change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - antwerp ...e future contactsnewsletterlink

Soutenez la Communauté

  

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
8 Septembre 2014 09:30 | Auditorium KBC

Intervento



Domenico Quirico


Journaliste de "La Stampa", Italie

 In questo intervento, faccio un viaggio nei territori del male, attraverso la sofferenza umana, in luoghi in cui Dio è invocato 10 volte al giorno ed è bestemmiato 10.000 volte al giorno negli atti di coloro che lo invocano.

Parlo di luoghi in cui la condizione umana è stata ridotta alla sua essenza elementare: non amare, lavorare, pregare, costruire, discutere, ma sopravvivere. In cui milioni di uomini hanno un unico rapporto con la realtà e con gli altri: restare vivi, un’ora dopo l’altra, un minuto dopo l’altro, un secondo dopo l’altro. Sopravvivere.

Questo immenso paese dove Dio sembra essere evaporato, essersi distratto, non occuparsi più dell’uomo e il diavolo invece lavora, costruisce, suggerisce, opera, è immenso. Va dalle foreste della Nigeria ai deserti del Vicino Oriente, dalla Somalia al Sahel, dove l’uomo, dove milioni di uomini sono costretti ad un unico rapporto con gli altri e con se stessi: tentare di sopravvivere.

Io sono stato, per la mia esperienza, prigioniero di questo nuovo leviatano che è di fronte a noi, a due ore, un’ora di aereo. Vi ricordo la Siria, 200.000 morti. Non combattenti, non gente con il kalashnikov in mano. Bambini, donne, uomini, vecchi. Gente che era impegnata in questo disperato esercizio di sopravvivere e che è stata spazzata via.

Ho ascoltato la testimonianza della deputatessa yazida, Vian Dakheel. Sono appena tornato dall’Iraq, dalla Piana di Ninive: un altro luogo dove il diavolo opera attraverso gli atti degli uomini. Perché questo è il male, ciò che noi facciamo e ciò che noi non facciamo.

Vi propongo una lettura un po’ diversa di tutto questo: la mia lunghissima lettura di testimone e di viaggiatore. Allontaniamoci un attimo dal discorso delle religioni e delle fedi e proviamo ad immaginare che si stia costruendo, manifestando, stia lievitando e fermentando di fronte a noi un fenomeno antico e terribile, ma che qui in Europa ben conosciamo e di cui siamo stati i primi testimoni e le prime vittime: la nascita di un nuovo totalitarismo, la nascita di un nuovo sistema totalitario.

Del totalitarismo sono state date eccellenti definizioni. Io dico la mia, molto umile, molto semplice: il totalitarismo è un luogo in cui l’uomo è condannato a morte o alla sofferenza, non per ciò che fa, ma per ciò che è. In cui la sua condanna è scritta nella sua identità, nel suo passaporto, nel suo documento. In cui è spazzato via, cancellato, perché ebreo, perché yazida, perché cristiano, perché tutsi…

Questo è il totalitarismo: la cancellazione dell’uomo indipendentemente dalle sue azioni. E quello che sta sorgendo di fronte a noi, attraverso il pretesto e la finta bandiera della fede, è questo fenomeno pericolosissimo che noi abbiamo sperimentato. Prima era la razza, poi l’ideologia, ora una religione, una religione impugnata, modificata, coartata con un pretesto totalitario.

La tentazione del totalitarismo è il vero pericolo che si sta manifestando nei luoghi che ho evocato, davanti a noi.

C’è un’esperienza che mi ha molto colpito. Nei giorni scorsi si è molto parlato dei possibili assassini del mio collega, Foley, il giornalista americano. Chi era quell’uomo che lo ha sgozzato? Si sono fatte molte ipotesi e non mi interessa sapere se erano vere o false. 

Tra le ipotesi principali è che il suo assassino fosse un  inglese. E sono stati fatti tre nomi, tre identità; non mi interessa se fossero veramente loro, quello che mi interessa è il fenomeno. O un medico, o un cantante più o meno di successo in Inghilterra, o uno spacciatore di droga.

Allora domandatevi, domandiamoci: che cosa c’è di più radicato, all’interno della nostra società di queste tre figure? Il medico: figura perfetta del salvatore, dell’uomo che lavora per gli altri, salva vite umane. Il cantante: l’idolo dei nostri giovani, dei nostri ragazzi. E, dall’altro versante, che cosa più radicato nella nostra società dello spacciatore, colui che vive, si alimenta, alimenta i nostri vizi.

Una di queste tre persone ha sgozzato un altro essere umano in nome di una guerra proclamata santa. Non è uscito dalle montagne afgane, non è un disperato di un deserto, di un terzo mondo che noi abbiamo colpevolmente dimenticato, condannato alla miseria. 

E’ qualcuno che è cresciuto attorno a noi, che ha frequentato le nostre scuole, che ha assorbito, o dovrebbe aver assorbito i nostri principi, le cose che fanno l’Europa, che hanno posto in Europa l’origine delle cose più straordinarie: la democrazia, il rispetto dell’altro, i diritti umani, la sacralità dell’individuo in quanto individuo, indipendentemente dal Dio che prega o che non prega, dai libri che ha letto, da quello che può dare alla società o non può dare. La sacralità dell’individuo.

Ebbene, ognuna di queste tre persone un giorno ha preso questa sua identità e l’ha buttata via, perché è partito ad uccidere altri uomini in un paese che non era suo - perché siamo all’emigrazione della terza,quarta, generazione- e a farsi ammazzare. Lì è il cuore del problema, lì è il cuore della tentazione totalitaria e del rischio totalitario.

 

(trascrizione dalla registrazione audio-video a cura della redazione)

PROGRAMMA
PDF

LIVE STREAMING



NOUVELLES EN RELATION
20 Octobre 2015

Des évêques du monde entier réunis à Sant’Egidio dans la prière pour la paix en Colombie et dans le monde


En ces jours où se tient à Rome le synode sur la famille, nombreux sont les évêques qui visitent la Communauté de Sant’Egidio et participent à la prière du soir. Hier soir, ils étaient nombreux à allumer les lumières de la paix
IT | ES | DE | FR | PT | RU
24 Août 2015
ROME, ITALIE
RENCONTRE INTERNATIONALE

Les religions à Tirana 6-8 septembre avec Sant’Egidio per dire : la paix est toujours possible #peaceispossible


pour parler des vraies urgences de notre monde : environnement, inégalités sociales, résolution des conflits et recherche commune de réponses et de solutions
IT | EN | ES | DE | FR | PT | UK
20 Juillet 2016

Les religions mondiales retournent à Assise pour faire entendre la soif de paix des peuples


Présentation aujourd’hui de la rencontre internationale pour la paix qui se tiendra du 18 au 20 septembre, trente ans après la prière historique voulue par Jean-Paul II
IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
21 Juillet 2017
ROME, ITALIE

Sant’Egidio : ouvrir des « chemins de paix » dans un monde marqué par les conflits et le terrorisme ; présentation de la rencontre internationale


M. Impagliazzo : « Ce sera l’événement pour la paix le plus important de l’année. Nous lancerons un message fort contre les conflits, les divisions et les murs pour redonner une âme aux pays et aux continents en crise »
IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | ID
1 Janvier 2012

Marche pour la paix sur toutes les terres


Rome, un long cortège jusqu'à la Place Saint-Pierre. Les salutations du pape Benoît
IT | DE | FR | NL | RU
24 Octobre 2011

L'Esprit d'Assise : 25 années de prière pour la paix

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
toutes les nouvelles connexes

FAITS MARQUANTS NEWS
7 Octobre 2017
Communiqué de presse

lundi 9 octobre, le président Steinmeier visite la Communauté de Sant’Egidio

IT | DE | FR | PT
26 Septembre 2017

Dossier : qui sont les Rohingyas et pourquoi fuient-ils la Birmanie ?

IT | EN | ES | DE | FR | CA | ID
26 Septembre 2017 | ABIDJAN, CÔTE-D'IVOIRE

Prière pour la paix en Côte d’Ivoire : la rencontre interreligieuse #PathsofPeace mise en œuvre par Sant’Egidio à Abidjan

IT | FR | HU

ASSOCIATED PRESS
15 Octobre 2017
Herder Korrespondenz
Sant'Egidio: Auf der Suche nach der Gemeinsamkeit
13 Octobre 2017
L'Azione
La pace è unità
5 Octobre 2017
Avvenire
Il Mozambico rinato: quella pace che ha fatto storia
4 Octobre 2017
Avvenire
Quando il Mozambico scelse pace e sviluppo
4 Octobre 2017
L'huffington Post
I 25 anni dalla fine della guerra in Mozambico dimostrano che la pace è sempre possibile
tous les dossiers de presse