change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
1 Ottobre 2013 09:30 | A.B.I. Palazzo Altieri Sala della Clemenza

Lasciarsi interpellare dalla Sofferenza



U Uttara


Monaco buddista, Myanmar - Birmania
Il mio più caloroso saluto a voi: Eccellenze, Signore e Signori.
 
Prima di iniziare il mio intervento, desidero innanzitutto ringraziare la Comunità di Sant'Egidio per avermi invitato a parlare a questo 'Incontro Internazionale per la Pace'.
 
Il mio argomento per questo incontro è "Lasciamoci interpellare dalla sofferenza".
 
Permettetemi di iniziare con la definizione di 'sofferenza'. In senso comune, la sofferenza può essere definita come 'la sopportazione di qualcosa o un disagio'; nel Buddismo, la 'sofferenza' può essere definita come 'dukkha'; il buddista crede che tutte le cose siano sofferenza. Dukkha è una delle tre caratteristiche fondamentali dell’esistenza; le altre due sono 'Anicca' e 'Anatta'. Tutte le nostre vite sono regolate da queste tre caratteristiche, 'Anicca', 'Dukkha', 'Anatta'.
 
Il mondo moderno in cui viviamo oggi, è diventato molto avanzato nel settore della Tecnologia Informatica (TI), rispetto al mondo di 50 anni fa; la TI ha permesso di compiere grandi progressi nelle comunicazioni, nella medicina, nella scienza, nell'educazione, nell'economia e in tante altre aree che ci possono venire in mente. Oggi, la TI e il nostro personal computer ci rendono davvero facile trovare immediatamente le informazioni che desideriamo. Non dobbiamo più scrivere pagine su pagine e memorizzarle in file ingombranti. Ciò che la TI ha fatto è di rendere più facile la nostra vita e di ridurre le nostre preoccupazioni. Questa è una buona cosa.
 
Tuttavia, sappiamo tutti che se vi è una 'cosa buona', ci sarà anche il suo contrario, una 'cosa brutta', così come la felicità è il contrario della sofferenza.
 
Conosciamo tutti la Prima guerra mondiale, la Seconda guerra mondiale e le tante piccole guerre alcune delle quali sono ancora in corso oggi. Possiamo immaginare quante persone sono state uccise e quanto hanno sofferto.
 
La TI ha reso il mondo moderno, ma ha anche portato con sé la distruttiva tecnologia nucleare; i missili a corto e a lungo raggio, e le bombe nucleari che possono distruggere il mondo intero solo schiacciando un pulsante. La possibilità di una terza guerra mondiale non è esagerata. Questa preoccupazione immaginaria può diventare una realtà, e questa è una preoccupazione reale, questa è una sofferenza reale.
Viviamo tutti per goderci la vita; tutti noi vogliamo delle cose. La maggioranza vive con la speranza che un giorno avrà tutto. La maggior parte muore solo con questa speranza. Per dirla semplicemente, la vita per tutti noi non sarà mai soddisfatta, e la sofferenza sarà sempre lì presente, in tutti noi.
 
Quando nostro Signore Buddha raggiunse l'illuminazione, il suo primo sermone ai ' Pan-sa Wag-gi' = i cinque discepoli più saggi , ha sottolineato le cause delle sei categorie di sofferenze, come segue:
 
1 Giacere in gravidanza nel grembo di una madre è sofferenza;
2 Invecchiare è sofferenza;
3 ammalarsi è sofferenza;
4 Morire è sofferenza;
5 La convivenza con una persona che non si ama, e vivere separati da una persona che si ama; e
6 Non ottenere ciò che si vuole nella vita.
 
Il Signore Buddha ha detto che queste sono veramente le 'Dukkhas' , le sofferenze .
 
In base a ciò che il Buddha ha insegnato, stiamo soffrendo ogni giorno, in un modo o nell'altro. Abbiamo paura di invecchiare, siamo arrabbiati perché non troviamo una medicina preventiva per la nostra vecchiaia. Noi non vogliamo patire il dolore, e stiamo soffrendo perché non riusciamo a trovare una cura. Noi abbiamo ancor più paura quando stiamo per morire. Ogni giorno, noi tutti soffriamo e noi tutti moriamo. Il Buddha ha detto che questa 'sofferenza' è "Dukkha Tissa", una delle Quattro Nobili Verità. Nessuno può sfuggire a questa sofferenza.
 
Per quanto riguarda la sofferenza da parte di persone diverse, concedetemi di riportare alcune domande e risposte illuminanti!
 
D Ad una persona è stato chiesto quale fosse la peggiore sofferenza che avesse sperimentato nella vita.
R La sofferenza peggiore è stata nel momento in cui aveva urgentemente bisogno del bagno e non riusciva a trovarne uno.
 
D Ad un bambino è stato chiesto quale sia stata la peggiore sofferenza che aveva sperimentato nella vita.
R Il bambino ha detto che è stato quando la famiglia stava passando davanti a un 'McDonald', ed i genitori si sono rifiutati di comprargli un hamburger.
 
D A una giovane ragazza è stato chiesto che cosa sia stata la peggiore sofferenza nella vita?
R Lei rispose che era in un momento in cui i suoi genitori la costrinsero a sposare un uomo che non amava.
 
D La stessa domanda è stata posta a un paziente con problemi mentali.
R A Questa persona ha risposto che la sua peggior sofferenza è stata quando i medici gli hanno dato una medicina per calmarlo.
 
E 'stato un tentativo di scoprire il senso della sofferenza e abbiamo ricevuto risposte diverse da persone diverse.
 
Come ho già indicato in precedenza, il Signore Buddha ci ha predicato che vivere e morire, e rinascere ancora ed ancora, è il peggior tipo di sofferenza. Ci ha insegnato modi per uscire da questo circolo di rinascita. Fino a quando e se non siamo in grado di uscire da questo circolo di rinascita, dovremo passare più e più volte attraverso il processo di sofferenza, cioè, [Zarti] giacere in gravidanza e nascere, [Zarar] invecchiare, [Byardi] ammalarsi e [Marana] morire. Il Buddha ci ha mostrato un modo per rompere questo circolo di rinascita praticando la 'Wipathana o Meditazione Interiore', che significa perfezionare la propria concentrazione e costruire la propria saggezza interiore, per raggiungere l'obiettivo finale del Nibanna.
 
Posso augurare a tutti voi la pace, la felicità e la tranquillità .
 
 
 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
6 Dicembre 2016

Natale si avvicina! Prepariamo il pranzo con i poveri. Vuoi aiutarci? Ecco i luoghi dove portare il tuo regalo


I centri di raccolta della Comunità di Sant'Egidio a Roma e...
IT | ES | DE
6 Dicembre 2016

Il Pranzo di Natale della Comunità di Sant'Egidio: prepariamo insieme una tavola larga come il mondo


Tutti i modi per aiutare: i centri di raccolta dei regali, il Rigiocattolo, come donare, come contattarci
6 Dicembre 2016

Tutti gli appuntamenti del Rigiocattolo per regalare un gioco a un bambino e un aiuto all'Africa


RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri