change language
sei in: home - ecumenismo e dialogo - incontri... la pace - roma 201...o e pace contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

 
versione stampabile
1 Ottobre 2013 17:00 | Piazza del Campidoglio

Meditazione



Theodoros II


Papa e Patriarca di Alessandria e di Tutta l'Africa

Preghiera di S.B. Theodoros II
Papa e Patriarca di Alessandria e di Tutta l'Africa

 “Tutti voi infatti siete figli di Dio mediante la fede in Cristo Gesù, poiché quanti siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo. Non c'è Giudeo né Greco; non c'è schiavo né libero; non c'è maschio e femmina, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù.”
Gal 3, 26-28

Miei cari Fratelli,
 
è un’esigenza decisiva dei nostri tempi quella di raggiungere una nuova unione secondo l’esempio della creazione del mondo e dell'uomo da parte di Dio. Dio, infatti, ha creato il mondo e l'uomo a partire dal suo amore e nella libertà, senza essere obbligato, e comunica e si relaziona con l’altro da sé, che sono appunto il mondo e l'uomo, per mezzo della sua energia personale. Così anche l'uomo deve ricostruire la sua vita nella sua reale prospettiva: “io vivo” non significa semplicemente “io esisto”, ma coesisto e partecipo con l’altro, il diverso, l’estraneo, quello che mi è difronte.
 
È esigenza decisiva dei nostri tempi quella di superare l’arbitrio a danno dei nostri simili per raggiungere, senza limiti e condizioni, il rispetto della loro libertà, sull’esempio del dono divino della libertà umana. Dio ha donato all'uomo la libertà, attraverso la quale l'uomo acquista coscienza di sé e ottiene la capacità di ascendere verso Dio. Dio non forza la libertà dell'uomo, anche quando questi segue una via di perdizione. Così anche l'uomo deve ridefinire la propria libertà: non è libero colui che fa solo tutto quello che gli pare, ma colui che fa quello che veramente desidera. Non è libero quello che fa ricadere sulle spalle degli altri le conseguenze delle proprie scelte, ma colui che sostiene il peso delle proprie responsabilità.
 
È esigenza decisiva dei nostri tempi che l'assioma cartesiano "Penso, dunque esisto" venga trasformato in "Amo, dunque esisto", sull’esempio dei presupposti dell’amore di Dio per le sue creature. Dio si è incarnato infatti per amore, affinché l’uomo si possa divinizzare nella libertà.
 
Così anche l'uomo, quando ama, deve sacrificare, anche solo parzialmente, la propria libertà per il bene dell’altro, perché l'essere umano acquista dignità solo nella comunione d’amore.
 
Capo e guida della comunione d’amore è il nostro Signore Gesù Cristo, il quale ha restaurato la santità e la grandezza della persona umana, eliminando dal mondo la corruzione, l’alienazione, le discriminazioni razziali, e l'odio. Cristo ha assunto tutto il genere umano e lo ha ristabilito nella sua unità organica. Questa unità non è statica e unidimensionale. Possiede una molteplicità dinamica, perché l'unità si raggiunge con la comunione fra le persone, sul modello dell’unità delle tre Persone della Santa Trinità.
 
Nostro Signore, in quanto "re di giustizia" (Eb 7,2), ha ripudiato  “chi ama la violenza”, come "colui che odia la sua stessa anima" (Sal 11,5) e ha proclamato che nel suo Regno non ci sarà posto per l'odio e l’intolleranza, come sta scritto: "Il lupo dimorerà insieme con l'agnello; il leopardo si sdraierà accanto al capretto; il vitello e il leoncello pascoleranno insieme" (Is. 11,6).
 
