change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Marco 2,13-17

Uscì di nuovo lungo il mare; tutta la folla veniva a lui ed egli insegnava loro. Passando, vide Levi, il figlio di Alfeo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: "Seguimi". Ed egli si alzò e lo seguì.
Mentre stava a tavola in casa di lui, anche molti pubblicani e peccatori erano a tavola con Gesù e i suoi discepoli; erano molti infatti quelli che lo seguivano. Allora gli scribi dei farisei, vedendolo mangiare con i peccatori e i pubblicani, dicevano ai suoi discepoli: "Perché mangia e beve insieme ai pubblicani e ai peccatori?". Udito questo, Gesù disse loro: "Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Continua la lettura del Vangelo secondo Marco. Giorno dopo giorno la pagina evangelica ci unisce a Gesù e alla piccola comunità che aveva radunato, mentre sta muovendo i primi passi della predicazione evangelica. Gesù continua a camminare sulla riva del lago di Galilea e incontra Levi, un pubblicano, seduto al banco delle imposte. Era nota la diffidenza che i pubblicani, esattori delle tasse, suscitavano e il disprezzo con cui venivano considerati. Ma Gesù si ferma proprio davanti a quel peccatore. Lo guarda e lo invita a seguirlo. E Levi, senza frapporre tentennamenti, lascia tutto e si mette a seguirlo. La piccola comunità di Gesù cresce anche di numero, senza che Gesù appaia preoccupato della provenienza o della condizione di chi chiama a seguirlo. In effetti per far parte della comunità dei discepoli non ci sono preclusioni di sorta; non importa come siamo, quale storia o quale carattere abbiamo. Levi è addirittura ritenuto un pubblico peccatore, a causa del suo ufficio di esattore di tasse che andavano a impinguare le casse dei Romani oppressori. Ma questo non ferma Gesù. Per far parte della comunità dei discepoli quel che conta è ascoltare la Parola del Signore e metterla in pratica. Per Levi, che sarà conosciuto anche con il nome di Matteo, come per i primi quattro discepoli, è stato sufficiente ascoltarne una sola: «Seguimi!». Egli si alza, lascia il suo banco, e si mette a seguire Gesù. L'evangelista narra quindi un pranzo che Levi ha organizzato in onore di Gesù e dei discepoli al quale però ha invitato anche i suoi amici, pubblicani e peccatori. I farisei lo accusano pubblicamente per questo suo comportamento peccaminoso, manifestando così la durezza del loro cuore. Non riescono né a vedere né a capire il senso della misericordia. Ben diversa è la sensibilità di Gesù: «Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori», ribatte alle loro accuse. Non che Gesù ritenesse i farisei giusti. Erano loro stessi che, in maniera erronea, si ritenevano tali. Ma certamente Levi e gli altri commensali - come del resto ognuno di noi - erano deboli, poveri e peccatori. Ma Gesù è venuto proprio per i deboli e per i peccatori. È venuto anche per i farisei. E qualcuno di loro aderirà. Ma la condizione per essere salvi sta nel sentirsi bisognosi dell'aiuto del Signore.


13/01/2018
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
GEN
14
domenica 14 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
15
lunedì 15 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
16
martedì 16 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
17
mercoledì 17 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
18
giovedì 18 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
19
venerdì 19 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
20
sabato 20 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
21
domenica 21 gennaio
Liturgia della domenica