Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Preghiera per l'unità dei cristiani. Memoria particolare delle Chiese ortodosse.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Salmo 40 (39), 7-10.17

7 Sacrificio e offerta non gradisci,
gli orecchi mi hai aperto,
non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato.

8 Allora ho detto: "Ecco, io vengo.
Nel rotolo del libro su di me è scritto
9 di fare la tua volontà:

mio Dio, questo io desidero;
la tua legge è nel mio intimo".

10 Ho annunciato la tua giustizia nella grande assemblea;
vedi: non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai.

17 Esultino e gioiscano in te
quelli che ti cercano;
dicano sempre: "Il Signore è grande!"
quelli che amano la tua salvezza.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Oggi la liturgia ci fa pregare con le parole della parte centrale del Salmo 40. La Lettera agli Ebrei che stiamo ascoltando in questi giorni, si richiama a questo Salmo. Le parole dei versetti che oggi meditiamo seguono il «canto nuovo» del credente che nell'assemblea canta a Dio il suo ringraziamento: «Mi ha messo sulla bocca un canto nuovo, una lode al nostro Dio» (v. 4), e scorge la beatitudine che nasce dall'ascolto delle parole del Signore: «Beato l'uomo che ha posto la sua fiducia nel Signore e non si volge verso chi segue gli idoli né verso chi segue la menzogna» (v. 5). Queste parole manifestano la beatitudine del credente che si affida al Signore e alla sua Parola. È una fiducia che porta il credente ad essere familiare di Dio, suo amico, sino a poter parlare liberamente con lui e a dirgli con audacia: «Dio mio, non tardare». L'amicizia con Dio, che vuol dire il dono del proprio cuore al Signore, gli fa capire che il rapporto con il Signore non è una questione esteriore, fatta di riti e di pratiche religiose, ma, appunto, è una questione di cuore, di amore, di fedeltà, di passione. Con sapienza spirituale il salmista dice: «Sacrificio e offerta non gradisci, gli orecchi mi hai aperto, non hai chiesto olocausto né sacrificio per il peccato. Allora ho detto: "Ecco io vengo"» (v. 7). Queste parole sono state accolte dalla Lettera agli Ebrei che in questi giorni ci viene annunciata nella liturgia. Esse sono state applicate a Gesù. Ma esprimono il rapporto che il credente deve avere con il suo Signore. Egli non vuole sacrifici di animali o di cose, ma la disponibilità alla sua volontà. E Gesù è l'esempio di questa obbedienza. Anche Gesù avrà cantato queste parole del Salmo: «Nel rotolo del libro su di me è scritto di fare la tua volontà: mio Dio, questo io desidero; la tua legge è nel mio intimo» (vv. 8-9). Più volte Gesù ha ripetuto nei Vangeli che lui era venuto per fare non la sua ma la volontà del Padre. E chiede ai discepoli di vivere questa stessa obbedienza. Li esorta a pregare così: «Voi dunque pregate così: Padre nostro che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome; venga il tuo regno; sia fatta la tua volontà» (Mt 6,9-10). I discepoli sono esortati a uscire da loro stessi per concentrarsi verso il Padre, per accogliere e vivere il suo sogno sul mondo. La volontà di Dio infatti è che tutti gli uomini vivano nella pace. È questa la ragione della missione stessa di Gesù. Anche noi dobbiamo cantare con il salmista: «Ho annunciato la tua giustizia nella grande assemblea; vedi: non tengo chiuse le labbra, Signore, tu lo sai» (v. 10). Gesù non ha mai cessato di comunicare il Vangelo del regno e mai ha dimenticato di perseguire la volontà del Padre suo.


19/01/2017
Preghiera per la Chiesa


Calendario della settimana
GIU
25
domenica 25 giugno
Liturgia della domenica
GIU
26
lunedì 26 giugno
Preghiera per i poveri
GIU
27
martedì 27 giugno
Preghiera con Maria, madre del Signore
GIU
28
mercoledì 28 giugno
Preghiera con i Santi
GIU
29
giovedì 29 giugno
Preghiera degli Apostoli
GIU
30
venerdì 30 giugno
Preghiera della Santa Croce
LUG
1
sabato 1 luglio
Vigilia del giorno del Signore
LUG
2
domenica 2 luglio
Liturgia della domenica