Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Ricordo di Gigi, bambino di Napoli, morto violentemente. Con lui ricordiamo tutti i bambini che soffrono o che sono morti per la violenza degli uomini. Preghiera per i bambini.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal Cantico dei Cantici 7,1-9

"Volgiti, volgiti, Sulammita,
volgiti, volgiti: vogliamo ammirarti".
"Che ammirate nella Sulammita
durante la danza a due schiere?".

"Come son belli i tuoi piedi
nei sandali, figlia di principe!
Le curve dei tuoi fianchi sono come monili,
opera di mani d'artista.
Il tuo ombelico è una coppa rotonda
che non manca mai di vino drogato.
Il tuo ventre è un mucchio di grano,
circondato da gigli.
I tuoi seni come due cerbiatti,
gemelli di gazzella.
Il tuo collo come una torre d'avorio;
i tuoi occhi sono come i laghetti di Chesbòn,
presso la porta di Bat-Rabbìm;
il tuo naso come la torre del Libano
che fa la guardia verso Damasco.
Il tuo capo si erge su di te come il Carmelo
e la chioma del tuo capo è come la porpora;
un re è stato preso dalle tue trecce".
Quanto sei bella e quanto sei graziosa,
o amore, figlia di delizie!
La tua statura rassomiglia a una palma
e i tuoi seni ai grappoli.
Ho detto: "Salirò sulla palma,
coglierò i grappoli di datteri;
mi siano i tuoi seni come grappoli d'uva
e il profumo del tuo respiro come di pomi".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Un coro implora l’amata a voltarsi: “voltati, voltati: vogliamo ammirarti”. È un invito caldo alla “più bella tra le donne” (6,1) perché si faccia contemplare. È chiamata Sulammita, nome simbolico derivato da “Shalom” come il nuovo “Salomone”, il nome dell’amato. Salomone, lo sposo, e Sulammita (“la pacificata”) sono legati dalla “pace” o, se si vuole, hanno iscritta nel loro nome la vocazione alla pace. Sempre la pace è legata all’incontro, al dialogo, alla festa. Ed è singolare che la Sulammita inizi una danza particolarmente festosa, chiamata dei “due campi”, segno di pienezza e di gioia. L’amato la contempla danzare e ne declama le lodi attraverso la bellezza delle parti del corpo. A differenza della precedente descrizione della bellezza dell’amata che partiva dalla testa, questa volta il canto di parte dai piedi: “Come sono belli i tuoi piedi, nei sandali, figlia di principe!”. Vengono in mente le lodi dei piedi dell’annunciatore di pace nel testo di Isaia: “Come sono belli i piedi del messaggero che annuncia la pace!” (52,7). L’amato canta poi con passione e senza complessi altre nove parti del corpo della donna, tutte accompagnate da comparazioni di cui alcune facilmente comprensibili per il carattere artistico e altre che rimandano a elementi geografici della terra promessa ben noti al lettore ebreo. Gli occhi sono comparati a due specchi d’acqua presso la città di Chesbon, il naso alla torre del Libano sulla via verso Damasco e il capo al monte Carmelo. L’intero corpo dell’amata evoca una palma, snella e slanciata, mentre per l’ebbrezza del bacio si ricorre alla vite, al vino e agli aromi. Tutte e dieci le parti del corpo ricevono una lode particolare. È lo sguardo con cui l’amato contempla di stupore il corpo della sua amata. Possiamo dire che è lo sguardo con cui il Signore contempla la sua Chiesa. E viene in mente l’immagine del corpo che l’apostolo Paolo usa per descrivere la Chiesa nella sua unità e nella sua molteplicità. Uno solo è il corpo e molte sono le membra. Ed è importante l’unicità del corpo dell’amata (scrive il Cantico: “La tua statura è slanciata come una palma”) ed anche la molteplicità delle sue membra (i fianchi torniti, l’ombelico, il ventre, i seni, il collo, gli occhi, il naso, la capigliatura). Come non pensare al “corpo di Cristo” che è la Chiesa di cui parla l’apostolo per descrivere la molteplicità dei carismi che la compongono? Essi sono molteplici e tutti importanti, ognuno di essi ha il suo compito da svolgere con la forza dello stesso Spirito che lo ha donato alla Chiesa. E tutti comunque sono chiamati a formare l’unità dell’unico Corpo. Anche noi siamo chiamati ad alzare lo sguardo da noi stessi e a contemplare la Chiesa in tutta la sua ricchezza, in tutta la sua varietà. E a gioirne assieme al Signore. E anche noi - come canta la sposa al versetto 11 - diremo: “Io sono del mio amato e il suo desiderio è verso di me”. Se riusciamo a cantare così anche ameremo il Signore come Lui stesso ci ama.


15/12/2011
Preghiera per la pace


Calendario della settimana
OTT
15
domenica 15 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
16
lunedì 16 ottobre
Preghiera per la pace
OTT
17
martedì 17 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
18
mercoledì 18 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
19
giovedì 19 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
20
venerdì 20 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
21
sabato 21 ottobre
Vigilia del giorno del Signore
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica