Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 7,21-29

Non chiunque mi dice: "Signore, Signore", entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. In quel giorno molti mi diranno: "Signore, Signore, non abbiamo forse profetato nel tuo nome? E nel tuo nome non abbiamo forse scacciato demòni? E nel tuo nome non abbiamo forse compiuto molti prodigi?". Ma allora io dichiarerò loro: "Non vi ho mai conosciuti. Allontanatevi da me, voi che operate l'iniquità!".
Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ma essa non cadde, perché era fondata sulla roccia. Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, sarà simile a un uomo stolto, che ha costruito la sua casa sulla sabbia. Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde e la sua rovina fu grande".
Quando Gesù ebbe terminato questi discorsi, le folle erano stupite del suo insegnamento: egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità, e non come i loro scribi.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Queste parole chiudono il discorso della montagna, il primo grande discorso di Gesù nel Vangelo di Matteo. All’inizio incontriamo una parola forte: sarà degno del Regno solo chi “fa la volontà del Padre” e non colui che avrà solo invocato il nome del Signore. Giovanni Crisostomo, stigmatizzando la passività con cui i cristiani del suo tempo partecipavano alla Liturgia della domenica, perché non ne traevano alcun cambiamento nella loro vita concreta, diceva: “Credete forse che il fervore spirituale consista nel semplice fatto di venire continuamente alla Celebrazione della Divina Liturgia? Questo non conta nulla, se non ne ricaviamo qualche frutto: se non raccogliamo nulla, è meglio rimanere a casa!”. E, per paradosso, aggiungeva: “La chiesa è una tintoria: se ve ne andate sempre senza aver ricevuto la benché minima tintura, a che vi serve venire qui continuamente?”. La fede comporta inevitabilmente il cambiamento del cuore e dei comportamenti. E cosa vuol dire compiere la volontà del Padre è più volte chiarito dal Vangelo, come quando Gesù afferma: “E questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nulla di quanto egli mi ha dato, ma che io lo risusciti nell’ultimo giorno” (Gv 6,39). La volontà del Padre è la salvezza di tutti. Gesù è venuto per questo e noi siamo chiamati a compiere, con lui, questo sogno. Per questo il confronto tra la nostra vita e questo sogno, che è mostrato a chiare lettere nel Vangelo, è decisivo. Per i discepoli si tratta di mettere in pratica quanto è scritto nel Vangelo, come Gesù stesso dice: “Chi ascolta queste mie parole e le mette in pratica, può essere paragonato a un uomo saggio che costruì la sua casa sulla roccia”, mentre “chi non le mette in pratica, può essere paragonato a un uomo stolto che costruì la sua casa sulla sabbia”. L’esempio continua: venne la pioggia, i fiumi strariparono, soffiarono i venti e si abbatterono su quelle due case; sono le tempeste della vita che tutti sperimentiamo. Ebbene, la prima casa, fondata sulla pietra, restò salda; l’altra, fondata sulla sabbia, crollò. Sono due immagini efficaci con le quali Gesù paragona gli ascoltatori del Vangelo a dei costruttori. Non si ascolta il Vangelo per una esercitazione letteraria e neppure per qualche buon sentimento. È una parola donataci per costruire la vita su una base solida e stabile. Per questo Gesù invita ad ascoltarla e soprattutto a metterla in pratica. Ogni giorno pertanto il discepolo deve nutrirsi di questa parola per fondare la propria vita non su se stesso, sulla propria arroganza o sulle proprie convinzioni (che sono come la sabbia, inconsistenti e mutevoli), ma su quel sogno di Dio che Gesù ha già iniziato a realizzare. Questo sogno, quindi la parola evangelica, è il fondamento su cui costruire la nostra vita. È la parola stessa di Dio che ha la stessa autorità del Padre. Gesù, infatti, non insegnava come gli altri scribi, ma con autorità. Quella del Padre che sta nei cieli.


26/06/2014
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
MAR
19
domenica 19 marzo
Liturgia della domenica
MAR
20
lunedì 20 marzo
Preghiera per la pace
MAR
21
martedì 21 marzo
Preghiera con Maria, madre del Signore
MAR
22
mercoledì 22 marzo
Preghiera con i Santi
MAR
23
giovedì 23 marzo
Preghiera per la Chiesa
MAR
24
venerdì 24 marzo
Preghiera della Santa Croce
MAR
25
sabato 25 marzo
Vigilia del giorno del Signore
MAR
26
domenica 26 marzo
Liturgia della domenica