Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di Marta. Accolse il Signore Gesù nella sua casa.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 10,38-42

Mentre erano in cammino, entrò in un villaggio e una donna, di nome Marta, lo ospitò. Ella aveva una sorella, di nome Maria, la quale, seduta ai piedi del Signore, ascoltava la sua parola. Marta invece era distolta per i molti servizi. Allora si fece avanti e disse: "Signore, non t'importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille dunque che mi aiuti". Ma il Signore le rispose: "Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c'è bisogno. Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta".


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Oggi la Chiesa fa memoria di Marta, la sorella di Maria e di Lazzaro. Con questa memoria comprendiamo la forza del Vangelo che porta al cambiamento del cuore e della vita. Marta, infatti, dopo aver accolto Gesù in casa si lascia poi “assorbire dal suo servizio”, da quel che lei reputa sia la cosa davvero importante. Questo “servizio”, questa sua convinzione, la rende così affannata che neppure si rende conto della presenza del Maestro. Tale concentrazione sulle sue convinzioni non solo la tiene lontana dall’ascolto di Gesù, ma addirittura la spinge a rimproverarlo perché si disinteressa di quello che lei stava facendo. Insomma, voleva che l’ospite ponesse attenzione a lei e non viceversa, mostrando così quale fosse davvero il centro delle preoccupazioni: non Gesù ma se stessa. In fondo ha un atteggiamento da serva, rivendicativa come chi non sente considerato il proprio ruolo, in fondo banalmente protagonista, che non vuole che Maria sia, invece, amica. Pensa probabilmente che sia sbagliato non fare niente per l’ospite, che Gesù sia come gli uomini del mondo che impongono se stessi e voglia essere servito. Davvero si stava agitando troppo, anche se la sua intenzione era diretta a fare buona accoglienza. In verità, stava perdendo l’essenziale. Ogni volta che ci concentriamo su noi stessi e sui nostri affari fuggiamo dall’ascolto del Signore (quante volte il nostro fare non ci fa trovare neppure il tempo di ascoltare o di leggere la Parola di Dio!) e non comprendiamo più il senso del nostro agire e del nostro vivere. Insomma, perdiamo le priorità: tutto è importante e nulla lo è. La parte migliore è quella che nessuno può togliere: il legame con lui. Maria, invece, che ha compreso quel che più conta nella vita, si è messa davanti al Maestro e, attenta, ascolta le sue parole. È dall’ascolto del Vangelo che deve scaturire l’intera nostra vita, il nostro pensare e il nostro operare. Marta apprese poi la lezione impartitale da Gesù e, continuando ad accoglierlo in casa, le aprì anche il cuore. Quando Gesù si avvicinò per visitare la tomba di Lazzaro, ormai morto, fu lei ad accorgersi per prima del Maestro e a corrergli incontro. Aveva appreso a correre verso quel Maestro che amava lei, sua sorella e Lazzaro, come nessun altro. Oggi chiede anche a noi di non lasciarci coprire dai nostri affanni, ma di uscire di casa e correre verso quel Maestro che può salvarci dalla morte.


29/07/2014
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
MAR
26
domenica 26 marzo
Liturgia della domenica
MAR
27
lunedì 27 marzo
Preghiera per i poveri
MAR
28
martedì 28 marzo
Preghiera con Maria, madre del Signore
MAR
29
mercoledì 29 marzo
Preghiera con i Santi
MAR
30
giovedì 30 marzo
Preghiera per la Chiesa
MAR
31
venerdì 31 marzo
Preghiera della Santa Croce
APR
1
sabato 1 aprile
Vigilia del giorno del Signore
APR
2
domenica 2 aprile
Liturgia della domenica