Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e pace in terra agli uomini che egli ama

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 1,29-34

Il giorno dopo, Giovanni vedendo Gesù venire verso di lui disse: "Ecco l'agnello di Dio, ecco colui che toglie il peccato del mondo! Ecco colui del quale io dissi: Dopo di me viene un uomo che mi è passato avanti, perché era prima di me. Io non lo conoscevo, ma sono venuto a battezzare con acqua perché egli fosse fatto conoscere a Israele". Giovanni rese testimonianza dicendo: "Ho visto lo Spirito scendere come una colomba dal cielo e posarsi su di lui. Io non lo conoscevo, ma chi mi ha inviato a battezzare con acqua mi aveva detto: L'uomo sul quale vedrai scendere e rimanere lo Spirito è colui che battezza in Spirito Santo. E io ho visto e ho reso testimonianza che questi è il Figlio di Dio".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Vangelo continua ad accompagnare i nostri passi sulla scia di quelli di Gesù. Egli ormai non è più un bambino. La pagina di Giovanni lo presenta all’inizio dell’azione pastorale pubblica, al momento del battesimo. Il Battista è sulle rive del Giordano ove predica un battesimo di penitenza. Ad un certo momento – “il giorno dopo” precisa l’evangelista, come a voler sottolineare la novità di quel che sta accadendo – il Battista vede venire Gesù verso di lui. E sente il suo cuore come sobbalzare. Lo riconosce: è il Messia. Anche senza averlo conosciuto prima – sebbene gli stesse preparando la strada con la sua parola e con il battesimo di penitenza – intuisce chi gli è di fronte. Aveva sperato di incontrarlo. E il momento era finalmente arrivato. Fu così anche per il vecchio Simeone. In verità – e in questo passaggio del Vangelo appare in maniera ancora più chiara – è Gesù che va incontro al Battista, come del resto viene incontro a ciascuno di noi. Giovanni dichiara con sincerità alla folla: “Io non lo conoscevo”. L’affermazione potrebbe sembrare poco credibile, visto che sono presentati dai Vangeli come parenti e coetanei. In ogni caso, Giovanni non conosceva il vero volto di Gesù: quello del Messia, il salvatore. Ora, dopo aver compiuto il suo cammino interiore con la pratica della penitenza e dell’ascolto, lo riconosce e gli rende testimonianza: “Ecco l’agnello di Dio”. Quel che il Battista sta vivendo in quel momento è anche l’esperienza religiosa di ogni discepolo di Gesù. C’è un momento nella vita di ciascuno, povero o grande che sia, in cui quel Signore che non si conosceva viene conosciuto e amato. Questo momento, nel quale si aprono gli occhi, è però il risultato di un cammino interiore fatto da una parte di lotta contro il proprio orgoglio e la propria autosufficienza e dall’altra di ascolto della Scrittura, di preghiera comunitaria e personale, di pratica dell’amore verso i poveri e dell’aiuto di un fratello o di una sorella che autorevolmente ci testimoniano la paternità del Signore. Chi persevera su questa via, cercando il Signore, giungerà al momento nel quale gli occhi del cuore si apriranno e riconoscerà Gesù come il Signore della sua vita. E anch’egli, come il Battista, gli renderà testimonianza davanti agli uomini.


03/01/2014
Preghiera del tempo di Natale


Calendario della settimana
GIU
18
domenica 18 giugno
Festa del Corpo e Sangue di Cristo
GIU
19
lunedì 19 giugno
Preghiera per la pace
GIU
20
martedì 20 giugno
Preghiera con Maria, madre del Signore
GIU
21
mercoledì 21 giugno
Preghiera con i Santi
GIU
22
giovedì 22 giugno
Preghiera per la Chiesa
GIU
23
venerdì 23 giugno
Preghiera della Santa Croce
GIU
24
sabato 24 giugno
Vigilia del giorno del Signore
GIU
25
domenica 25 giugno
Liturgia della domenica