Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla prima lettera di Paolo ai Tessalonicesi 2,9-13

Voi ricordate infatti, fratelli, il nostro duro lavoro e la nostra fatica: lavorando notte e giorno per non essere di peso ad alcuno di voi, vi abbiamo annunciato il vangelo di Dio. Voi siete testimoni, e lo è anche Dio, che il nostro comportamento verso di voi, che credete, è stato santo, giusto e irreprensibile. Sapete pure che, come fa un padre verso i propri figli, abbiamo esortato ciascuno di voi, vi abbiamo incoraggiato e scongiurato di comportarvi in maniera degna di Dio, che vi chiama al suo regno e alla sua gloria.
Proprio per questo anche noi rendiamo continuamente grazie a Dio perché, ricevendo la parola di Dio che noi vi abbiamo fatto udire, l'avete accolta non come parola di uomini ma, qual è veramente, come parola di Dio, che opera in voi credenti.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L'apostolo continua in questo brano la sua autodifesa. Se nel brano precedente ha spiegato cosa non ha fatto (1 Ts 2,1-8), ora l'apostolo vuole mettere in luce il bene che ha compiuto. Ha scelto di avere un comportamento irreprensibile consono alla parola che predicava: "Voi stessi siete testimoni… come è stato santo, giusto, irreprensibile il nostro comportamento verso voi credenti". L'apostolo sa bene che il Vangelo è di Dio, certo non suo come di nessun altro, ma è consapevole che la predicazione sarà tanto più efficace quanto più la sua vita corrisponde alle sue parole. Il Vangelo infatti non è una dottrina da apprendere e da comunicare; è una parola forte ed efficace che cambia il cuore e la vita di colui che la predica e quindi anche di colui che l'ascolta. L'apostolo non si è posto nei loro confronti come il trasmettitore di un nuovo sapere, come un maestro di nuove dottrine. Si è posto come un padre che si impegna con tutte le sue forze per generare alla fede nuovi figli. Ricorda ai Tessalonicesi: "Come fa un padre con i propri figli, abbiamo esortato ciascuno di voi a comportarsi in maniera degna di quel Dio che vi chiama al suo regno e alla sua gloria". Con queste parole l'apostolo sa di toccare il cuore dei Tessalonicesi e di aiutarli a continuare nell'ascolto del vangelo e nella vita fraterna. E ringrazia Dio per questo: "Perché, avendo ricevuto da noi la parola divina della predicazione, l'avete accolta non quale parola di uomini, ma, com'è veramente, quale parola di Dio". Potremmo dire che è la consolazione del pastore che vede andare in porto la sua predicazione evangelica. E l'apostolo sa bene che è qui il cuore della esperienza cristiana, la fede che la Parola di Dio "opera in voi che credete" (v. 13).


26/08/2015
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
MAR
19
domenica 19 marzo
Liturgia della domenica
MAR
20
lunedì 20 marzo
Preghiera per la pace
MAR
21
martedì 21 marzo
Preghiera con Maria, madre del Signore
MAR
22
mercoledì 22 marzo
Preghiera con i Santi
MAR
23
giovedì 23 marzo
Preghiera per la Chiesa
MAR
24
venerdì 24 marzo
Preghiera della Santa Croce
MAR
25
sabato 25 marzo
Vigilia del giorno del Signore
MAR
26
domenica 26 marzo
Liturgia della domenica