Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Geremia 34,1-22

Parola che fu rivolta a Geremia dal Signore, quando Nabucodònosor re di Babilonia con tutto il suo esercito e tutti i regni della terra sotto il suo dominio e tutti i popoli combattevano contro Gerusalemme e tutte le città dipendenti: Così dice il Signore, Dio di Israele: "Và a parlare a Sedecìa re di Giuda e digli: Così parla il Signore: Ecco io do questa città in mano al re di Babilonia, che la darà alle fiamme. Tu non scamperai dalla sua mano, ma sarai preso e consegnato in suo potere. I tuoi occhi fisseranno gli occhi del re di Babilonia, gli parlerai faccia a faccia e poi andrai a Babilonia. Tuttavia, ascolta la parola del Signore, o Sedecìa re di Giuda! Così dice il Signore a tuo riguardo: Non morirai di spada! Morirai in pace e come si bruciarono aròmi per i funerali dei tuoi padri, gli antichi re di Giuda che furono prima di te, così si bruceranno per te e per te si farà il lamento dicendo: Ahimè, Signore! Questo ho detto". Oracolo del Signore.

Il profeta Geremia riferì a Sedecìa re di Giuda tutte queste parole in Gerusalemme. Frattanto l'esercito del re di Babilonia muoveva guerra a Gerusalemme e a tutte le città di Giuda che ancora rimanevano, Lachis e Azekà, poiché solo queste fortezze erano rimaste fra le città di Giuda.

Questa parola fu rivolta a Geremia dal Signore, dopo che il re Sedecìa ebbe concluso un'alleanza con tutto il popolo che si trovava a Gerusalemme, di proclamare la libertà degli schiavi, rimandando liberi ognuno il suo schiavo ebreo e la sua schiava ebrea, così che nessuno costringesse più alla schiavitù un Giudeo suo fratello.

Tutti i capi e tutto il popolo, che avevano aderito all'alleanza, acconsentirono a rimandare liberi ognuno il proprio schiavo e ognuno la propria schiava, così da non costringerli più alla schiavitù: acconsentirono dunque e li rimandarono effettivamente; ma dopo si pentirono e ripresero gli schiavi e le schiave che avevano rimandati liberi e li ridussero di nuovo schiavi e schiave.

Allora questa parola del Signore fu rivolta a Geremia: "Così dice il Signore, Dio di Israele: Io ho concluso un'alleanza con i vostri padri, quando li ho fatti uscire dal paese d'Egitto, da una condizione servile, dicendo: Al compiersi di sette anni rimanderà ognuno il suo fratello ebreo che si sarà venduto a te; egli ti servirà sei anni, quindi lo rimanderai libero disimpegnato da te; ma i vostri padri non mi ascoltarono e non prestarono orecchio. Ora voi oggi vi eravate ravveduti e avevate fatto ciò che è retto ai miei occhi, proclamando ciascuno la libertà del suo fratello; voi avevate concluso un patto davanti a me, nel tempio in cui è invocato il mio nome. Ma poi, avete mutato di nuovo parere e profanando il mio nome avete ripreso ognuno gli schiavi e le schiave, che avevate rimandati liberi secondo il loro desiderio, e li avete costretti a essere ancora vostri schiavi e vostre schiave. Perciò dice il Signore: Voi non avete dato ascolto al mio ordine che ognuno proclamasse la libertà del proprio fratello e del proprio prossimo: ora, ecco, io affiderò la vostra liberazione - parola del Signore - alla spada, alla peste e alla fame e vi farò oggetto di terrore per tutti i regni della terra. Gli uomini che hanno trasgredito la mia alleanza, perché non hanno eseguito i termini dell'alleanza che avevano conclusa in mia presenza, io li renderò come il vitello che spaccarono in due passando fra le sue metà. I capi di Giuda, i capi di Gerusalemme, gli eunuchi, i sacerdoti e tutto il popolo del paese, che passarono attraverso le due metà del vitello, li darò in mano ai loro nemici e a coloro che attentano alla loro vita; i loro cadaveri saranno pasto agli uccelli dell'aria e alle bestie selvatiche. Darò Sedecìa re di Giuda e i suoi capi in mano ai loro nemici, in mano a coloro che attentano alla loro vita e in mano all'esercito del re di Babilonia, che ora si è allontanato da voi. Ecco, io darò un ordine - dice il Signore - e li farò tornare verso questa città, la assedieranno, la prenderanno e la daranno alle fiamme e le città di Giuda le renderò desolate, senza abitanti".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La vicenda degli schiavi liberati e poi obbligati a ritornare alla schiavitù mostra quanto è persistente l’ingiustizia. Neppure nei momenti ultimi dell’assedio di Gerusalemme coloro che hanno spesso calpestato i diritti di Dio e del loro prossimo vogliono cambiare. I benestanti si tirano indietro malgrado il comando divino e il decreto del re. Sedecìa, il re, aveva ordinato che tutti gli schiavi ebrei fossero liberati d’accordo con la legge del Signore: “Alla fine di ogni sette anni ognuno lascerà andare il proprio fratello ebreo che si sarà venduto a te” (v. 14, rinviando a Es 21,2). Questa decisione, quasi mai applicata, è proposta come segno di obbedienza alla Parola del Signore. Non è giusto che una persona priva di mezzi economici abbia dovuto vendersi come schiavo al fratello suo creditore. Non è giusto che un povero debba “vendere” la sua dignità per ottenere aiuto. La libertà, cioè, la capacità di diventare amico dell’altro è segno di umanità condivisa. Quelli di Gerusalemme avevano pure concluso un patto davanti a Dio, proprio nel tempio, avendo il Signore come testimone. Così la loro parola era diventata sacra, quindi sicura e ferma. Ma la forza dell’avarizia è grande, e quei padroni degli schiavi mutarono di parere. Gli schiavi e le schiave dovettero ritornare dai loro padroni, poiché essi rimossero la decisione precedente. La potenza del male è grande tra gli uomini: la giustizia, anche quella codificata dal re, è stata beffata, il nome del Signore è stato profanato e la sua Parola è finita nel disprezzo. In un mondo succube del denaro, l’avarizia porta anche a dimenticare la dignità di tanti uomini e donne che diventano preda dell’interesse dei più forti. Per questo il Signore Gesù avverte: “Non potete servire Dio e il denaro” (Mt 6,24). La vera libertà è allontanarsi dalla schiavitù del denaro e disporsi al servizio di Dio e dell’umanità.


19/09/2013
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
23
lunedì 23 ottobre
Preghiera per i poveri
OTT
24
martedì 24 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
25
mercoledì 25 ottobre
Preghiera con i Santi
OTT
26
giovedì 26 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
27
venerdì 27 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
28
sabato 28 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
29
domenica 29 ottobre
Liturgia della domenica