Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dalla prima lettera di Paolo ai Corinzi 3,10-23

Secondo la grazia di Dio che mi è stata data, come un sapiente architetto io ho posto il fondamento; un altro poi vi costruisce sopra. Ma ciascuno stia attento come costruisce. Infatti nessuno può porre un fondamento diverso da quello che gia vi si trova, che è Gesù Cristo. E se, sopra questo fondamento, si costruisce con oro, argento, pietre preziose, legno, fieno, paglia, l'opera di ciascuno sarà ben visibile: la farà conoscere quel giorno che si manifesterà col fuoco, e il fuoco proverà la qualità dell'opera di ciascuno. Se l'opera che uno costruì sul fondamento resisterà, costui ne riceverà una ricompensa; ma se l'opera finirà bruciata, sarà punito: tuttavia egli si salverà, però come attraverso il fuoco. Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui. Perché santo è il tempio di Dio, che siete voi.

Nessuno si illuda. Se qualcuno tra voi si crede un sapiente in questo mondo, si faccia stolto per diventare sapiente; perché la sapienza di questo mondo è stoltezza davanti a Dio. Sta scritto infatti:

Egli prende i sapienti per mezzo della loro astuzia.

E ancora:

Il Signore sa che i disegni dei sapienti sono vani.

Quindi nessuno ponga la sua gloria negli uomini, perché tutto è vostro: Paolo, Apollo, Cefa, il mondo, la vita, la morte, il presente, il futuro: tutto è vostro! Ma voi siete di Cristo e Cristo è di Dio.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Paolo ricorda ai Corinzi l’unicità e l’irripetibilità del fondamento apostolico sul quale la comunità è stata edificata: Gesù Cristo. Paolo, uomo di estrazione cittadina e non contadina, usa l’immagine della costruzione della casa che richiama direttamente quella utilizzata da Gesù al termine del discorso della montagna. È la casa fondata sulla roccia della Parola di Dio che resiste ai venti, alla pioggia e agli straripamenti dei fiumi. Su tale fondamento ciascuno edifica la propria vita, quella personale e quella comunitaria. Il materiale può differire. È a dire che tanti sono i modi per la crescita, tanti sono – ad esempio – i metodi pastorali, ma solo se si costruisce l’uomo interiore, solo se si edifica una comunità evangelica, si potrà resistere al fuoco della storia e non bruciare subito come paglia. E comunque non si tratta di una costruzione qualsiasi, ma del “tempio di Dio”. Questo edificio va costruito secondo la vera sapienza, quella del Vangelo, che il mondo non conosce e che in ogni caso non cessa di ostacolare e di combattere. Ed è facile che anche i discepoli si lascino attrarre dalla mentalità del mondo che in verità è succube di tanti idoli illusori e falsi. Paolo avverte i Corinzi: “Nessuno inganni se stesso!”. A tutti è chiesto un atteggiamento umile e responsabile. Ma l’umiltà non è mettersi da parte e coltivare la propria pigrizia. Al contrario, è vantarsi non di sé ma solo del Signore. Non è accaparrarsi la propria parte, ma sentirsi responsabili dell’intero corpo di Cristo, dell’intera comunità. Tutto infatti appartiene al discepolo perché egli è di Cristo.


20/02/2013
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
OTT
15
domenica 15 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
16
lunedì 16 ottobre
Preghiera per la pace
OTT
17
martedì 17 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
18
mercoledì 18 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
19
giovedì 19 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
20
venerdì 20 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
21
sabato 21 ottobre
Vigilia del giorno del Signore
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica