Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal primo libro di Samuele 4,1b-11

I Filistei si schierarono contro Israele e la battaglia divampò, ma Israele fu sconfitto di fronte ai Filistei, e caddero sul campo, delle loro schiere, circa quattromila uomini.
Quando il popolo fu rientrato nell'accampamento, gli anziani d'Israele si chiesero: "Perché ci ha sconfitti oggi il Signore di fronte ai Filistei? Andiamo a prenderci l'arca dell'alleanza del Signore a Silo, perché venga in mezzo a noi e ci liberi dalle mani dei nostri nemici". Il popolo mandò subito alcuni uomini a Silo, a prelevare l'arca dell'alleanza del Signore degli eserciti, che siede sui cherubini: c'erano con l'arca dell'alleanza di Dio i due figli di Eli, Ofni e Fineès. Non appena l'arca dell'alleanza del Signore giunse all'accampamento, gli Israeliti elevarono un urlo così forte che ne tremò la terra. Anche i Filistei udirono l'eco di quell'urlo e dissero: "Che significa quest'urlo così forte nell'accampamento degli Ebrei?". Poi vennero a sapere che era arrivata nel loro campo l'arca del Signore. I Filistei ne ebbero timore e si dicevano: "È venuto Dio nell'accampamento!", ed esclamavano: "Guai a noi, perché non è stato così né ieri né prima. Guai a noi! Chi ci libererà dalle mani di queste divinità così potenti? Queste divinità hanno colpito con ogni piaga l'Egitto nel deserto. Siate forti e siate uomini, o Filistei, altrimenti sarete schiavi degli Ebrei, come essi sono stati vostri schiavi. Siate uomini, dunque, e combattete!". Quindi i Filistei attaccarono battaglia, Israele fu sconfitto e ciascuno fuggì alla sua tenda. La strage fu molto grande: dalla parte d'Israele caddero trentamila fanti. In più l'arca di Dio fu presa e i due figli di Eli, Ofni e Fineès, morirono.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

I capitoli 4-6, chiamati il "racconto dell'arca", mostrano ancora una volta che chi guida gli eventi della storia è sempre la "mano" di Dio. In questi racconti, infatti, Samuele, che pure è stato appena scelto da Dio come suo profeta, non appare. Il Signore stesso sembra voler agire direttamente. Nel capitolo 4 si narra il primo episodio del drammatico e ampio racconto dell'arca (capitoli 4-6). È il primo e vero grande scontro tra gli israeliti e i filistei, considerati questi ultimi come i veri padroni del paese. Nel primo confronto gli israeliti sono sconfitti e gli anziani attribuiscono la disfatta alla mancata presenza dell'arca nella battaglia. Essi non si interrogano se sono fedeli agli insegnamenti del Signore e pensano che tutto dipenda dalla presenza fisica o meno dell'arca in mezzo a loro. In effetti, appena vedono l'arca arrivare, tornano sia l'entusiasmo che la fiducia e si scatenano le antiche energie legate alla guerra (v. 5). I filistei sentono questo entusiasmo e si preoccupano (v. 6). Hanno timore del Dio di Israele. Non ne conoscono il nome, ma sentono che la sua potenza è ora presente in Israele, contro di loro. Riconoscono che "non era così nei giorni passati" (v. 7) e pensano che questa nuova situazione sia analoga a quella che portò alla sconfitta degli egiziani (v. 8). In effetti, i filistei interpretano correttamente la storia e la fede di Israele e ricordano con terrore quel che accadde agli egiziani. Questo ricordo però non porta i filistei alla resa. Al contrario, la paura della sottomissione fa ritrovare loro il coraggio e l'audacia (v. 9). Intraprendono la battaglia e vincono una seconda volta. Anche l'arca, nella quale Israele riponeva la sua fiducia e dinanzi alla quale i filistei avevano tremato di paura, non ha potuto salvare Israele dalla sconfitta. L'autore non offre però nessuna spiegazione a riguardo. Il risultato di questa seconda battaglia dimostra solo che la fiducia di Israele e la paura dei filistei erano mal riposte (vv. 10-11). È chiaro che la sconfitta non può più essere compresa come conseguenza dell'assenza del Signore, presente nell'arca, ma solo perché il Signore stesso l'ha permessa. Israele è turbato. Il problema, infatti, non era l'assenza di Dio ma cosa Israele aveva fatto del suo rapporto privilegiato e fiduciale con il Signore. La cattura dell'arca e l'uccisione dei due figli di Eli, responsabili del trasporto, mostrano che non basta un'adesione esteriore al Signore se il cuore e i comportamenti sono lontano dalla Legge. Se il cuore è lontano, la presenza o l'assenza dell'arca non comporta nessun cambiamento: Israele è comunque sconfitto. Certo, la seconda sconfitta appare più sconvolgente (v.10). Ma il patto con Dio regge solo su un rapporto diretto e personale. La fede biblica si sostanzia in un legame amicale prima ancora che su pratiche rituali. L'arca è sì il luogo della presenza di Dio, ma al credente si richiede quel legame filiale con il Signore che l'arca favorisce ma non può sostituire.


14/01/2016
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
23
lunedì 23 ottobre
Preghiera per i poveri
OTT
24
martedì 24 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
25
mercoledì 25 ottobre
Preghiera con i Santi
OTT
26
giovedì 26 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
27
venerdì 27 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
28
sabato 28 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
29
domenica 29 ottobre
Liturgia della domenica