change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
30 Settembre 2013 16:30 | Casa di Dante

Dio ama i poveri


Mohammed Achaibi


Vice-presidente dell’Esecutivo dei Musulmani del Belgio
Cari membri di questo panel,
signore e signori,
la pace sia con tutti voi!
 
Prima di tutto vorrei esprimere la mia gratitudine agli organizzatori di questa bella iniziativa, la mia gratitudine anche per avermi invitato ad essere qui con voi. Come musulmano con la mia presenza compio un dovere divino, quello di incontrare altre comunità.
Nell’incontro si sciolgono i pregiudizi e cresce il rispetto reciproco. Rispetto che ogni essere umano merita. Oggi, molto più che in altri periodi, abbiamo il dovere di costruire ponti per diffondere la pace tra tutte le persone.
A questo proposito vorrei riferirmi ad un verso del sacro Corano che esprime esattamente ciò in modo intenso: “ O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato (49,13).
Con il nostro essere qui insieme noi diamo una forte testimonianza che la coesistenza pacifica è un’azione. Andare alla ricerca dell’altro attivamente al fine di lavorare insieme per un mondo migliore. Un mondo nel cui centro ci sia la pace.
Il tema di questo panel è “Dio ama i poveri” e mi è stato chiesto di offrire una breve riflessione dal punto di vista della fede musulmana.
Come voi tutti sapete l’Islam riconosce 5 Pilastri che devono essere messi in pratica da tutti i credenti musulmani. Vi elenco in breve questi pilastri(Arkaan) per informarvi:
•  il credo  (Schahada),
•  la preghiera (salaat),
•  l’elemosina  (zakat)
•  il digiuno nel mese di Ramadan (sawn), 
•  e il pellegrinaggio alla  Mecca (Hadj)
 
oggi ovviamente voglio limitarmi al terzo pilastro, lo “Zakaat” o elemosina. Con questo pilastro obbligatorio Dio ha prescritto al benestante di dare parte della sua ricchezza a coloro che sono nel bisogno.
Nel Sacro Corano leggiamo le seguenti affermazioni riguardo a chi ha diritto allo Zakah:
l’elargizione dell’elemosina (Zakah) è solo per i poveri e i bisognosi, per quelli incaricati di raccoglierla (zakah), per riunire i cuori (per l’Islam) e per la liberazione dei prigionieri (o degli schiavi) e per quelli che hanno debiti e per la causa di Allah e per il viandante che si trova in difficoltà, decreto di Allah: Allah è saggio e sapiente (Corano 9,60)
L’elemosina (Zakah) è uno strumento che attesta l’onestà della fede di colui che la elargisce. Ciò perché i nostri beni, il loro possesso è qualcosa che ci è molto caro. Li diamo via solo per qualcosa che ci è ugualmente caro o che per noi ha un valore ancora maggiore. Per questo la zakaat è anche detta sadakah perché mostra la rettitudine di colui che dona per far piacere a Dio, l’Onnipotente.
Fare l’elemosina è motivo per entrare in Paradiso. Così leggiamo nella tradizione del profeta Maometto: 
il Paradiso è per coloro che proferiscono parole buone, che diffondono il saluto di pace, che danno cibo e che rispettano l’obbligo della preghiera della notte mentre le persone dormono” Ahmed At-Tirmidi 
 
Fare l’elemosina significa aiutare il povero a non incamminarsi sul sentiero della rabbia e del malcontento. Egli vede che il benestante può permettersi di usare qualsiasi mezzo di trasporto, di vivere in case raffinate e di avere tutto ciò che desidera.
Mentre il povero ha solo le sue gambe per muoversi e dorme all’aperto sulla nuda terra. Indubbiamente ciò gli crea preoccupazione. Dunque, quando un ricco offre un aiuto finanziario ciò spegne la rabbia e allontana la scontentezza.
Tutti i tipi di indagine mostrano che la povertà è in crescita e che dobbiamo fare ogni sforzo possibile per coloro che sono i più deboli nella nostra società.
Abbiamo una responsabilità sociale verso i più deboli e dobbiamo sostenerla insieme. La povertà potrà essere sconfitta solo se lavoriamo insieme. Come dice un proverbio arabo: “non si può applaudire con una sola mano”
Infine, voglio ringraziarvi per la vostra attenzione e vi auguro un dibattito costruttivo.
La pace sia con tutti voi.
 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
5 Dicembre 2016

Salvare vite umane dalla guerra in Siria si può: con i #corridoiumanitari


già 500 persone in salvo dalla guerra. E si continua.... Guarda il video
IT | ES | PT | CA
5 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.


Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.
3 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''


Le opere realizzate dagli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte della Comunità in mostra all'EX[de]PO' di Ostia. Tema di quest'anno la condizione di vita degli anziani.
IT | DE

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri