change language
vous êtes dans: home - l'oecum...dialogue - rencontr...tionales - antwerp ...e future contactsnewsletterlink

Soutenez la Communauté

  

Visite virtuelle de la crèche de Sant'Egidio : Jésus accueilli par les pauvres, les malades, les sans logis et les hommes de toutes confessions

Sant'Egidio et la Muhammadiyah signent à Djakarta un nouvel accord pour la paix et le dialogue interreligieux

une délégation de la Communauté menée par Marco Impagliazzo se trouve en Indonésie

Sant'Egidio au conseil de sécurité de l'ONU pour un point sur la République centrafricaine

Mauro Garofalo : "Le succès de ce premier désarmement garantit la crédibilité de l'ensemble du processus en actes"

Donner à manger aux personnes âgées au Mozambique : distribuitions d'aides alimentaires aux plus pauvres dans la ville de Beira

Aidons les réfugiés rohingyas au Bangladesh

La Communauté de Sant’Egidio lance une collecte de fonds pour envoyer des aides dans les camps de réfugiés au Bangladesh, en collaboration avec l’Eglise locale

Tous les textes de la rencontre #Pathsofpeace

L'assemblée d'inauguration de la rencontre internationale Chemins de Paix

Chemins de 2017 : tout sur la rencontre internationale des religions du monde pour la paix

Le programme, les intervenants et les événements en direct streaming

Global friendship, #MoreYouthMorePeace : le message et l’engagement des Jeunes pour la paix à Barcelone

rendez-vous l’année prochaine à Rome !

 
version imprimable
9 Septembre 2014 09:30 | Thomas More, Campus Carolus, Room 006

Intervento

Vian Dakheel


Yazidi Community, member of the Parliament, Iraq

Il mio discorso oggi non sarà un discorso politico. Vorrei rivolgermi a voi in qualità di essere umano, trascurando il discorso politico. Vorrei parlarvi da cuore a cuore dicendovi che, mentre sono seduta qui, mi arrivano in continuazione telefonate da persone rapite che mi chiedono di intercedere per liberarli e io non so cosa fare. 

79 famiglie, ognuna di 6 o 7 persone, sono trattenute ora in un villaggio vicino a Mosul e mi chiedono aiuto perché sono assediate. Sono trattenute con la forza, inermi: o si convertono oppure verranno sgozzate. Sono minacciate del rapimento delle loro donne, che saranno vendute nei suk. Vi comunico dei dati dolorosi, non discorsi altisonanti.

Prima di venire qui ho incontrato 35 bambini, dai 4 ai 6 anni, orfani. Hanno perso tutte le loro famiglie, non hanno nessun superstite fra i loro parenti. Erano in uno stato di choc, non capivano  nulla di quanto accadeva intorno a loro. 

In agosto siamo stati sorpresi: venivamo sgozzati, le donne venivano violentate e vendute, le nostre case sono state sequestrate e distrutte e ci chiedevamo: perché? Perché tutto questo? Siamo umani e viviamo qui in pace, perché tutto questo?

Le donne yazide rapite sono più di 5.000, dai 13 ai 60 anni. Vengono segregate: le vergini sono separate dalle più anziane e ognuna viene venduta con  - mi dispiace dirlo – una tariffa diversa. Una donna vergine a Mosul viene ceduta per 150 dollari. 300 donne sono state vendute in Siria, a 300 dollari ogni ragazza. Così siamo state disonorate!

La tragedia è stata che, quando queste donne sono state rapite, avevano dei bambini: sono state separate da loro. Chiedo a voi, padri e madri, cosa vi succede quando vi portano via un  figlio e lo tengono segregato? 750 bambini, dai 3 ai 10 anni, sono segregati, separati, da soli. Non sappiamo dove sono, non sappiamo che fine hanno fatto.

Bambini che non capiscono nulla della vita, sono ora prigionieri. Quale madre sopporterebbe che il suo bambino sia strappato dalle sua braccia e di non saper più cosa succede a suo figlio. E’ stato sgozzato? Sua figlia è stata violentata? Donne nel fiore degli anni nelle mani dei selvaggi dell’ISIS! Questa è la verità, questa è la tragedia che accade oggi agli yazidi in Iraq.

Abbiamo passato 10 giorni fuggendo sulle montagne: fame, sete. Ho visto con i miei occhi bambini piccoli con i piedi sanguinanti, perché abbiamo camminato 40 ore! Bambini che mangiavano l’erba, le foglie degli alberi per la fame. Bambini morti di sete, mamme che hanno abbandonato i figli per salvare altri figli. Ho conosciuto una donna che mi ha detto: Avevo 5 figli. 2 handicappati li ho lasciati sulla montagna per salvare gli altri 3.

Quando ero in aereo, quello che è caduto, il pilota ha detto che il peso era troppo grande e non sarebbe riuscito a volare. Una donna mi ha dato i suoi figli, di 4 e 5 anni e ha detto: Portali via, io ritorno sulla montagna. Salva almeno i miei due figli, io ritornerò.

Questa è la nostra tragedia e questo accade oggi. Gli yazidi hanno abbandonato le loro case a Sinjar, siamo arrivati in Kurdistan, a Dohuk, a Erbil e grazie a Dio abbiamo trovato almeno dell’acqua da bere. In governo del Kurdistan ci ha dato ogni aiuto, ma il governo del Kurdistan non può tutto. La gente di Dohuk ci ha aiutato e siamo grati di cuore. Non hanno fatto distinzioni tra yazidi e musulmani, hanno dato da bere a tutti e ci hanno ospitato nelle loro case. Ma questo non può bastare.

Vi parlo non in veste di politico o di parlamentare, ma come essere umano, come yazidi. Forse siamo in 100 qui, ma ognuno di voi può dire 10 parole per incidere con chi ha intorno: 1000 parole, altre 1000 parole. Forse potremo incidere, farci ascoltare da coloro che prendono le decisioni. Le nostre donne sono nelle mani dell’ISIS; abbiamo bisogno della nostra terra che ci è stata portata via ingiustamente e non capiamo ancora perché. Vi chiedo: aiutateci con l’acqua, con il cibo, perché senza questo cosa potremo fare? 

Una donna mi è venuta a trovare a casa dicendo: Avevo 5 bambine, 3 sono state sequestrate dall’ISIS che le ha vendute in Siria. Mi restano due figlie. Cosa fare con queste due figlie? Non ho saputo cosa risponderle. Voi tutti siete padri e madri: chi sopporterebbe che sua figlia sia rapita, venduta e poi violentata!

Per questo vi chiedo una cosa sola, ognuno di voi può aiutarci. Chiediamo ai governi di liberare le nostre vittime, le nostre donne rapite. Vogliamo tornare a casa, ma vogliamo tornare con una protezione. Non è pensabile tornare così, perché chi ci ha ucciso era il nostro vicino! Vogliamo una protezione, vogliamo essere armati.

Ci rivolgiamo ai paesi che parlano di democrazia e si riempiono la bocca di diritti umani, che parlano di diritti della donna e del bambino. Dove sono questi diritti? C’è piuttosto un genocidio nel XXI secolo! Questo chiediamo: vogliamo protezione, vogliamo le nostre ragazze indietro, vogliamo la nostra terra. Vogliamo che il governo del Kurdistan sia aiutato, perché possa aiutare noi a voltare pagina. Vi chiediamo di aiutarci. Chiediamo di considerare quello che è accaduto agli yazidi un genocidio avvenuto nel XXI secolo.

Infine penso che ognuno di voi, con la sua umanità, può tendere la mano verso di me e dirmi: Io sono con te in questa battaglia.

 

(trascrizione dalla registrazione audio-video a cura della redazione)

 

PROGRAMMA
PDF

LIVE STREAMING



NOUVELLES EN RELATION
18 Octobre 2017

Un mois après la rencontre des religions à Münster, les Chemins de paix ont traversé quatre continents


Sur la photo, l'événement à Blantyre, Malawi. Voir les photos et vidéos des autres rencontres
IT | ES | DE | FR | RU
20 Octobre 2015

Des évêques du monde entier réunis à Sant’Egidio dans la prière pour la paix en Colombie et dans le monde


En ces jours où se tient à Rome le synode sur la famille, nombreux sont les évêques qui visitent la Communauté de Sant’Egidio et participent à la prière du soir. Hier soir, ils étaient nombreux à allumer les lumières de la paix
IT | ES | DE | FR | PT | RU
24 Août 2015
ROME, ITALIE
RENCONTRE INTERNATIONALE

Les religions à Tirana 6-8 septembre avec Sant’Egidio per dire : la paix est toujours possible #peaceispossible


pour parler des vraies urgences de notre monde : environnement, inégalités sociales, résolution des conflits et recherche commune de réponses et de solutions
IT | EN | ES | DE | FR | PT | UK
20 Juillet 2016

Les religions mondiales retournent à Assise pour faire entendre la soif de paix des peuples


Présentation aujourd’hui de la rencontre internationale pour la paix qui se tiendra du 18 au 20 septembre, trente ans après la prière historique voulue par Jean-Paul II
IT | ES | DE | FR | PT | CA | NL
1 Janvier 2012

Marche pour la paix sur toutes les terres


Rome, un long cortège jusqu'à la Place Saint-Pierre. Les salutations du pape Benoît
IT | DE | FR | NL | RU
24 Octobre 2011

L'Esprit d'Assise : 25 années de prière pour la paix

IT | EN | ES | DE | FR | PT | CA | NL | RU
toutes les nouvelles connexes

FAITS MARQUANTS NEWS
15 Décembre 2017

En attendant le repas de Noël avec les pauvres, voici comment nous nous préparons dans le monde : EN IMAGES

IT | FR
14 Décembre 2017 | LIBYE

Libye : des aides humanitaires aux hôpitaux dans la région du Fezzan


une lueur d'espoir dans la situation difficile en Libye
IT | ES | DE | FR
13 Décembre 2017 | BLANTYRE, MALAWI

Inauguration de la nouvelle église dans la maison de l'amitié de la Communauté de Sant'Egidio de Blantyre


La première prière présidée par Mgr Vincenzo Paglia, qui a rencontré la Communauté lors de sa visite en Afrique
IT | EN | ES | DE | FR | PT

ASSOCIATED PRESS
25 Décembre 2017
GNZ
Im Mittelpunkt steht das Gebet für den Frieden
27 Novembre 2017
Radio Vaticana
Centrafrica: mediazione di S.Egidio nel rilascio di 16 ostaggi
8 Novembre 2017
Avvenire
Centrafrica. Sant'Egidio: la pace «funziona»
30 Octobre 2017
Notizie Italia News
Il tempo del dialogo, 500 anni dopo ...
15 Octobre 2017
Herder Korrespondenz
Sant'Egidio: Auf der Suche nach der Gemeinsamkeit
tous les dossiers de presse