Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del Siracide 17,24-29

Ma a chi si pente egli offre il ritorno,
conforta quelli che hanno perduto la speranza.

Ritorna al Signore e abbandona il peccato,
prega davanti a lui e riduci gli ostacoli.
Volgiti all'Altissimo e allontanati dall'ingiustizia;
egli infatti ti condurrà dalle tenebre alla luce della salvezza.
Devi odiare fortemente ciò che lui detesta.
Negl'inferi infatti chi loderà l'Altissimo,
al posto dei viventi e di quanti gli rendono lode?
Da un morto, che non è più, non ci può essere lode,
chi è vivo e sano loda il Signore.
Quanto è grande la misericordia del Signore,
il suo perdono per quanti si convertono a lui!

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La domanda sull'uomo, chi sia, quale sia la sua missione sulla terra, percorre tutta la Scrittura. Nel nostro mondo l'uomo viene inteso come una persona autonoma, con una capacità di decisione e di azione, di scelta e di progetto. Ed è vero: Dio ha creato l'uomo dandogli libertà. Ma questa libertà diventa tanto spesso assoluta, ossia sciolta da qualsiasi vincolo, da qualsiasi relazione. E ciascuno pensa di imporla senza misura e senza repliche, fondata in sé stessa, sino al punto che facilmente porta all'affermazione di sé, del proprio io senza limite alcuno. E si instaura una sorta di "egolatria", di culto del proprio io a cui tutto si scarifica. Ma il sogno di Dio per ognuno di noi non passa per l'affermazione della propria forza ma per la consapevolezza delle proprie debolezze e la necessità che queste diventino occasioni per un amore forte e bello. Conoscere e riconoscere il proprio peccato non significa un fallimento della propria umanità, bensì la scoperta del luogo preciso dove siamo, e delle grandi possibilità che si aprono dinanzi a noi. Nel libro del Siracide l'uomo è concepito come colui che è pronto ad accettare l'offerta che Dio gli fa della misericordia e della consolazione e intraprendere così un cammino di ritorno verso di Lui. Colui che decisamente cammina verso il Signore e con il Signore, non commercia col male e non indulge all'iniquità. Scegliere la compagnia di Dio significa voltare le spalle ad ogni ingiustizia. Chi sceglie di stare accanto a Dio e alla sua Parola non segue il male e non cade nel peccato. Ma colui che vuole essere al di sopra degli altri finirà amaramente di riconoscere che è solo "terra e cenere". La vera vocazione dell'uomo è la lode a Dio, che è il Signore delle schiere celesti ed anche il Padre vicino a tutti gli uomini, suoi figli. Osserva il Siracide: "chi è vivo e sano loda il Signore". La lode è un rendimento di grazie poiché "è grande la misericordia del Signore". Questa misericordia raggiunge i poveri e gli umili, e l'umanità gioisce per un dono così importante ch'è fonte di immortalità. Questa non è un diritto ma un dono; ed è il frutto pieno dell'amore.


25/05/2015
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
GIU
18
domenica 18 giugno
Festa del Corpo e Sangue di Cristo
GIU
19
lunedì 19 giugno
Preghiera per la pace
GIU
20
martedì 20 giugno
Preghiera con Maria, madre del Signore
GIU
21
mercoledì 21 giugno
Preghiera con i Santi
GIU
22
giovedì 22 giugno
Preghiera per la Chiesa
GIU
23
venerdì 23 giugno
Preghiera della Santa Croce
GIU
24
sabato 24 giugno
Vigilia del giorno del Signore
GIU
25
domenica 25 giugno
Liturgia della domenica