Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria del santo profeta Davide. A lui sono attribuiti alcuni salmi. Da secoli i salmi nutrono la preghiera degli ebrei e dei cristiani. Memoria di san Tommaso Becket (+1170), difensore della giustizia e della dignità della Chiesa.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e pace in terra agli uomini che egli ama

Alleluia, alleluia, alleluia !

Salmo 96 (95), 1-3.6

1 Cantate al Signore un canto nuovo,
cantate al Signore, uomini di tutta la terra.

2 Cantate al Signore, benedite il suo nome,
annunciate di giorno in giorno la sua salvezza.

3 In mezzo alle genti narrate la sua gloria,
a tutti i popoli dite le sue meraviglie.

6 Maestà e onore sono davanti a lui,
forza e splendore nel suo santuario.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Oggi facciamo memoria del profeta Davide che ha nutrito la preghiera di una schiera innumerevole di ebrei e cristiani con i suoi salmi. Il Salmo 96 che la liturgia oggi ci fa cantare è tra quelli a lui attribuiti. E ha fatto parte, nella tradizione ebraica, della solenne liturgia del sabato. Il Salmo canta la signoria di Dio sull'universo: il cielo, la terra, il mare, i campi, gli alberi della foresta, le famiglie dei popoli, tutti sono invitati a cantare le lodi al Signore. Per tre volte nel corso del Salmo si ripete l'invito: «Cantate!». Il mondo intero è chiamato a gioire di fronte alla notizia che Dio viene a "governare" e a "giudicare" la terra. Nel Natale queste parole del Salmo ci invitano a contemplare il Signore del cielo e della terra che si è fatto bambino: è lui il Salvatore inviato dal Padre per liberare il mondo dal peccato e dalla morte. Il Vangelo del Natale è Dio che si fa piccolo per starci accanto. È un Vangelo pieno di tenerezza e di forza assieme: è nato un bambino, non un adulto potente o un intrepido guerriero, eppure questo Bambino cambia la storia del mondo. Da quella nascita nulla è più come prima nel mondo, nulla è perduto per sempre, nulla è abbandonato alle forze del male per sempre. È nato il Salvatore! Per questo il Salmo, assieme a tutta la liturgia, ci invita ad «annunciare» e a «narrare» in mezzo ai popoli che «Dio regna» (v. 10). E all'inizio le parole del salmista ci esortano a non fermarci all'annuncio di un momento. C'è bisogno di non cessare mai di comunicare la buona notizia della salvezza di Dio: «Annunciate di giorno in giorno la sua salvezza. In mezzo alle genti narrate la sua gloria, a tutti i popoli dite le sue meraviglie» (vv. 2-3). In effetti il Natale è per il mondo intero, è per tutti i popoli. C'è bisogno oggi che il mondo rinasca a una vita nuova. E la rinascita inizia dal cuore, da quello di ogni credente. Diceva il mistico cristiano, Silesio: «Nascesse Cristo mille volte a Betlemme, ma non nel tuo cuore, saresti perso per sempre». La grotta di Betlemme è il santuario abitato da Dio. A quella grotta si possono applicare le parole del Salmo: «Maestà e onore sono davanti a lui, forza e splendore nel suo santuario» (v. 6). Beati noi se imitiamo quei pastori e quei Magi che lasciano le loro abitudini e si incamminano verso quel bambino e per accoglierlo nel cuore!


29/12/2016
Preghiera del tempo di Natale


Calendario della settimana
OTT
15
domenica 15 ottobre
Liturgia della domenica
OTT
16
lunedì 16 ottobre
Preghiera per la pace
OTT
17
martedì 17 ottobre
Preghiera con Maria, madre del Signore
OTT
18
mercoledì 18 ottobre
Preghiera degli Apostoli
OTT
19
giovedì 19 ottobre
Preghiera per la Chiesa
OTT
20
venerdì 20 ottobre
Preghiera della Santa Croce
OTT
21
sabato 21 ottobre
Vigilia del giorno del Signore
OTT
22
domenica 22 ottobre
Liturgia della domenica