli individui e delle comunità politiche con la comunità mondiale, e, per finire, direttive pastorali. Dunque non una parola sulla guerra!
Seconda osservazione ; avevo appena ascoltato il Vangelo della domenica 18 agosto, nel Vangelo di Luca al capitolo 12, v. 51 : ‘Pensate che io sia venuto a portare pace sulla terra? No, io vi dico, ma divisione!’ E mi aspettavo una meditazione biblica che incrociasse questo testo con molti altri, come quello del Vangelo di Giovanni 14,27 : ‘Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi…’. Allora, sul piano biblico, se le direttive pastorali citano effettivamente la lettera agli Efesini 2, v. 17 (‘Egli è venuto ad annunciare pace a voi che eravate lontani, e pace a coloro che erano vicini) e il Vangelo di Giovanni (il testo che ho citato sopra), se l’introduzione cita Salmi e la Genesi per evocare l’ordine dell’universo stabilito da Dio, la Bibbia resta assente dalla maggior parte del testo.
 
E tuttavia, malgrado queste due osservazioni – assenza di riflessione biblica che, per me che sono protestante, è abbastanza negativa ; e titolo apparentemente ingannatore perché si tratta di pace senza rapporto con le guerre che, oggi come ieri, ci impediscono di dormire – vorrei dire perché questo testo oggi come cinquant’anni fa è un testo essenziale, su cui si fonda una riflessione in profondità sulla pace per tutti.
Per contenermi nei dieci minuti che ci sono offerti, farò solo due osservazioni:
 
La prima per sottolineare che per l’enciclicaPacem in terris sono i rapporti tra gli individui, tra gli individui e la comunità politica nazionale, tra comunità politiche stesse… che, non solo sono analizzati e valutati, specialmente nei progressi effettuati da alcuni anni, ma che sono affermati come i fondamenti della costruzione della pace. Vado all’essenziale : la pace dipende da voi e da me nei nostri rapporti gli uni con gli altri, e con le comunità politiche alle quali apparteniamo ! La pace non è affare degli altri ; è affar mio…
 
E su cosa è fondata? E’ la mia seconda osservazione per sottolineare il carattere di fondamento dell’enciclica Pacem in terris.
I nostri rapporti gli uni con gli altri e tra comunità, per essere iniziatori di pace, devono essere fondati nella verità, nella giustizia, nella libertà. Bla…bla…bla…penserete ! Ebbene no: in maniera molto concreta, l’enciclica affronta le questioni del razzismo, di dominazioni ingiuste, di informazioni non fondate; essa tiene conto della situazione delle minoranze, dei rifugiati politici, del disarmo (i soli paragrafi che fanno allusione alla guerra !) ; tratta della solidarietà e degli scambi tra comunità politiche; affronta la questione della promozione dei paesi in via di sviluppo nella prospettiva della difesa della libertà. Anche lì andiamo all’essenziale: è nel quotidiano e nella molteplicità dei rapporti tra individui e comunità politiche che si costruisce la pace, più ancora che in ogni luogo tardivo di negoziato quando la guerra è scoppiata o nell’equilibrio del terrore.
 
E se applicassimo questo? Accetteremmo il trattamento disumanizzante del dossier sulle migrazioni da parte dell’Europa? Accetteremmo che col pretesto della sua disorganizzazione politica drammatica la Grande Isola del Madagascar sia costretta a versare periodicamente tributi ai paesi che la spogliano delle sue terre e delle sue ricchezze? Accetteremmo il mancato rispetto delle decisioni internazionali in Israele/Palestina e la colonizzazione crescente delle terre palestinesi? Accetteremmo di restare insensibili davanti all’escalation degli estremismi e dei nazionalismi che c’è da noi ?
 
L’enciclica diceva sia agli individui che ai poteri politici, la vostra ragion d’essere è partecipare alla realizzazione del bene comune di cui la pace è una dimensione preziosa… In una parola, oggi, voi che ci ascoltate : siete pronti per questo ?
 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
8 Dicembre 2016

Libia, Sant’Egidio: prima riconciliazione tra Misurata e Zintan


Dopo una lunga crisi, firmata a Roma con la mediazione della Comunità di Sant'Egidio una dichiarazione congiunta tra i rappresentanti delle due città libiche
IT | DE | FR
7 Dicembre 2016 | LONDRA, REGNO UNITO

A Londra c'è una tavola apparecchiata per i poveri, si chiama ''Our Cup of Tea''. Il video della BBC


Il documentario della TV britannica sull'appuntamento fisso di anziani e persone senza dimora a Londra con la Comunità di Sant'Egidio.
IT | EN | DE | FR
6 Dicembre 2016 | GINEVRA, SVIZZERA
Comunicato Stampa

Sant’Egidio diventa Osservatore permanente al Consiglio dell'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni


Firmato un Memorandum di intesa per promuovere e realizzare nuove attività di assistenza rivolte ai migranti in difficoltà
IT | ES | DE | FR | PT

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri