Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e pace in terra agli uomini che egli ama

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 4,12-17.23-25

Avendo intanto saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali, perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:

Il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali,
sulla via del mare, al di là del Giordano,
Galilea delle genti;
il popolo immerso nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte
una luce si è levata.

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: "Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino".

Gesù andava attorno per tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo. La sua fama si sparse per tutta la Siria e così condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva. E grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’arresto di Giovanni Battista rappresentava una grande sconfitta. Scompariva l’unico grande amico, l’unico grande profeta vicino a Gesù. L’elogio che Gesù farà del Battista al momento della morte rivela quanto egli amasse questo predicatore. Ma ora il profeta, il maestro di giustizia e di onestà, era finito nel carcere di Erode. Questo carcere suonava come sinistro avvertimento per chiunque avesse voluto percorrere la stessa strada. Gesù lo comprende benissimo. Con il Battista in prigione Gesù è più solo. È una solitudine profonda. “Si ritirò nella Galilea”, nella zona periferica del nord, terra di povera gente per lo più maltrattata. Non tornò a Nazareth, magari con la tentazione di starsene tranquillo nelle abitudini di sempre. Scelse Cafarnao, il capoluogo della regione nord-ovest del lago, tra Magdala e Betania, e cominciò a predicare riprendendo quasi alla lettera la testimonianza di Giovanni: “Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino”. In quella regione era giunta finalmente la luce, che già Isaia aveva previsto. La luce venne laggiù, sulle rive del mare di Galilea, tra i deboli e i poveri. All’inizio di questo nuovo millennio c’è bisogno che i discepoli di Gesù vadano nelle tante Galilee di questo mondo per annunciare nuovamente il Vangelo del regno dell’amore e della pace a partire dai poveri. Gesù, pur residente a Cafarnao, inizia a camminare con la piccola comunità dei discepoli per le strade della Galilea. La prima cosa che fa, la prima opera è la predicazione. Ogni discepolo, ogni comunità cristiana deve anzitutto comunicare il Vangelo, ovunque. Ogni generazione cristiana dovrebbe dire con Geremia: “La tua parola fu la gioia e la letizia del mio cuore” (Ger 15,16). Gesù, con la generosità senza limiti dell’amore di Dio, semina la Parola nei cuori di coloro che incontra perché essa cresca e porti frutti di amore, di misericordia e di pace. Matteo, notando che Gesù predica la buona novella del Regno nelle sinagoghe, lo inserisce nel solco della tradizione religiosa ebraica. Gesù vive della ricchezza della preghiera e della riflessione sulle Sante Scritture, ma nello stesso tempo predica la venuta del regno di Dio e conferma la verità della sua predicazione attraverso le guarigioni. Il regno di Dio inizia a muovere i suoi primi passi con la forza della predicazione che sconfigge il potere del male. Molti malati, sia nello spirito che nel corpo, vengono guariti: è la festa del regno che Gesù realizza ovunque passa.


07/01/2011
Preghiera del tempo di Natale


Calendario della settimana
OTT
15
domenica 15 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
16
lunedì 16 ottobre
Preghiera per la pace
OTT
17
martedì 17 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
18
mercoledì 18 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
19
giovedì 19 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
20
venerdì 20 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
21
sabato 21 ottobre
Vigilia del giorno del Signore
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica