Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Ricordo di sant'Agostino (354-430), vescovo d'Ippona (oggi in Algeria) e dottore della Chiesa.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla prima lettera di Paolo ai Tessalonicesi 4,1-8

Per il resto, fratelli, vi preghiamo e supplichiamo nel Signore Gesù affinché, come avete imparato da noi il modo di comportarvi e di piacere a Dio - e così già vi comportate -, possiate progredire ancora di più. Voi conoscete quali regole di vita vi abbiamo dato da parte del Signore Gesù. Questa infatti è volontà di Dio, la vostra santificazione: che vi asteniate dall'impurità, che ciascuno di voi sappia trattare il proprio corpo con santità e rispetto, senza lasciarsi dominare dalla passione, come i pagani che non conoscono Dio; che nessuno in questo campo offenda o inganni il proprio fratello, perché il Signore punisce tutte queste cose, come vi abbiamo già detto e ribadito. Dio non ci ha chiamati all'impurità, ma alla santificazione. Perciò chi disprezza queste cose non disprezza un uomo, ma Dio stesso, che vi dona il suo santo Spirito.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo inizia questa parte della Lettera richiamandosi all'autorità di Gesù. E in suo nome mostra ciò che "piace a Dio" (4,1), quale è la "sua volontà" (4,3; 5,18). L'esortazione è porta come una preghiera, tanto la sente decisiva. I Tessalonicesi sanno già come comportarsi per piacere a Dio: lo stesso apostolo gliel'aveva mostrato quando era con loro, sia con l'esempio che con l'insegnamento. Essi debbono perseverare in questa via, anzi distinguersi ancor più nel percorrerla, sino alla santità. La volontà di Dio è la nostra santificazione, ossia appartenere in tutto a Dio ed essere quindi lontani dal mondo e sciolti dai suoi legami. Dio esigeva la santità già nell'Antico Testamento: "Poiché io sono il Signore, che vi ho fatto uscire dalla terra d'Egitto per essere il vostro Dio; siate dunque santi, perché io sono santo" (Lv 11,44-45). Mai era stato formulato in maniera più valida ciò che Dio vuole da noi. Nel Nuovo Testamento, però, la santità non consiste più nell'offerta di sacrifici e nell'osservanza delle leggi, come pensavano gli ebrei, ma nell'accoglienza dello Spirito Santo nel proprio cuore. In tal modo i credenti sono trasformati in nuove creature che vivono e si comportano secondo lo Spirito. Paolo esorta i Tessalonicesi ad avere comportamenti che rispettino la dignità del proprio corpo e la santità del matrimonio. È decisivo abbandonare la mentalità paganeggiante che fa essere schiavi di se stessi e dei propri istinti. Mette poi in guardia dalla sete di guadagno e dalla cupidigia che portano a soverchiare gli altri e ad umiliarli. Dio, scrive ancora l'apostolo, "non ci ha chiamato all'impurità, ma alla santificazione" (4,7), ossia ad abbandonare comportamenti egocentrici e violenti per volgerci verso Dio. Pertanto chi disprezza tali precetti disprezza Dio stesso, mentre chi resta nella "santità" dimora nell'amore. Per questo l'apostolo scrive: "Riguardo all'amore fraterno, non avete bisogno che ve ne scriva; voi stessi infatti avete imparato da Dio ad amarvi gli uni gli altri, e questo lo fate verso tutti i fratelli dell'intera Macedonia. Ma vi esortiamo, fratelli, a progredire ancora di più" (4,9-10). Se l'amore è lo Spirito effuso da Dio nel cuore dei credenti, lo Spirito stesso è il maestro interiore che guida ogni discepolo. L'amore fraterno, infatti, non è un precetto degli uomini, ma il comandamento nuovo che Gesù ha dato ai discepoli di ogni tempo facendone il segno distintivo del loro legame con lui. Ed è un dono che deve essere vissuto in maniera sempre più ampia. Nessuno può adagiarsi sull'amore che c'è già. È l'amore stesso che chiede di crescere e di allargarsi. L'apostolo esorta infine i Tessalonicesi a condurre una vita serena, ossia abbandonata alla volontà di Dio, e a distinguersi per una vita "decorosa" di fronte agli estranei. Torna in mente l'affermazione degli Atti a proposito dei primi cristiani di Gerusalemme, i quali "godevano il favore di tutto il popolo" (At 2,47). E possiamo accogliere l'altra raccomandazione di Paolo ai Corinzi: "Non siate motivo di scandalo né ai Giudei, né ai Greci, né alla Chiesa di Dio; così come io mi sforzo di piacere a tutti in tutto, senza cercare il mio interesse ma quello di molti, perché giungano alla salvezza" (1 Cor 10,32ss.).


28/08/2015
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
MAR
19
domenica 19 marzo
Liturgia della domenica
MAR
20
lunedì 20 marzo
Preghiera per la pace
MAR
21
martedì 21 marzo
Preghiera con Maria, madre del Signore
MAR
22
mercoledì 22 marzo
Preghiera con i Santi
MAR
23
giovedì 23 marzo
Preghiera per la Chiesa
MAR
24
venerdì 24 marzo
Preghiera della Santa Croce
MAR
25
sabato 25 marzo
Vigilia del giorno del Signore
MAR
26
domenica 26 marzo
Liturgia della domenica