change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
1 Ottobre 2013 09:30 | Istituto Penitenziario di Rebibbia

L’antidoto della disperazione: “Tieni la tua mente all’inferno e non disperare”

Siluan


Vescovo ortodosso, Patriarcato di Romania
Se Dante Alighieri descriveva l’inferno come luogo dove, quelli che vi entrano, devono abbandonare “ogni speranza”, nel mondo in cui viviamo oggi assistiamo a un’estensione e moltiplicazione di luoghi dove la speranza è in via di estinzione. La dove c’è la guerra, la violenza, la malattia, la morte, mantenere la speranza diventa un impegno molto difficile, a volte impossibile.
 
Ma ci sono anche luoghi di rigenerazione e di rinascita, di trasfigurazione e di speranza. La dove c’è perdono, compassione e amore, l’uomo ritrova la capacità di ricominciare una nuova vita, potendo curare e guarire le proprie ferite.
 
A volte sembrano mancano le condizioni esterne che rendano possibile il cambiamento. E’ il caso delle carceri dei tempi del comunismo, nei paesi dell’Est europeo. Ma quando le realtà esterne rendono difficile ogni tipo di miglioramento, la persona umana può sempre trovare dentro di sé la capacità di fare appello alle risorse “interne”, alla speranza e alla fede.
 
Uno dei detenuti in una prigione comunista della Romania, Nicolae Steinhardt, entrato in carcere ateo e uscito credente battezzato e diventato poi monaco, scriveva all’inizio del suo “Diario della felicità” composto durante il periodo di detenzione: “Per scappare da un universo concentrazionario – e non assolutamente un lager, una prigione o un’altra forma d’incarcerazione; la teoria valida per qualsiasi tipo di totalitarismo – esiste la soluzione (mistica) della fede”.
 
La veridicità di questa sentenza del monaco Nicolae è stata provata da tanti detenuti nelle prigioni comuniste. Il Padre Dumitru Staniloae, grande teologo romeno, testimoniava di aver vissuto i suoi più alti momenti di preghiera mentre stava nella sua cella in prigione.
 
Anche un carcere quindi può diventare un luogo di autentica fede – conversione, un vero e proprio “penitenziario”, invece di diventare un luogo di perdita della speranza in una vita migliore, in un possibile cambiamento. Tramite la fede, l’essere umano può vivere, anche nelle peggiori condizioni di vita, una trasformazione – trasfigurazione personale invece di lasciarsi sfigurare dalla propria voglia di vendetta o dalla cattiveria circostante.
 
Affinché la fede porti i suoi frutti vivificanti, occorre una condizione fondamentale: riconoscere le proprie mancanze e i propri peccati e assumersi la responsabilità delle conseguenze. E’ proprio questo che trasforma l’inferno della vita in speranza di risurrezione, facendo scendere nel buio della disperazione la luce di Cristo sceso negli inferi per lasciarvi il sigillo della Sua luce e della Sua speranza. E la voce di Cristo risorto attraversa il fracasso dei pensieri che cercano soluzioni logiche e giustificazioni ai propri atti, risuonando calorosamente nel cuore come riecheggiò una volta nella cella di un semplice monaco del Monte Athos, Silvano, preda agli attacchi dei demoni e dei pensieri di disperazione, dicendo: “Tieni la tua mente all’inferno e non disperare”, cioè accetta la realtà come effetto dei tuoi atti però non disperare della Mia misericordia e della Mia compassione.
 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
3 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''


Le opere realizzate dagli artisti con disabilità dei Laboratori d'Arte della Comunità in mostra all'EX[de]PO' di Ostia. Tema di quest'anno la condizione di vita degli anziani.
2 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Ecco i volti e le voci dei profughi siriani fuggiti dalla guerra, oggi in Italia con i #corridoiumanitari


Sono atterrati stamattina a Fiumicino. Con questo gruppo sale a 500 il numero di persone salvate. VIDEO E FOTO
IT | ES | DE | FR | PT
2 Dicembre 2016

Il libro per preparare il pranzo di Natale con la Comunità di Sant'Egidio è disponibile online in 5 lingue


Da oggi è possibile scaricare gratuitamente la versione digitale del libro "Il pranzo di Natale" in inglese, francese, spagnolo, portoghese, indonesiano.
IT | EN | ES | FR | PT | ID

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
Avvenire
«Non usare la fede per la violenza». Un bilancio del XXVII Incontro internazionale per la pace
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri