Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria degli apostoli Simone di Cana, detto lo zelota, e Giuda soprannominato Taddeo.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se moriamo con lui, vivremo con lui
se perseveriamo con lui, con lui regneremo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 6,12-16

In quei giorni Gesù se ne andò sulla montagna a pregare e passò la notte in orazione. Quando fu giorno, chiamò a sé i suoi discepoli e ne scelse dodici, ai quali diede il nome di apostoli: Simone, che chiamò anche Pietro, Andrea suo fratello, Giacomo, Giovanni, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Tommaso, Giacomo d'Alfeo, Simone soprannominato Zelota, Giuda di Giacomo e Giuda Iscariota, che fu il traditore.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se moriamo con lui, vivremo con lui
se perseveriamo con lui, con lui regneremo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Oggi la Chiesa ricorda gli apostoli Simone e Giuda. Simone è soprannominato lo “zelota”, forse perché apparteneva al gruppo antiromano degli zelanti che praticavano anche la violenza. La tradizione vuole che abbia predicato il Vangelo in Samaria, in Mesopotamia e sia morto in Persia. Giuda, detto anche Taddeo che significa “magnanimo”, è l’apostolo che nell’ultima cena chiese a Gesù che si manifestasse solo ai discepoli e non al mondo. Il suo nome appare all’ultimo posto nelle liste degli apostoli. La tradizione lo indica come autore della lettera omonima indirizzata ai convertiti dall’ebraismo. Non si conosce quasi nulla della loro vita. Ma non per questo sono meno importanti degli altri. Nella Chiesa non conta la notorietà, ma la comunione con il Signore e con i fratelli. Spesso purtroppo accade nella comunità quel che accadeva anche tra gli apostoli, ossia discutere su chi sia il primo. Nella Chiesa l’unico primato che si deve ricercare è quello dell’amore e quindi del servizio generoso. Gesù ha chiamato per nome anche loro, come a sottolineare che il suo amore è ciò che conferisce la dignità ai discepoli. Ed è dall’amore che Gesù mostra per noi che ha origine anche quello che deve regnare tra i discepoli, quell’amore fraterno che è la ragione per cui gli altri crederanno nel Signore. Il nome, nella mentalità biblica, non è solo un utile mezzo per chiamarci, è molto di più: significa la storia, il cuore, la vita di ciascuno. Accade che nella chiamata del Signore avviene anche il cambio del nome, ossia la trasformazione del cuore e la consegna di una nuova vocazione. Ad esempio, Simone divenne Pietro, ossia roccia, fondamento. Ricevere il nome significa anzitutto essere amati da Dio e poi ricevere da Lui un nuovo impegno. La conoscenza per nome è uno dei tesori più preziosi della vita. Anche di quella semplicemente umana. Il Signore la esalta ancor più: conoscerci e chiamarci per nome è il segno di un amore che ha il sigillo di Dio.


28/10/2013
Memoria degli apostoli


Calendario della settimana
GIU
18
domenica 18 giugno
Festa del Corpo e Sangue di Cristo
GIU
19
lunedì 19 giugno
Preghiera per la pace
GIU
20
martedì 20 giugno
Preghiera con Maria, madre del Signore
GIU
21
mercoledì 21 giugno
Preghiera con i Santi
GIU
22
giovedì 22 giugno
Preghiera per la Chiesa
GIU
23
venerdì 23 giugno
Preghiera della Santa Croce
GIU
24
sabato 24 giugno
Vigilia del giorno del Signore
GIU
25
domenica 25 giugno
Liturgia della domenica