Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Festa di Maria del Monte Carmelo.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro di Giuditta 6,10-21

Allora Oloferne diede ordine ai suoi servi, che erano di turno nella sua tenda, di prendere Achior, di esporlo vicino a Betulia e di abbandonarlo nelle mani degli Israeliti. I suoi servi lo presero e lo condussero fuori dell'accampamento in aperta campagna, lo menarono dal mezzo della pianura verso la montagna e si trovarono presso le fonti che erano sotto Betulia. Quando gli uomini della città li scorsero sulla cresta del monte, presero le armi e uscirono dalla città dirigendosi verso la cresta. Tutti i frombolieri occuparono i sentieri di accesso e si misero a lanciare pietre su di loro. Quelli ridiscesero al riparo del monte, legarono Achior e lo abbandonarono gettandolo a terra alle falde del monte, quindi fecero ritorno al loro signore. Gli Israeliti scesero dalla loro città, si avvicinarono a lui, lo slegarono, lo condussero in Betulia e lo presentarono ai capi della città, che in quel tempo erano Ozia figlio di Mica della tribù di Simeone, Cabri figlio di Gotonièl e Carmi figlio di Melchièl. Radunarono subito tutti gli anziani della città e tutti i giovani e le donne accorsero al luogo del raduno. Posero Achior in mezzo a tutta quell'adunanza e Ozia lo interrogò sull'accaduto. Quegli riferì loro le parole del consiglio di Oloferne e tutto il discorso che Oloferne aveva pronunziato in mezzo ai capi degli Assiri e quanto aveva detto superbamente contro il popolo d'Israele. Allora tutto il popolo si prostrò ad adorare Dio e alzò queste suppliche: "Signore, Dio del cielo, guarda la loro superbia, abbi pietà dell'umiliazione della nostra stirpe e accogli benigno in questo giorno la presenza di coloro che sono consacrati a te". Poi confortarono Achior e gli rivolsero parole di gran lode; Ozia da parte sua lo accolse dopo l'adunanza nella sua casa e offrì un banchetto a tutti gli anziani; per tutta quella notte invocarono l'aiuto del Dio d'Israele.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Oloferne, sicuro della vittoria finale, non uccide subito Achiòr, come vorrebbero i suoi consiglieri, ma lo fa portare presso Betùlia, la città ove si erano arroccati i Giudei. La morte – pensa – lo deve raggiungere dopo che ha visto lo sterminio dei Giudei che lui aveva invece profetizzato impossibile. I soldati di Oloferne portano quindi Achiòr fin sotto le mura di Betùlia. I Giudei, appena scorgono la pattuglia di soldati, pensando ad un attacco, reagiscono contro la piccola schiera di soldati i quali, in verità, non avevano alcuna intenzione di attaccare la città, ma solo portare un prigioniero da "regalare" ai giudei. I soldati non sanno che in questo modo si stanno facendo strumento di Dio per la salvezza di Achiòr il quale verrà accolto nella città e soprattutto all’interno del popolo ebraico. I giudei prendono il prigioniero e lo conducono dentro la città per interrogarlo. All’udire il racconto di Achiòr i giudei comprendono che quanto ha detto a Oloferne veniva da Dio. Lo accolgono quindi come un membro della comunità. Conoscendo inoltre i propositi di Oloferne di distruggere l’intero popolo di Giuda, tutti si mettono a supplicare il Signore. Al termine della giornata, Ozia, il capo della piccola città, celebra come in una festa, un banchetto. È singolare che in un momento difficile come quello che la città sta vivendo, si offra un banchetto. In verità, quando si ha fede nel Signore è possibile fare festa anche se i momenti sono difficili. La fede infatti rafforza la speranza: il credente sa che il Signore interverrà sempre in favore del suo popolo e quindi non ha da temere. Israele sa bene però che la condizione per non soccombere al nemico è riconoscere la propria debolezza e confidare solo nel Signore. La concentrazione su se stessi, sul proprio "io" – non importa se di se stessi o della comunità - deve lasciare spazio al Signore. Mai il credente, o la comunità, debbono sostituirsi a Dio. E dobbiamo stare attenti perché anche le virtù possono diventare un ostacolo quando diventano motivo di orgoglio e di differenziazione dagli altri. L’unica sicurezza del credente è il Signore. Quanto più alziamo lo sguardo da noi stessi per dirigerlo verso il Signore, tanto più lo troviamo attento a difendere la nostra causa. I giudei lo riconoscono nella preghiera che immediatamente rivolgono al Signore: "Signore, Dio del cielo, guarda la loro superbia, abbi pietà dell’umiliazione della nostra stirpe e guarda benigno in questo giorno il volto di coloro che sono consacrati a te". Il Signore soccorre coloro che in Lui si rifugiano, cantano spesso i salmi. E l’apostolo Paolo dirà: "Quello che è nulla, Dio lo ha scelto per ridurre al nulla le cose che sono" (1 Cor 1,28).


16/07/2010
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
23
lunedì 23 ottobre
Preghiera per i poveri
OTT
24
martedì 24 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
25
mercoledì 25 ottobre
Preghiera con i Santi
OTT
26
giovedì 26 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
27
venerdì 27 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
28
sabato 28 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
29
domenica 29 ottobre
Liturgia della domenica