Preghiamo allora oggi perché il mondo sia restituito alla sua originaria bellezza, come sta scritto: "Egli creò da uno solo tutte le nazioni degli uomini, perché abitassero su tutta la faccia della terra." (At 17,26). 
Preghiamo oggi per eliminare ogni arbitraria discriminazione tra le persone volta alla limitazione dei loro diritti. 
Preghiamo affinché si consolidi l’unità, nell’accettazione dell’indiscutibile diritto delle persone alla diversità.
Preghiamo perché sia abbattuto il muro di separazione dei pregiudizi, come per primo ha fatto nostro Signore rispondendo alla domanda "chi è il mio prossimo" (Lc 10,29), con la disarmante parabola del buon samaritano.
Preghiamo affinché si radichi, fiorisca e fruttifichi l'albero della pace sul terreno reso fertile dalla convinzione che ogni uomo, qualunque sia il colore, la razza, la nazionalità, la religione, la lingua, è, comunque sia, portatore dell’immagine di Dio. 
Preghiamo affinché la vita nel nostro mondo divenga pacifica, consapevoli che “vita” significa innanzitutto e soprattutto convivenza, rapporto con l'altro, colui che è diverso da me, ma comunque universalmente assunto nell’umanità da nostro Signore Gesù Cristo. 
 
Amen!
 
 

Segui l'evento in streaming

EVENTI COLLEGATI
nel mondo

PROGRAMMA
PDF

PROGRAMMA DELLE DIRETTE WEB

NEWS CORRELATE
23 Ottobre 2013

Il coraggio della speranza: tre video


Dalla Costa d'Avorio a da Roma, le immagini degli incontri di quest'anno tra uomini e religioni rimandate nelle trasmissioni televisive
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
3 Ottobre 2013
SAN ANTONIO, STATI UNITI

The Courage of Hope. Lo spirito di Assisi in Texas


Leaders religiosi e studenti hanno partecipato all'incontro di San Antonio che ha seguito quello di Roma
IT | EN | ES | DE | PT
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

"Promuovere le ragioni dell'accoglienza e della tolleranza". Il messaggio del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano


ai partecipanti all'incontro "Il Coraggio della Speranza"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

Festa dei nonni: Sant'Egidio lancia il concorso "Chi trova un nonno trova un tesoro"


Scopri come partecipare sul blog "Viva Gli Anziani!"
2 Ottobre 2013
ROMA, ITALIA

In occasione della festa dei nonni: "La forza degli anni. la vecchiaia come benedizione"


GUARDA IL VIDEO DELLA CONFERENZA
2 Ottobre 2013
ABIDJAN, COSTA D'AVORIO

Anche in Africa "Il coraggio della Speranza"


Incontro con le Religioni ad Abidjan in collegamento con Roma
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
tutte le news correlate

NEWS IN EVIDENZA
9 Dicembre 2016 | OSTIA, ITALIA

Artisti disabili danno forma e parole alla forza e alla fragilità degli anziani. In mostra a Ostia


Sabato 10 dicembre la premiazione delle opere più votate all'EX[de]PO’.
9 Dicembre 2016 | ROMA, ITALIA

Dal 10 dicembre, grande vendita di beneficenza a Roma per sostenere i pranzi di Natale con i poveri.


Tutti i giorni fino al 23 dicembre e dal 2 al 6 gennaio. Orari e indirizzi.
8 Dicembre 2016

Libia, Sant’Egidio: prima riconciliazione tra Misurata e Zintan


Dopo una lunga crisi, firmata a Roma con la mediazione della Comunità di Sant'Egidio una dichiarazione congiunta tra i rappresentanti delle due città libiche
IT | DE | FR | PT

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
6 Settembre 2015
Shekulli
“Takimi i paqes”, krerët botërorë të feve mblidhen në Tiranë
11 Novembre 2013
Herder Korrespondenz
Religion und Frieden: Internationales Treffen der Gemeinschaft von Sant'Egidio
29 Ottobre 2013
Roma sette
Preghiera e condivisione fondamenta della pace
13 Ottobre 2013
SIR
Insieme scegliamo il coraggio della pace
6 Ottobre 2013
La Vita del Popolo (Treviso)
La pace delle religioni
tutta la rassegna stampa correlata

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri