Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Galati 3,22-29

la Scrittura invece ha rinchiuso ogni cosa sotto il peccato, perché la promessa venisse data ai credenti mediante la fede in Gesù Cristo.
Ma prima che venisse la fede, noi eravamo custoditi e rinchiusi sotto la Legge, in attesa della fede che doveva essere rivelata. Così la Legge è stata per noi un pedagogo, fino a Cristo, perché fossimo giustificati per la fede. Sopraggiunta la fede, non siamo più sotto un pedagogo. Tutti voi infatti siete figli di Dio mediante la fede in Cristo Gesù, poiché quanti siete stati battezzati in Cristo vi siete rivestiti di Cristo. Non c'è Giudeo né Greco; non c'è schiavo né libero; non c'è maschio e femmina, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù. Se appartenete a Cristo, allora siete discendenza di Abramo, eredi secondo la promessa.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo afferma che l'eredità promessa da Dio ad Abramo appartiene ora a Gesù. Il Signore, prima ancora del patto con Israele sul Sinai, ne aveva già realizzato uno con Abramo. E quel patto vale soprattutto per il "suo seme" (cf. Gen 17,7) che non è da riferire tanto alla discendenza di sangue quanto ?all'"unico" discendente: Gesù Cristo. Egli è l'unico ed universale erede delle promesse abramitiche. L'esempio del testamento, un atto che è sempre valido e non può essere annullato neppure dalla legge, che peraltro è venuta dopo (quattrocentotrenta anni dopo), fa scrivere a Paolo che non si possono dare due vie per accedere all'eredità di Abramo: la legge e la promessa. Solo la promessa eredita il patto con Abramo. Se la legge è stata data, essa aveva solo una funzione pedagogica, ossia di preparazione alla fede finché non fosse venuto il "seme", ossia Cristo (3,16). I discepoli di Gesù ricevono quindi l'eredità promessa ad Abramo. Essi, pertanto, non stanno più sotto il "pedagogo", ossia sotto sorveglianza, ma vivono nella libertà perché divenuti "uno in Cristo Gesù" (3,28). "Rivestiti di Cristo", i cristiani sono una nuova creatura, un nuovo popolo che non conosce più leggi esteriori, ma solo l'amore che deve guidare l'intera vita del credente. Ai Romani Paolo scrive che siamo liberi da tutto per essere schiavi di una cosa sola, l'amore: "non abbiate alcun debito con nessuno, se non quello di un amore vicendevole" (Rm 13,8).


08/10/2016
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
GIU
25
domenica 25 giugno
Liturgia della domenica
GIU
26
lunedì 26 giugno
Preghiera per i poveri
GIU
27
martedì 27 giugno
Preghiera con Maria, madre del Signore
GIU
28
mercoledì 28 giugno
Preghiera con i Santi
GIU
29
giovedì 29 giugno
Preghiera degli Apostoli
GIU
30
venerdì 30 giugno
Preghiera della Santa Croce
LUG
1
sabato 1 luglio
Vigilia del giorno del Signore
LUG
2
domenica 2 luglio
Liturgia della domenica