Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 16,16-20

Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete". Allora alcuni dei suoi discepoli dissero tra loro: "Che cos'è questo che ci dice: "Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete", e: "Io me ne vado al Padre"?". Dicevano perciò: "Che cos'è questo "un poco", di cui parla? Non comprendiamo quello che vuol dire".
Gesù capì che volevano interrogarlo e disse loro: "State indagando tra voi perché ho detto: "Un poco e non mi vedrete; un poco ancora e mi vedrete"? In verità, in verità io vi dico: voi piangerete e gemerete, ma il mondo si rallegrerà. Voi sarete nella tristezza, ma la vostra tristezza si cambierà in gioia.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gesù continua a parlare ai discepoli e annuncia loro la sua imminente partenza e il suo prossimo ritorno. Precedentemente aveva detto loro che sarebbe andato al Padre e che avrebbe inviato loro il Paraclito. Ora li solleva dalla tristezza promettendo loro che la sua assenza sarà breve e che presto lo rivedranno: “Un poco e non mi vedrete più; un poco ancora e mi vedrete”. I discepoli sono un po’ disorientati da queste parole, ma Gesù, in realtà, vuole indicare loro la sua morte e resurrezione. È questo il senso della sua lontananza che si trasformerà presto in una vicinanza ben più profonda di quella fisica che fino ad allora stanno vivendo. Gesù sta parlando della sua morte e resurrezione, ma prima che i discepoli siano sopraffatti dalla delusione e dallo sconforto vuole spiegare loro che quello strappo doloroso, rappresentato dalla sua partenza dalla terra per tornare al Padre, non è in realtà una separazione. Dopo la sua morte verrà la resurrezione. È la vittoria della vita sulla morte. Tale vittoria permette di vincere ogni lontananza. Quel che conta per i discepoli, di allora e di oggi, è continuare a cercare Gesù e desiderare di stargli vicino. Gli apostoli sembrano sconcertati da queste parole paradossali: come può la lontananza fisica divenire vicinanza ancor più stretta? Gesù non lascia senza risposta quello sconcerto. E dice loro che il dolore e la tristezza per la sua partenza, diventerà preghiera di invocazione capace di far mutare la tristezza della lontananza nella gioia di una vicinanza ritrovata. In effetti, dopo l’ascensione di Gesù al Padre, ogni uomo e ogni donna, in ogni angolo della terra, possono avere il Signore accanto a sé e invocarlo con la preghiera: il Signore parlerà al loro cuore attraverso la sua Parola, l’Eucaristia e l’amore della comunità.


29/05/2014
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GIU
25
domenica 25 giugno
Liturgia della domenica
GIU
26
lunedì 26 giugno
Preghiera per i poveri
GIU
27
martedì 27 giugno
Preghiera con Maria, madre del Signore
GIU
28
mercoledì 28 giugno
Preghiera con i Santi
GIU
29
giovedì 29 giugno
Preghiera degli Apostoli
GIU
30
venerdì 30 giugno
Preghiera della Santa Croce
LUG
1
sabato 1 luglio
Vigilia del giorno del Signore
LUG
2
domenica 2 luglio
Liturgia della domenica