Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - i più anziani - l'aiuto ...e a casa - assisten...iciliare - come interveniamo contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Come interveniamo


 
versione stampabile

L'ASSISTENZA DOMICILIARE
Come interveniamo

Caratteristiche peculiari dell'assistenza domiciliare sono il rapporto personale, la gratuità, la continuità, la flessibilità, il lavoro di équipe e l'attivazione di tutte le risorse disponibili.

Genova

Il rapporto personale:
L'amicizia, espressa come vicinanza, è la modalità che ha permesso di  penetrare in profondità nel mondo degli anziani, incontrati non come una categoria di "assistiti" ma come persone. La costruzione di un rapporto personale, maturo, di mutua fiducia è la premessa essenziale di ogni intervento, poiché consente di comprendere i singoli nella loro individualità, non incontrandoli come categoria, ma come persone con la loro storia particolare. Nell'amicizia e nel rapporto personalizzato è possibile quell'incontro tra generazioni diverse che spesso si ritiene impossibile o non facile.

La gratuità: 
La gratuità contraddistingue questa amicizia che non cerca mai il proprio tornaconto e non ha altro scopo che il bene degli altri. E' proprio la gratuità che genera un approccio senza preconcetti, non giudicante, fedele e paziente, che non cerca un risultato immediato o un contraccambio. Essa permette di non considerare in chiave istituzionale i bisogni, le necessità del singolo e di non dare risposte precodificate, spersonalizzate. 

Roma
La continuità:
La presenza della Comunità di Sant'Egidio nel mondo degli anziani, si caratterizza innanzitutto per la continuità del rapporto con l'anziano, che non viene mai ''dimesso''. Non pochi sono gli anziani che conosciamo e seguiamo da oltre quindici / venti anni. Il rapporto costante e continuo tra più giovani e anziani è divenuto, di fatto, elemento fondamentale del servizio.

 Molto spesso infatti nel percorrere la loro vecchiaia gli anziani sperimentano, con l'aggravarsi delle condizioni fisiche, il passaggio da un servizio pubblico ad un altro e sono costretti a cambiare nei momenti più critici  riferimenti importanti. La continuità è per gli anziani la garanzia per vivere più a lungo. Il perdurare di un'amicizia negli anni si qualifica spesso come l'unico indispensabile punto di riferimento in occasione dei momenti di crisi e di difficoltà.

La flessibilità:
 La continuità richiede poi la disponibilità e la capacità di modificare e di adattare nel tempo, in rapporto al mutare della situazione dell'anziano, il nostro aiuto. E' questa flessibilità che ci permette di rispondere con prontezza alle esigenze più diversificate. Ad esempio la nostra presenza, in caso di necessità, può arrivare a 24 ore su 24.

Lavoro di équipe:
Nessun volontario, pur vivendo un intenso rapporto personale con l'anziano, agisce da solo. Esistono momenti comuni che rendono possibile la conoscenza degli anziani ad altri. Diviene quindi naturale il coinvolgimento di molte persone della Comunità in caso di necessità.

Genova

Attivazione di tutte le risorse
L'interazione, il coordinamento di tutte le forze sociali, da quelle istituzionali a quelle informali, sono momenti decisivi per permettere all'anziano di poter vivere fino alla fine nel suo ambiente. Così egli può contare sull'aiuto della propria famiglia ma anche su alcuni servizi che sopperiscano a necessità particolari e su una rete di rapporti ricchi e vari. In effetti chi ha a che fare con gli anziani sperimenta ben presto come sia difficile far fronte da soli alle necessità di chi non è autosufficiente. Collaborare, coordinarsi convogliando i diversi apporti, creare una rete di solidarietà e di protezione costituita dai servizi pubblici, il volontariato, la famiglia, il vicinato, permette felici soluzioni. D'altra parte è frequente constatare come un anziano solo sia sempre più solo: chi gli è vicino è scoraggiato dall'intervenire per paura di doversi sobbarcare un onere assistenziale insostenibile. Un anziano che ha un amico, che ha un punto di riferimento è un anziano che più facilmente riceve vari tipi di aiuti. Quando cominciamo ad andare a trovare un anziano, con il tempo vediamo migliorare decisamente la qualità generale delle sue relazioni: i vicini cominciano a rendersi disponibili per piccoli ma decisivi servizi, la famiglia si fa più prossima e meno ansiosa e via dicendo. Si ricrea un tessuto umano attorno ad un anziano isolato: la gratuità di un'amicizia è di stimolo e di speranza per molti.

I più Anziani


 LEGGI ANCHE
• NEWS
7 Dicembre 2016
LONDRA, REGNO UNITO

A Londra c'è una tavola apparecchiata per i poveri, si chiama ''Our Cup of Tea''. Il video della BBC

IT | EN | FR
3 Dicembre 2016
ROMA, ITALIA

3 dicembre, Giornata Mondiale delle Persone con Disabilità: Sant'Egidio inaugura la mostra ''La forza degli anni''

IT | DE
18 Novembre 2016
MANAGUA, NICARAGUA

A Managua anziani e giovani attraversano insieme la Porta Santa

IT | ES | DE | CA
16 Novembre 2016
BEIRA, MOZAMBICO

Il Giubileo della Misericordia nella periferia africana: la preghiera di Sant'Egidio con gli anziani di Nhangau

IT | ES | DE | PT
18 Ottobre 2016
DISTRETTO DI LIMA, PERU

Il Giubileo della Misericordia con gli anziani e i senza dimora di Lima

IT | ES
12 Ottobre 2016

Anziani: dopo la condanna della Casa di Cura di Aprilia per omicidio volontario non cali il silenzio

tutte le news
• STAMPA
5 Dicembre 2016
Corriere della Sera

La chiave sotto una campana di vetro. Misteriose opere di artisti disabili

6 Novembre 2016
Würzburger katholisches Sonntagsblatt

Von Gott berührt

31 Ottobre 2016
La Nazione

Giubileo degli anziani e festa di Sant'Abramo in Santissima Annunziata a Firenze

17 Ottobre 2016
Il Mattino di Padova

Quella "cultura dello scarto" simbolo della nostra crisi

14 Ottobre 2016
Il Mattino di Padova

Sant'Egidio. Giubileo degli anziani al Santo

3 Settembre 2016
La Repubblica - Ed. Genova

In campo anche i liceali volontari a Sant'Egidio

tutta la rassegna stampa
• EVENTI
17 Novembre 2016 | ROMA, ITALIA

Caregiver: consegna dei diplomi del corso promosso da ASL Roma1 e Sant'Egidio

29 Ottobre 2016 | FIRENZE, ITALIA

Festa di Sant'Abramo insieme con gli anziani

tutti gli Incontri di Preghiera per la Pace
• DOCUMENTI

Intervento di Irma, anziana romana, durante la visita di papa Francesco a Sant'Egidio

Programma della Campagna della Cortesia verso gli anziani "Vive les Ainés"

Giovani e anziani per un estate di solidarietà 2013

Programma "W gli anziani": attività con gli anziani a Roma nel luglio e agosto 2013

Scheda sintetica del programma "W gli anziani"

tutti i documenti
• LIBRI

La fuerza de los años





Ediciones Sígueme
tutti i libri

FOTO

550 visite

542 visite

506 visite

497 visite

491 visite
tutta i media correlati

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri